Carnevale in tutta sicurezza

Maschere, costumi, parrucche, trucchi... Sul mercato si trova veramente di tutto e a prezzi stracciati. Attenzione, però, durante l'acquisto a non sottovalutare il fattore sicurezza. Soprattutto se il destinatario dell'oggetto è un bambino.

Articoli Correlati


Come tutte le feste, anche Carnevale è un business a cui nessuno vuole sottrarsi. Negozi, produttori, distribtori... non aspettano altro di poter invadere il mercato con accessori, decorazioni, parrucche, trucchi, costumi, piccoli gadget e tutto il necessario per rendere Carnevale quello che è.
Poiché, però, molta di questa 'mercanzia' è destinata a bambini, spesso anche molto piccoli, ecco cosa prendere in considerazione al momento dell'acquisto per un Carnevale all'insegna della sicurezza.



REGOLA N. 1: SCEGLIETE SOLO PRODOTTI CHE RIPORTANO SULL'ETICHETTA IL MARCHIO CE
Per pochi spiccioli di differenza non vale la pena rischiare. I prodotti a marchio CE offrono maggiori garanzie rispetto agli altri che i materiali utilizzati siano sicuri, che non ci siano parti staccabili se l'oggetto è destinato a un bimbo piccolo, che tutto sia stato confezionato rispettando alcune regole comunitarie, dopo essere stato sottoposto a diversi controlli.


TRUCCHI: ATOSICCI, FACILI DA LEVARE E POSSIBILMENTE AD ACQUA
I trucchi per i bambini rappresentano un vero pericolo per la loro pelle delicata. A contatto con l'epidermide, infatti, prodotti non idonei o non pensati per i più piccini, possono provocare reazioni allergiche, infezioni, dermatiti. Ecco perché è preferibile acquistare prodotti atossici, testati clinicamente e che mettano il bambino al riparo da eventuali fastidi.
In questo senso, perfetti sono i colori ad acqua che si stendono facilmente e si eliminano semplicemente con acqua ed, eventualmente, un detergente delicato.
Anche la data di scadenza è importante. Sebbene la durata di questo tipo di prodotti sia, in generale, di diversi anni, evitate di utilizzare prodotti scaduti scovati sul fondo di qualche cassetto nascosto.

SMALTI: SOLO QUELLI PENSATI PER BAMBINI
Niente smalti sulle unghie delle bambine piccole a meno che non siano smalti ad hoc privi di sostanze tossiche e che necessitano l'acetone (o solventi più strong) per essere eliminati.

MASCHERE E PARRUCCHE: PRIMA DI FARLE INDOSSARE AL BAMBINO, ODORATELE
E' soprattutto su questo tipo di accessori che i produttori tendono a risparmiare. Al momento dell'acquisto, quindi, prima di far indossare al bambino parrucche e maschere, odoratele. Se hanno un sentore fortemente chimico, lasciatele da parte. E' probabile che contengano sostanze tossiche che potrebbero irritare la pelle. Stessa cosa per i costumi e tutti gli accessori del caso.

ATTENZIONE A SCHERZI, SCHIUMA E STELLE FILANTI: POSSONO ESSERE TOSSICHE
Idem per questo tipo di prodotti. Le schiume in particolare contengono spesso sostanze tossiche non adatte ai più piccole e potenzialmente pericolose anche per i grandi.

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
SanValentino2018

San Valentino prima e dopo (i figli)

Ecco come i bambini trasformano il giorno di San Valentino, rendendolo migliore o 'peggiore', e come è cambiata la vita di coppia da quando ci sono loro.

continua »
Decorazioni-Carnevale2018

Lavoretti di Carnevale per bambini in età prescolare

Idee per realizzare le decorazioni di Carnevale? Di seguito te ne forniamo qualcuna tra quelle più divertenti scovate in rete.

continua »
Costumi-Carnevale-Famiglie2018

Carnevale 2018: costumi per famiglie

State pensando a un travestimento familiare in cui ciascuno abbia il proprio ruolo e la propria maschera? Di seguito 5 idee per chi sta cercando un'ispirazione per il costume da indossare a Carnevale 2018. 

continua »
SuperPijamax-Carnevale2018

Carnevale: i costumi di tendenza del 2018

Il 13 febbraio sarà Martedì Grasso (per Milano occorrerà aspettare il Sabato il 17 febbraio). Ecco 5 idee per travestire i bambini secondo le tendenze del 2018. 

continua »
Cerca altre strutture







Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network