Tangram: fantasia al potere

Il Tangram, antico gioco cinese che prevede la costruzione di figure a partire da 7 pezzi geometrici diversi, è molto più che un gioco per bambini. E aiuta a sviluppare concentrazione e metodo.

Articoli Correlati

Tangram: fantasia al potere



 


Un gioco millenario che piace ai grandi e ai bambini. Apparentemente semplicissimo. In realtà, in grado di mettere alla prova le menti più argute. È il Tangram, giunto fino a noi dalla Cina attraverso secoli di storia. E che rimane ancora oggi una valida alternativa ai giocattoli moderni. Per chi vuole regalare un evergreen intelligente e stimolante.



UN PO' DI STORIA


La leggenda narra che un uomo dovesse recarsi presso il suo re per consegnargli una lastra di vetro quadrata che doveva servire per una finestra. L'uomo affrontò un lungo viaggio, attraversò mari e monti, scalò le dune nel deserto finché, arrivato in prossimita del palazzo, per l'emozione nel vederlo, cadde da una rupe rompendo la lastra.
Giunto dal re, gli disse dell'incidente e aprì il pacco che conteneva il vetro e con sua grandissima sopresa si rese conto che questo non era andato in frantumi, ma si era semplicemente rotto in 7 pezzi: due triangoli rettangoli grandi, un triangolo rettangolo medio e due piccoli, un quadrato ed un parallelogramma.
L'uomo, allora, iniziò a utilizzarli per disegnare delle figure e raccontare al sovrano del suo lungo viaggio e di come, appunto, il vetro si fosse rotto. Al re piacque talmente tanto che decise di trasformare l'incidente in un'occasione. E la lastra rotta fu alla base della nascita del Tangram.

IN COSA CONSISTE IL GIOCO

Il gioco consiste nel realizzare figure utilizzando tutti i sette pezzi, presi ciascuno una sola volta, senza sovrapporli.
Lo si può fare in autonomia, utilizzando la propria fantasia e creatività, oppure ci si può lasciare guidare dal libricino che illustra tutte le figure che si possono comporre (sono circa un centinaio).
Un'alternativa è quella di sfidare gli avversari a realizzare alcune figure nel minor tempo possibile, rispettando l'utilizzo dei pezzi geometrici.

Il Tangram mette sicuramente in gioco la fantasia di tutti. Ma fa anche di più: aiuta la concentrazione, migliora la capacità di analisi e sintesi, avvicina alla ricerca di un approccio metodologico, aguzza l'ingengo.
Per questo considerarlo un gioco da bambini è limitante: il Tangram è molto molto di più. È un vero e proprio rompicapo sul quale occorre mettercisi con la testa, seriamente.
È adatto anche ai piccolissimi. Perché li aiuta a comporre, creare e li soddisfa con la comparsa di immagini che prima non c'erano.
È perfetto per un regalo di compleanno, come gioco per le ore solitarie, in spiaggia, in viaggio....
Insomma, un gioco decisamente versatile per tutta la famiglia.

 

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
bambino2 felice_cv

12 cose che rendono felice un bambino

Sottotitolo: senza mettere mano al portafogli. Ossia quali sono le cose che i bambini amano fare e che possono essere proposte loro che non prevedano spese e che non rientrino nella categoria 'vizi'.

continua »
bambino felice_cv

10 cose da dire che rendono felice un bambino

La tendenza è quella di dire al bambino quello che non deve fare. Spesso il suo operato viene messo in discussioni con frasi fortemente negative che minano l’autostima del piccolo. Con i figli si tende a essere più critici che costruttivi. Cosa dire, invece, a un bimbo per renderlo più felice?

continua »
disagicibo_cv

Le difficoltà dei bambini a tavola: disagi o disturbi?

 Disturbi e disagi alimentari non sono la stessa cosa. In entrambi i casi, però, spesso c'è una richiesta di attenzione da parte del bambino che attraverso il cibo manifesta problemi di altro genere.

continua »
bambinicibo_cv

Bambini e cibo: nutriamo il cuore dei bambini

La dottoressa Cristina Savatteri ci spiega come molti dei disturbi alimentari dei bambini derivino da una sbagliata interiorizzazione del cibo nella primissima infanzia. 

continua »
Cerca altre strutture