Tik Tok. Il nuovo social che fa impazzire gli adolescenti

Se Facebook è roba da vecchi e Instagram è il social degli influencer, Tok Tok è la nuova frontiera per gli adolescenti. L'età minima per l'iscrizione è fissata a 13 anni. La realtà, però, è che è frequentato anche da bambini della scuola elementare. 

Tik Tok. Il nuovo social che fa impazzire gli adolescenti



Il social del momento arriva dalla Cina, è stato lanciato nel 2016 e si è affermato con il nome Douyin.


Consiste in un'app che permette agli utenti di creare brevi video musicali di durata variabile (stiamo parlando, comunque, di una manciata di secondi) sui quali è possibile aggiungere filtri ed effetti particolari.
Presente in 150 Paesi, tradotto in 75 lingue, conta a livello globale quasi un miliardo di utenti, la maggior parte in Cina, 250 milioni in India e 100 milioni negli Stati Uniti.
In Italia (dati aggiornati a novembre 2018) gli iscritti sono circa 2,6 milioni, la maggior parte dei quali con un'età inferiore ai 18 anni e di sesso femminile (in Spagna gli utenti ammontano a 2,7 milioni, in UK 3,7 milioni, Francia 4 milioni e Germania 4,1 milione). L’uso quotidiano è di circa 34 minuti. Le visualizzazioni di video mensili ammontano a 3 miliardi. Gli hashtag più noti - #wasabisong, #backtoschool, #greenscreen - possono superare anche i 60 milioni di visualizzazioni.

Nella classifica dei più seguiti, tra gli italiani, troviamo Virginia Montemaggi (17 anni, 4,1 milioni di follower), Marta Losito (15 anni, 2,3 milioni di follower), Maryna (+ di 18, 753mila follower). A livello mondiale, invece, spiccano le gemelle Lisa e Lena Mantler (17 anni, 37,2 milioni di follower), Loren Gray (17 anni, 30,5 milioni di follower), Baby Ariel (15 anni, 29,3 milioni di follower).
La lista continua a suon di migliaia di seguaci, con un'età media che non supera i 17 anni.

Ma come funziona Tik Tok? E perché fa impazzire adolescenti e bambini al punto da tallonare a vista colossi del calibro di Instagram (Facebook ormai da tempo è il social degli over 40, abbandonato già dai millenials che lo trovano antiquato e noioso)?

COME FUNZIONA L'APP

Il funzionamento è piuttosto semplice e nella sua semplicità banale: si crea un account (naturalmente si può utilizzare la social login per semplificare e velocizzare il processo) e una volta entrati si possono creare (e guardare) video della durata massima di 15 secondi ai quali possono essere applicati filtri ed effetti. L'obiettivo è stupire, fari ridere, intrattenere.
Nulla di serio. Nessuna alta filosofia alle spalle. Solo il puro gusto di 'farlo tanto per...'.
Come in ogni social che si rispetti è possibile seguire ed essere seguiti da altri utenti, scegliere di avere un account pubblico o privato, esprimere il proprio apprezzamento, commentare, aggiungere degli hashtag alle proprie creazioni.
Gli hashtag più popolari ottengono migliaia di visualizzazione e influenzano le produzioni all'interno della piattaforma (per esempio, in Italia, ha spopolato negli ultimi giorni l'hashtag #iosonogiorgia).
In cosa consiste, dunque, la novità?
  • Innanzitutto, su Tik Tok i contenuti sono immediatamente accessibili, senza le lungaggini dell'iscrizione e della creazione di un account. Questo lo rende immediatamente fruibile anche dai più piccoli.
  • I video sono brevi, anzi brevissimi. L'esigenza di guardarne uno, un altro ancora, crea dipendenza. Di uno in uno, di 15 secondi in 15 secondi, possono trascorrere anche alcune ore senza aver mai scollato lo sguardo dallo schermo.
  • L'algoritmo di Tik Tok, a differenza di quello degli altri social, si basa su una tecnologia apparentemente semplice nella sua scontatezza: l'Intelligenza Artificiale. In altre parole,ci viene proposto quello che ci piace davvero. A prescindere dai Like o dai Commenti inseriti. E i contenuti sono sempre più tarati sulla nostra personalità. 
  • La lingua è secondaria. In questo modo le connessioni tra persone provenienti da tutto il mondo sono piuttosto semplici e immediate.
  • La musica riveste un ruolo centrale nella 'produzione di contenuti di Tik Tok'. Molte canzoni sono diventate virali, ed entrata in classifica, grazie al fatto di essere state associate ad hashtag virali lanciati dal social network. Ciò ha fatto si che molte canzoni venissero scritte solo ed esclusivamente in funzione di Tik Tok. Molti produttori si limitano a finanziare esclusivamente la produzione di un ritornello di pochi secondi. Se la canzone piace, viene prodotto tutto il resto. Questo cambierà completamente il modo di fare e fruire della musica. Che diventerà il frutto di un algoritmo collettivo.


I PERICOLI PER GLI ADOLESCENTI 

Aldilà della dipendenza che crea (e vi possiamo assicurare che la crea davvero anche in menti molto più strutturate di quelle di un ragazzino di pochi anni), Tik Tok è 'pericoloso' proprio per la faciltà di accesso ai contenuti (di tutti i tipi) che lo caratterizza, l'immediatezza, il fatto che gli utenti, a prescindere dalla relazione che li unisce, sono messi tutti nello stesso calderone e tutti sullo stesso piano.
La presenza di un'Intelligenza Artificiale alle spalle, poi, complica ulteriormente le cose.
Per dirla, infatti, come la giornalista Jia Tolentino del New Yorker che al fenomeno ha dedicato un lunghissimo articolo '... L’algoritmo ci dà qualsiasi cosa ci piaccia, e noi in cambio diamo all’algoritmo qualsiasi cosa piaccia a lui. Mentre il cerchio si restringe, diventiamo sempre meno abili a separare i gusti dell’algoritmo dai nostri.'

Detto questo Tik Tok non è più pericoloso di altri social network del presente o del passato.
Meno narcisistico di Instagram, più creativo di Facebook, più alla luce del giorno di Snapchat, non è altro che il fenomeno del momento. Che preoccupa gli adulti perché gli adulti non lo conoscono. Ed entusiasma i ragazzini perché appartiene solo a loro, li vede protagonisti assoluti.
Questo non significa che sia esente da rischi. I pericoli sono quelli a cui accennavamo prima. Molti lo accusano anche di istigare, nei casi gravi, al suicidio. A competizioni sfidanti. In verità non è così. 
Il punto vero è evitare che vi accedano bambini troppo piccoli (sotto ai 15 anni, in teoria, è vietato. Ma i genitori dovrebbero anche controllare che teenagers alle prime armi scarichino l'app e passino intere giornate a guardare video e sketch di persone che nemmeno conoscono); lasciar fare, in modo vigile (vietare sarebbe solo controproducente. Meglio permettere ai ragazzini di utilizzare l'applicazione cercando di capire, dai loro discorsi e atteggiamenti, che profili seguono, a cosa sono interessati); comprendrne i meccanismi.

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Libri-lettura2020

Come insegnare ai bambini la passione per i libri

I mesi estivi sono un ottimo momento per dedicarsi alla lettura e spingere i bambini verso l'amore per i libri e il gusto di immergersi in un romanzo. Ecco qualche consiglio. 

continua »
Scuola-settembre2020

Settembre 2020: facciamo il punto sulla scuola

Cosa succederà a settembre 2020? I bambini torneranno a scuola? Con quali modalità? Cerchiamo di capire cosa potrebbe accadere per l'inizio anno più incerto di sempre.

continua »
Forfora-bambini

Come trattare la forfora dei bambini

Sebbene sia un fenomeno raro nei bambini, la forfora può comparire anche nei più piccoli ben prima della pre-adolescenza. Si tratta di un 'disturbo' che non deve preoccupare e che può essere risolto con alcuni piccoli accorgimenti.

continua »
Scuola-settembre-maschera

A scuola a settembre. Con nuove regole

Dopo tante discussioni e ripensamenti, dopo le proteste dei genitori dei giorni scorsi, sembrerebbe confermato il ritorno a scuola a partire da settembre. Con regole nuove.

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network