Babbo Natale esiste? Certo, perché non dovrebbe?

L'esistenza o meno di Babbo Natale è un tema che, prima o poi, interessa tutti i bambini del mondo. La risposta affermativa o meno a questo dubbio dipende da diversi fattori. Una risposta affermativa, però, avvalora il bisogno di favole di tutti gli esseri umani.

Articoli Correlati



Babbo Natale esiste? È una domanda che prima o poi tutti i bambini del mondo rivolgono ai loro genitori. Chi prima o chi dopo, il dubbio prima o poi li attanaglia tutti.


La risposta, ovviamente, dipende da mille fattori (l'età del piccolo, le sue reali aspettative rispetto all'esistenza o meno di Babbo Natale, la comprensione del suo bisogno di poter credere ancora in un mondo incantato...).
Non esiste, quindi, una risposta giusta e una sbagliata. 

A questo proposito, il 21 settembre 1897 sul New York Sun appare un editoriale dal titolo 'Esiste Babbo Natale?'
Il pezzo, che comprende la famosa risposta Sì, Virginia, Babbo Natale esiste, è diventato una parte importante del folclore natalizio degli Stati Uniti d'America.
Di seguito la lettera e la risposta fornita da Francis Pharcellus Church, veterano del giornalismo corrispondente durante la Guerra di secessione americana dove aveva avuto modo di toccare con mano la mancanza di speranza e di fede diffusa in gran parte della società americana.
Il pezzo di Church è entrato da allora nella storia del giornalismo mondiale. Resta l’editoriale più ristampato nei giornali in lingua inglese sopravvivendo alla storia con tutta la sua magia e attualità.


VIRGINIA E BABBO NATALE

Nel 1897 una bambina di otto anni, chiese al padre, un chirurgo e medico legale di Manhattan, se Babbo Natale esistesse davvero oppure no. Il padre le suggerì di scrivere al quotidiano conservatore New York Sun.
Virginia scrisse questa lettera:

« Caro direttore, ho otto anni. Alcuni dei miei piccoli amici dicono che Babbo Natale non esiste. Mio papà mi ha detto: “Se lo vedi scritto sul Sun, sarà vero”. La prego di dirmi la verità: esiste Babbo Natale?  Virginia O’Hanlon »


Ecco la risposta di Church a Virginia, all’America intera e a tutti noi:

Virginia, i tuoi amici si sbagliano. Sono stati contagiati dallo scetticismo tipico di questa era piena di scettici. Non credono a nulla se non a quello che vedono. Credono che niente possa esistere se non è comprensibile alle loro piccole menti. Tutte le menti, Virginia, sia degli uomini che dei bambini, sono piccole. In questo nostro grande universo, l’uomo ha l’intelletto di un semplice insetto, di una formica, se lo paragoniamo al mondo senza confini che lo circonda e se lo misuriamo dall’intelligenza che dimostra nel cercare di afferrare la verità e la conoscenza.

Sì, Virginia, Babbo Natale esiste. Esiste così come esistono l’amore, la generosità e la devozione, e tu sai che abbondano per dare alla tua vita bellezza e gioia. Cielo, come sarebbe triste il mondo se Babbo Natale non esistesse! Sarebbe triste anche se non esistessero delle Virginie. Non ci sarebbe nessuna fede infantile, né poesia, né romanticismo a rendere sopportabile la nostra esistenza. Non avremmo altra gioia se non quella dei sensi e dalla vista. La luce eterna con cui l’infanzia riempie il mondo si spegnerebbe.

Non credere in Babbo Natale è come non credere alle fate! Puoi anche fare chiedere a tuo padre che mandi delle persone a tenere d’occhio tutti i comignoli del mondo per vederlo, ma se anche nessuno lo vedesse venire giù, che cosa avrebbero provato? Nessuno vede Babbo Natale, ma non significa che non esista.

Le cose più vere del mondo sono proprio quelle che né i bimbi né i grandi riescono a vedere. Hai mai visto le fate ballare sul prato? Naturalmente no, ma questa non è la prova che non siano veramente lì. Nessuno può concepire o immaginare tutte le meraviglie del mondo che non si possono vedere.

Puoi rompere a metà il sonaglio dei bebé e vedere da dove viene il suo rumore, ma esiste un velo che ricopre il mondo invisibile che nemmeno l’uomo più forte, nemmeno la forza di tutti gli uomini più forti del mondo, potrebbe strappare. Solo la fede, la poesia, l’amore possono spostare quella tenda e mostrare la bellezza e la meraviglia che nasconde. Ma è tutto vero? Ah, Virginia, in tutto il mondo non esiste nient’altro di più vero e durevole. Nessun Babbo Natale? Grazie a Dio lui è vivo e vivrà per sempre. Anche tra mille anni, Virginia, dieci volte diecimila anni da ora, continuerà a far felici i cuori dei bambini.”



Commenta questo articolo
  • Commento inserito da feste per bambini roma il 29 novembre 2018 alle ore 14:36

    Babbo Natale è una bella storia e Fantastica Magia del periodo Natalizio

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Resistenza2019

Dalla A alla Z. Le parole per raccontare la resistenza

La Resistenza italiana raccontata attraverso alcune parole chiave che la riguardano o interessano il periodo storico che l'ha vista nascere. Poche frasi per raccontare uno dei periodi storici più travagliati ed eroici della storia d'Italia e il senso del 25 aprile. Anche ai più piccoli.

continua »
Picnic-Pasquetta2019

Picnic di Pasquetta

Tradizionale la gita fuori porta il Lunedì dell'Angelo. Qualche ricetta adatta per un picnic all'aperto e qualche idea per organizzare la gita.

continua »
AlberoPasqua2019

Hai detto albero di Pasqua?

Da una tradizione antica di derivazione nordica, l'idea di addobbare un ramo in segno di prosperità e rinascita. Ecco come si addobba l'albero di Pasqua.

continua »
Pasqua-decorazioni-2019

Decorazioni pasquali con i bambini

Cinque idee per creare divertenti decorazioni a tema pasquale con l'aiuto dei bambini. Facili e veloci, possono essere realizzate da bimbi di tutte le età con materiale facilmente reperibile in casa.

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network