Rugby: correttezza e gioco di squadra

Continuiamo la nostra carrellata sugli sport più indicati per i bambini, al di fuori di quelli più classici, puntando questa settimana i riflettori sul rugby, uno sport di squadra che insegna il fair play e la correttezza.

Articoli Correlati

Rugby: correttezza e gioco di squadra




Diffuso e praticato soprattutto nei Paesi Anglosassoni (Gran Bretagna, Stati Uniti, Irlanda) e nelle ex colonie inglesi (Nuova Zelanda, Australia, Sud Africa, Figi.), il rugby é uno sport di squadra definito, nella sua accezione più generale, come uno sport di combattimento e situazione che prevede il contatto fisico e il confronto tra i giocatori. Considerato per secoli lo sport dell'upper class che lo praticava senza scopo di lucro, se così si può dire, a livello puramente amatoriale, é particolarmente consigliato per i più piccoli dal momento che, a differenza della maggior parte degli sport, si fonda su principi quali il rispetto per l'avversario e per l'arbitro facendone i capisaldi della sua valenza educativa. Non é un caso, quindi, che la Federazione Italiana Rugby abbia un settore interamente dedicato al Mini Rugby atto a promuoverlo all'interno delle scuole accanto a progetti finalizzati all'educazione degli alunni.

 
RUGBY: PALESTRA DI VITA

La valenza fortemente educativa del rugby proposto a bambini dai 6 anni in su emerge in numerosi aspetti che non riguardano solamente il regolamento, ma le caratteristiche intrinseche dello sport stesso; il rugby, infatti, agisce su una spinta innata del bambino: quella di acchiappare una palla con le mani e correre, rotolandosi per terra non appena questo gli viene consentito.


Ecco perchè il rugby, in tutte le sue accezioni, ha a che fare con la libertà , vissuta, però, in un contesto di regole e rispetto, per i compagni e per gli avversari.
L'allenatore, a differenza di altri sport di squadra, é considerato una specie di educatore. Oltre che preparatore atletico, quindi, deve essere capace di gestire un gruppo adattando la sua proposta alle esigenze delle persone, ragazzi e ragazze, che ha di fronte. Il gioco di squadra é determinanti in allenamento come in partita.

 

 
RUGBY: DA CHE ETà

In Italia il minirugby viene proposto a bambini (e bambine) a partire dai 7 anni. Le regole sono piuttosto semplici a questa età  e gli allenamenti servono, soprattutto, per insegnare ai piccoli a correre con la palla in mano. L'aspetto ludico é, chiaramente, prevalente rispetto all'aspetto agonistico.
Trattandosi di uno sport di contatto, anche il minirugby richiede che il bimbo sia in buone condizioni di salute e che il suo apparato muscolare e osteoarticolare siano in forma.
A dispetto di quello che si potrebbe pensare, però, il minirugby non é affatto pericoloso e tanto meno violento. Nello scontro con l'avversario, infatti, esiste una sorta di rispetto per l'altro. Quindi, anche il contatto avviene in modo tale che i due non si facciano male e sarà  sempre proporzionato alla stazza del bimbo e alle sue capacità .

 

Commenta questo articolo
  • Commento inserito da Silvia il 19 settembre 2017 alle ore 01:40

    Mia figlia dall'anno scorso ha iniziato a giocare a Rugby con Rugbytots, un programma di rugby per piccolissimi a partire dai 2 anni. Si diverte tantissimo, impara a giocare con i suoi compagni di squadra e ogni giorno vorrebbe mettersi la divisa..

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Influenza-o-covid

Covid o influenza? Come distinguerli?

Mentre alcuni pediatri lanciano un allarme per il numero eccessivo di tamponi eseguiti sui bambini, come possono i genitori distinguere i sintomi influenzali da quelli del covid?

continua »
Capoeira-2020

Capoeira: tra danza e lotta

Salti, calci, piroette e movimenti dolci. In una parola Capoeira. La danza che arriva dal Brasile e piace tanto ai bambini di tutte le età. Perché sceglierla tra i corsi sportivi.

continua »
Kumon

Kumon. Un metodo di apprendimento per inglese e matematica

Nato in Giappone 60 anni fa e molto diffuso nel mondo, il metodo Kumon ha l'obbiettivo di fornire ai bambini, dall'età di 2 anni, gli strumenti per 'imparare a imparare'. Facilitando, in questo modo, l'apprendimento delle lingue straniere.

continua »
Shopping-scuola-2020

Back to school: i must have del 2020

Oltre a penne, matite e quaderni, ecco i must have che non devono assolutamente mancare nella lista delle cose da comprare per la scuola.

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network