10 cose da sapere su Halloween che non tutti sanno

Siete davvero convinte di conoscere tutti i segreti di Halloween? Pensate davvero che non ci sia più nulla sapere in merito alla festa delle streghe? Ecco qui svelate 10 piccole curiosità.

Articoli Correlati


NOME: DA DOVE DERIVA IL NOME HALLOWEEN
E' una contrazione dell'espressione Hallows' Eve, Vigilia di Ognissanti. Ecco perché si festeggia il 31 ottobre che è, appunto, la vigilia della festa di Ognissanto.


STREGHE:

Perché le streghe sono il simbolo di Halloween?


Perché secondo la leggenda, sembra che il giorno scelto dalle streghe per radunarsi e compiere incantesimi collettivi fosse proprio il 31 ottobre.
Esiste una città delle streghe?
Sì. Le città delle streghe esistono eccome. Negli Stati Uniti le più note sono Salem, nello stato del Massachussets, e Anoka, nello stato del Minnesota. In Italia abbiamo Triora, un piccolo comune in provincia di Imperia, in Liguria, che si dice essere stato intorno al XVI abitato da streghe e fattucchiere. Da visitare in questi giorni del terrore.

ANIMALI:

Perché i pipistrelli sono associati alla festa di Halloween?
Nella di Hallowes' Eve si era soliti accendere fuochi e falò per tenere lontani gli spiriti malvagi. Questa pratica attirava insetti e pipistrelli che ben presto vennero associati alla festa e ai suoi rituali.

Perché si dice che il gatto nero porti sfortuna?
Durante il Medioevo si pensava che i gatti neri fossero maledetti e portassero sfortuna. Li si vedeva spesso accompagnati, poi, alle 'stregeh' e ben presto l'associazione strega-gatto nero divenne un cliché. Da qui la triste fama di cui godono.

SIMBOLI:

Perché la zucca è simbolo di Halloween?
In realtà, secondo la leggenda, Jack O' Lantern vagava nella notte con una rapa in mano. Quando, però, la leggenda fu assorbita dalla tradizione irlandese, la rapa fu trasformata in zucca, prodotto di stagione, ed ecco perché è uno dei principali simboli della festa.

Perché si intaglia la zucca?
La tradizione nasce dalla leggenda di Jack O' Lantern, che dopo aver fatto un patto con il diavolo, si ritrovò a vagare senza fine tra Paradiso e Inferno rifiutato da tutti. Si dice che Jack avesse in mano una rapa, divenuta poi zucca, all'interno della quale teneva un piccolo lumicino per farsi luce nell'oscurità. Da qui la tradizione di intagliare la zucca.

Perché il nero e l'arancio sono i colori della festa?
L'arancio, considerato anche un colore autunnale, è simbolo di equilibrio, forza e saggezza. Il nero, al contrario, è il colore delle tenebre. Insieme i due colori sono perfetti per rappresentare la duplice natura di Halloween: la paura dell'ignoto e la volontà di sconfiggerlo ed esorcizzarlo.

TRAVESTIMENTI:

Perché ci si traveste?
Secondo la tradizione, i Celti praticavano nel giorno di Hallows' Eve riti e sacrifici travestiti con pelli di animali. Da qui la tradizione di travestirsi nella notte di Halloween.

Perché una festa che fa paura?
In realtà, lo scopo di Halloween è esattamente opposto a quello che si potrebbe pensare. L'obiettivo, infatti, non è fare paura, ma esorcizzare la paura attraverso il gioco, lo scherzo, il divertimento.


 Altre curiosità su Halloween, nello Speciale Halloween 2017.

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Matrimonio-con-figli

Come organizzare un matrimonio con figli

State per convolare a nozze ma siete alle prese con la presenza dei bambini durante la cerimonia e il pranzo/cena? Ecco alcuni cosngli per intrattenerli e gestirli.

continua »
Befana2014

Calze della Befana fai da te

Se siete stanchi della solita calza, ecco alcune idee alternative per accogliere la Befana (e tutti i dolci e le caramelle che porta) in modo diverso. E due ricette semplicissime per preparare in casa deliziose gelatine di frutta.

continua »
Regali-Befana2018

Ancora regali?

I regali non finiscono mai. Dopo la grande abbuffata di Natale, con l'Epifania molti bambini tornano a ricevere pacchi e pacchetti pieni di giocattoli e dolciumi.

continua »
Tradizioni2_capodanno2014

Tradizioni di Capodanno per un anno fortunato

Lenticchie, cotechino, biancheria rossa, qualcosa di nuovo.... Tutto quello che a capodanno è beneugurale per un anno ricco di sorprese, novità e fortuna. Tra tradizione e marketing.

continua »
Cerca altre strutture







Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network