Animatori: tre esperienze a confronto

Tre mamme con tre bambini di età diversa raccontano le loro personali esperienze di feste di compleanno con tre tipologie diverse di animatori e, di conseguenza, tre tipologie diverse di feste di compleanno.

Articoli Correlati

di Alessia Altavilla

 Non esiste l'animatore perfetto. Esiste l'animatore adatto a seconda dell'età del bambino, del numero di invitati, dello spazio a disposizione, del tipo di festa che si intende organizzare.
Prima di scegliere, quindi, per l'uno o l'altro, è importante avere ben chiaro dove si vuole arrivare e che tipo di intrattenimento si intende allestire.


Abbiamo raccolto qui la testimonianza di tre mamme di bambini di età diversa che ci hanno raccontato la loro esperienza sottolineando gli aspetti positivi della loro scelta.

VALENTINA, MAMMA DI EMMA (3 ANNI) - IL MAGO

Per il compleanno di Emma, 3 anni, nata a novembre, abbiamo affittato uno spazio all'interno di una struttura privata composto da una grande sala e una piccola saletta dove abbiamo allestito il buffet per la preparazione del quale ci siamo rivolti a un catering specializzato. Per l'animazione, consigliati anche dalla responsabile della struttura, abbiamo optato per un mago che per due ore ha saputo intrattenere una ventina di bambini dai 3 ai 7 anni con spettacoli di magia, illusionismo e bolle di sapone.
Inizialmente ero piuttosto scettica. Credevo che bimbi così piccoli si sarebbero annoiati dopo un paio di numeri.
Il mago, invece, ha saputo inchiodarli sul posto, coinvolgerli nello show e renderli partecipi di quanto stava avvenendo.
Alla fine è stata una scelta vincente. Anche i piccoli di tre anni, come mia figlia, si sono divertiti tantissimo e tutti hanno apprezzato lo spettacolo allestitio.
La forza sta nell'optare per numeri brevi (non più di cinque minuti), di veloce esecuzione e ravvicinati tra loro. Durante tutto lo show ci sono state solo due pause, una per la merenda e una per il taglio della torta.
Abbiamo preferito non aprire i regali durante la festa. Abbiamo ringraziato tutti quelli che ci hanno portato doni, ma abbiamo lasciato che la bambina li aprisse con calma una volta arrivati a casa.

CRISTINA, MAMMA DI ANNA (8 ANNI) - IL CORSO DI CUCINA
Per i suoi 8 anni Anna ha chiesto che invitassimo solo 5 amiche, le sue amiche più intime.
Inizialmente, avevamo pensato di optare per un pigiama party. Ma per questioni organizzative delle invitate ci è stato impossibile farlo (mia figlia è nata sotto Natale e per alcuni genitori era complicato il ritiro per i tanti impegni del periodo).
Alla fine abbiamo trovato una struttura che permetteva di organizzare corsi di cucina abbinandoli a feste di compleanno per numeri ristretti di invitati (mi pare che il limite fosse 8 bambini). Era perfetto per noi. 
Le piccole sono state, quindi, accolte e immediatamente dotate di grembiule e cappello da chef e messe all'opera. 
Di fatto hanno preparato la torta che poi è stata utilizzata per spegnere le candeline. Nulla di complicato. Una semplice torta al cioccolato con ripieno alla marmellata di lamponi. Ma le bambine si sono divertite tantissimo e la buona riusita della torta è stato il leit motiv della festa. Durante la cottura hanno scartato i regali e sono state truccate da una seconda animatrice presente nella struttura.
E' stato divertente e diverso dal solito. E tutto sommato poco dispendioso.

SARA, MAMMA DI NICOLA (5 ANNI) - LA FESTA AL PARCO
Organizzare la festa di compleanno per Nicola non è mai stato un grosso problema. Lui è nato a giugno e noi abbiamo sempre organizzato feste all'aperto, nei parchi cittadini o in campagna.
Quest'anno per la prima volta abbiamo scelto di optare per una festa animata.
I bambini erano tanti (circa una quarantina tra compagni di scuola e amichetti) e avevamo paura di non essere in grado di controllarli all'aperto, in un parco pubblico senza recinzione. Risparmiando, poi, sulla location potevamo permetterci qualcosa in più con l'animazione. E così abbiamo fatto.
Abbiamo pensato noi al buffet (niente di che: patatine, bibite, popcorn, panini al prosciutto e la torta) e abbiamo lasciato all'animatore il compito di gestire tutto il resto.
E' stata un'ottima scelta. I bambini sono stati intrattenuti per circa tre ore con giochi adatti a grandi spazi e gruppi numerosi. L'animatore ha portato anche il necessario per addobbare la zona e gli addobbi hanno, di fatto, svolto la funzione di limiti al di fuori dei quali non uscire. Sono stati allestiti diversi angoli: truccabimbi, angolo palloncini, angolo regali... E dopo la torta è stato organizzato un vero e proprio gioco a squadre, con mini game a calcio, salto agli ostacoli, birilli...
Una fantastica esperienza. Se non fosse stato per il caldo, direi che è stata la festa perfetta.

Se state cercando un animatore o un'agenzia di animazione, qui ne troverete tantissimi in tutta Italia.

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Christmas-jumpers-2017

Christmas Jumper Day 2017

Il 15 dicembre, in tutto il mondo, si festeggia il Christmas Jumper Day, l'iniziativa promossa da Save the Children che coniuga la magia del Natale con lo spirito di solidarietà che dovrebbe caratterizzare la festività. Ecco come funziona.

continua »
App-Natale2017

App natalizia per divertirsi aspettando Natale

Natale digitale con l'app Monster Before Christmas, disponibile per IOS e Android, adatta a bambini dai 6 agli 8 anni.

continua »
Regali-Natale-famiglia

Regali di Natale? 3 idee originali per tutta la famiglia

Sei ancora in altomare con i regali di Natale e stai cercando qualcosa che, in un colpo solo, soddisfi tutta la famiglia. Di seguito 3 idee che fanno al caso tuo. 

continua »
Decorare-albero-anticipo

Natale: chi decora la casa a novembre è più felice

E' diventato un tormentone il post che gira sui social e che spiega come chi decora la casa per Natale in anticipo è più felice di chi aspetta il tradizionale 8 dicembre (7 dicembre a Milano). Sarà vero?

continua »

Cerca altre strutture








Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network