Scuole aperte fino a fine giugno?

Quest'anno, tra ponti ed elezioni amministrative, in moltissimi comuni in Italia tante scuole chiuderanno i primi di giugno. Pe rle famiglie un'ulteriore difficoltà che si aggiunge alla gestione dei figli. E se le scuole chiudessero a fine giugno? Se ne parla in rete.


La notizia che le scuole, per molti Comuni italiani, chiuderanno a fine maggio per consentire lo svolgimento delle elezioni amministratiche che, lo ricordiamo, si terranno il 5 giugno, ha scosso la rete.
Le famiglie emiliane si sono mosse con una petizione indirizzata al Ministro dell'Istruzione Stefania Giannini e all'Ufficio Scolastico dell'Emilia Romagna per prolungare l'apertura fino al 30 giugno, raggiungendo in pochissimi giorni ben 3000 firme.


La perplessità è la stessa per tutti: ma con una chiusura così anticipata, come gestire i bambini in un'estate che, per chi lavora, sembra non finire mai?
E' un tema caldo che necessiterebbe, in generale, un approfondimento e non solo in relazione al 2016 (quando, appunto, il ponte del 2 giugno è andato ad accavvallars con le elezioni).

Le scuole italiane, di fatto, prevedono un periodo di chiusira estivo di quasi tre mesi.
Considerato che per chi lavora le ferie aziendali non superano, in generale, le tre settimane, la gestione delle giornate dei piccoli rimane un onore a carico delle famiglie, laddove i centri estivi comunali non riescono, nel modo più assoluto, a rispondere alla domanda e i centri estivi privati hanno spesso costi inaccesibili o che comportano un grosso onere per mamme e papà già subissati da spese di tutti i tipi.

Cosa accade in Europa?
Pubblichiamo qui un grafico illustrativo elaborato da Eurydice relativo all'anno scolastico 2013-2014 e che ben illustra quanti sono i giorni di chiusura scolastica, distributi su tutto l'anno, nnegli altri Paesi dell'Unione.



Come si evince, il problema italiano non è tanto riferito al numero di giorni di chiusura, ma al modo in cui questi vengono concentrati in un'intera stagione, quella estiva, creando grossi difficoltà di gestione del tempo libero dei bambini.

Da più parti arriva forte la richiesta di prolungare il calendario scolastico estivo, per lo meno, fino alla fine di giugno. Introducendo nuovi periodo di chiusura durante l'anno e interrompendo secondo un calendario diverso lo svolgimento delle lezioni.

L'idea non è malsana e tiene anche conto della difficoltà dei bimbi, dopo tre mesi di assenza da scuola, di riadattarsi ai ritmi e alla mole di lavoro che la scuola impone.
Sull'argomento gli insegnanti nicchiano quando non sono del tutto sfavorevoli.
Esistono difficoltà oggettive che vanno sottolineate.
  1. La maggior parte delle strutture scolastiche italiane non sono attrezzate per accogliere i bambini nei mesi caldi (banalmente, impianti di condizionamento che non rendano un incubo lo svolgimento delle lezioni)
  2. Molti insegnanti sono impegnati, nel mese di giugno, nello svolgimento di consigli di classe, scuola ed esami, rendendo difficile la calendarizzazione delle lezioni stesse.

Come procedere, dunque?
ll problema non è semplice e banale. Ciascuno ha le proprie ragioni per dire no.
Vero è che una chiusura di tre mesi rappresenta un problema reale per tutti quei genitori che lavorano e che nel periodo estivo possono contare, al limite, su un periodo di ferie non superiore alle tre settimane, spesso concentrate nel mese di agosto.

Alcuni genitori optano per vacanze separate. In modo da coprire, con sei settimane, una parte delle vacanze estive dei figli. Rimangono, comunque, fuori, in media, sette settimane.
Chi ha i nonni si appoggia al loro supporto. Se possibile spendendo al mare o in montagna i pargoli.
Chi i nonni non ce li ha e ha la possibilità di sborsare ingenti somme di denaro, si rivolge alle strutture private che offrono soluzioni di campus residenziali e centri estivi cittadini a fronte del pagamento di una quota generalmente non troppo abbordabile (e nelle altre settimane, comunque, che si fa?).
Chi non ha né nonni né soldi spera che la sua domanda per la frequentazione dei centri estivi comunali venga accolta. Ma gli esclusi ogni anno sono numerosi. 

L'offerta formativa dei centri estivi, poi, non è sempre di livello, anche a fronte del versamento di consistenti quote di denaro.
Non è facile muoversi e agire in un contesto simile.
Ed ecco spiegate le ragioni delle petizioni e delle sempre più insistenti richieste di prolungare l'orario scolastico, per lo meno, fino alla fine di giugno. Come d'altra parte avviene nelle Scuole di Infanzia e nei nidi.

Commenta questo articolo
  • Commento inserito da Norma il 31 luglio 2016 alle ore 21:54

    La società deve mettersi al passo con i tempi. siamo fermi ancora a quando le mamme erano a casa, senza andare al lavoro, e potevano seguire i figli. Poiché ora non è più possibile è necessario pensare di fornire un appoggio alle famiglie che sia sostenibile per tutti: per i bimbi, in primo luogo, e per i genitori che lavorano. Magari permettendo allora ai genitori di avere le vacanze contemporaneamente con i figli fino a che essi frequentano la scuola media ed i primi due anni di superiori ad esempio. Non è chiaro infatti perché la categoria degli insegnanti sia l 'unica ad avere a disposizione un sacco di giorni di vacanze, mentre le altre categorie hanno a mala pena 28 giorni di ferie all'anno. Tutti quanti dovremmo avere gli stessi diritti di poter seguire serenamente i nostri figli senza rischiare di perdere il lavoro o dissanguarci con i centri estivi. Inoltre con 3 mesi estivi di vacanze, non dimentichiamo, che i ragazzi vengono caricati di compiti come se fossero prossimi alla fine del mondo...magari una serie di interruzioni durante l'anno e vacanze estive ridotte potrebbe consentire ai bimbi/ragazzi di poter godere finalmente anche loro, come i loro insegnanti, di meritate vacanze.

  • Commento inserito da Silvia il 31 luglio 2016 alle ore 20:15

    Il problema sicuramente esiste ma non può essere risolto sempre con la scuola. Già si mandano i figli a scuola tutto il giorno per lo stesso motivo. I bambini hanno anche il diritto a riposarsi, a giocare, é anche così che imparano. Arrivano a maggio che già sono stanchi, e fa caldo, è egoistico mandarli a scuola fino a fine giugno. Capisco i genitori che lavorano ma forse, invece che chiedere di allungare la scuola, dovrebbero chiedere allo stato di intervenire in un altro modo. Di soluzioni ce ne possono essere altre, più sane e rispettose dei bambini

  • Commento inserito da Martina il 26 maggio 2016 alle ore 17:18

    sono d'accordo.io e mio marito nn abbiamo neanche le tre settimane di ferie..niente nonni e x questo motivo molti nn hanno figli.ma nn mi sembra affatto giusto. cgi governa dovrebbe gestire meglio tutte le problematiche legate alla scuola.nn tutti si possono permettere babysitter o altro.

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Registrazione-scuola2018

Iscrizioni scolastiche 2018-2019 al via

A partire da oggi, 16 gennaio 2018 fino al 6 febbraio 2018, è possibile effettuare l'iscrizione a scuola per i bambini che il prossimo anno si troveranno a frequentare la classe prima della scuola primaria e secondaria di primo e secondo grado. 

continua »
Registrazione-Miur

Iscrizioni a scuola: da oggi è possibile registrarsi

A partire da oggi, martedì 9 gennaio 2018, è possibile registrarsi al sito del Ministero dell'Istruzione per ottenere il PIN funzionale a effettuare l'iscrizione vera e propria a partire dal 16 gennaio. 

continua »
Dieta-contro-influenza

Una dieta contro l'influenza

Una dieta adeguata, ricca di vitamine e sali minerali e a base di prodotti di stagione, permette di prevenire e combattere i virus influenzali che stanno mettendo a letto tanti bambini (e adulti) in questi giorni.

continua »
Modulo-TempoPieno

Iscrizioni a scuola: modulo o tempo pieno?

In vista delle iscrizione a scuola di gennaio, facciamo un po' di chiarezza sul Tempo Scuola: meglio modulo o tempo pieno?

continua »
Cerca altre strutture







Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network