9 segnali che il bambino è videogiochi dipendente

Trascorrere parte del proprio tempo libero con consolle e videogiochi ed essere videogiochi dipendenti sono due concetti molto diversi. Nel primo caso, si tratta di un'attività divertente come un'altra. Nel secondo caso di un problema che andrebbe affrontato. Ecco i segnali per capire se il bimbo trascorre troppo tempo con i videogames.

Articoli Correlati

9 segnali che il bambino è videogiochi dipendente


La fine della scuola si avvicina e per molti bimbi inizia il periodo delle giornate vuote, chiusi in casa a sfuggire dal caldo e ad aspettare che mamma e papà escano dal lavoro.
Televisione, videogiochi e smartphone sono spesso i compagni migliori con cui trascorrere il proprio tempo libero, sicuri di non venir mai delusi.
Quando, però, il tempo trascorso giocando a videogame o online deve destare preoccupazione nei genitori? Quali sono i segnali per capire se una normale attività si è trasformata in dipendenza?


  1. Il bambino passa tutto il giorno con una consolle in mano. Non solo utilizza i videogiochi per passare il tempo quando è da solo o mamma e papà sono impegnati, ma è possibile vederlo giocare anche a tavola, la notte quando dovrebbe dormire, in macchina durante uno spostamento... 
  2. Anche di fronte a una richiesta perentoria di smettere di giocare, il bambino non riesce a farlo, appare nervoso, arrabbiato, violento.
  3. Nei momenti in cui non gioca, il bambino appare nervoso.
  4. I voti a scuola sono improvvisamente peggiorati e gli insegnanti lamentano spesso disattenzione e incapacità di concentrazione.
  5. Quando i compagni o gli amici lo vengono a trovare, il piccolo propone loro giochi con smartphone o consolle e non è difficile vederlo chiuso in camera da solo mentre gli altri si dedicano ad altre attività.
  6. Passa diverse ore chiuso in camera da solo. Spesso non esce se non per cena, borbottando.
  7. Per feste e compleanni chiede solo videogiochi e spende tutti i soldi che ha a disposizione peracquistarne di nuovi.
  8. Dice spesso di aver mal di testa o che gli bruciano gli occhi.
  9. Apparentemente sembra che nulla gli interessi se non i videogiochi.

Di fronte a una situazione del genere, sarebbe utile correre immediatamente ai ripari rivolgendosi a uno specialista (pedagogista o psicologo) e chiedendo consiglio a scuola per il comportamento migliore da adottare.
Le maniere forti non sempre in questo caso ottengono il risultato sperato. Spesso occorre un lungo lavoro di recupero cercando di interessare il bambino a qualcosa di diverso.



Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Fine-estate-festa

8 modi per festeggiare la fine delle vacanze

Estate agli sgoccioli e per molti è tempo di tornare in città e alle attività di sempre. Ecco 10 idee per organizzare un saluto alle vacanze quasi alla fine. 

continua »
Regali-estivi

5 regali perfetti per affrontare l'estate

Dalla bicicletta al monopattino, dallo skateboard allo step roll, ecco alcuni regali particolarmente indicati per i bimbi nati nei mesi estivi.

continua »
Barbecue2021

Grigliata all'aperto per festeggiare la fine della scuola

Consigli per organizzare una grigliata all'aperto con i compagni per festeggiare la fine della scuola.

continua »
Kodomo-no-hi

5 maggio: festa dei bambini

Si chiama Kodomo no hi, ovvero 'giorno dei bambini', ed è una festività giapponese dedicata ai più piccoli e alla loro felicità che si celebra, tutti gli anni, il 5 maggio.

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana



I piú cliccati
Seguici sui network