Cuccioli virtuali

Dalla Nintendo l'evoluzione dei cuccioli virtuali. È Nintendogs, il gioco che sta facendo impazzire centinaia di bambini.

Articoli Correlati

Non sporcano il pavimento. Non abbaiano. Non rompono vasi e preziosi monili. Non vanno portati a spasso tre volte al giorno. Per il resto, però, sono come cuccioli veri: giocano, imparano a riconoscere la voce del padrone e a eseguire i suoi ordini, mangiano, bevono, si accoppiano, partecipano a gare e competizioni, soffrono se vengono trascurati. Sono i cuccioli di Nintedogs, il gioco della Nintendo che in cinque mesi ha conquistato centinaia di bambini, tutti desiderosi di possedere un cagnolino… virtuale.

Si tratta, in pratica, di un simulatore di addestramento per cuccioli per la console portatile di Nintendo DS attraverso la quale i piccoli potranno interagire in modo 'virtualmente realistico' con i loro fidi compagni di gioco in 3D. Dotato, infatti, di schermo touch screen, di uno stilo incluso e di un microfono integrato, Nintedogs permette di prendersi cura dei cuccioli come se questi fossero veri: li si può accarezzare, coccolare, insegnare loro alcuni comandi vocali ('siediti', 'pancia'…), portarli a passeggio, iscriverli a gare e competizioni, dar loro da mangiare, far loro il bagnetto… Grazie, poi, alla modalità Bau-Bau (una sorta di wireless per Nintendo) i Nintedogs possono collegarsi fra loro fino a una distanza di 30 metri (a seconda delle condizioni ambientali) dando la possibilità ai piccoli padroncini di comunicare con altri possessori di Nintedogs scambiando con loro oggetti, andando a trovare i loro cagnolini, provando a creare nuove famiglie (i cuccioli, infatti, possono anche innamorarsi e decidere, se la compagna/o è quella/o giusta/o di mettere al mondo nuovi cuccioli, da tenere con sé oppure rivendere).


Nintedogs è disponibile in tre versioni ciascuna contenente razze diverse tra le quali scegliere quella che meglio soddisfa il proprio gusto personale: c'è Chihuahua & Friends che contiene i cani di piccola taglia (Chihuahua, Yorkshire, Cavalier k. C. Spaniel), i Pastori tedeschi, i Pastori scozzesi e Boxer; Lab & Friends, invece, è per coloro che amano cani di taglia media con Labrador Retriever, Schnauzer nani, Zwergpinscher, Shiba, Pembroke Welsh corgi e Barbone Toy; infine, Dachshund & Friends con Beagle, Shih Tzu, Siberian Husky, Golden Retriever, Carlino e Schnauzer nani.
Ogni razza di Nintedogs ha lo stesso aspetto della controparte reale e tutti i cuccioli possiedono una propria personalità che può essere, in parte, modificata in base al tipo di 'educazione' imposta nel corso del gioco. Così, un cucciolo pigro può diventare più attivo, uno pasticcione più ordinato…

Il gioco, in sé, non ha alcuna finalità. Non ci sono livelli da superare o obiettivi da raggiungere. L'unico scopo è quello di prendersi cura del proprio cucciolo (è possibile avere tre cuccioli da tenere in casa e cinque in albergo) e di farlo nel modo migliore.


Per quanto virtuale, infatti, Nintedogs è un gioco altamente educativo. I bambini, infatti, imparano a prendersi le proprie responsabilità e a portare a termine gli impegni che hanno preso; per quei bimbi, poi, che desiderano ardentemente avere un cane, il gioco può diventare una sorta di prova del nove per comprendere come potrebbero reagire e comportarsi con un animale vero. Attraverso Nintedogs i padroncini imparano, poi, a rispettare gli altri (i bisognini virtuali del cucciolo non si lasciano per strada, ma vanno raccolti e buttati nell'apposito contenitore), scoprono il valore dei soldi (gli oggetti che si trovano durante le passeggiate hanno un prezzo. Rivendendoli è possibile acquistare beni per migliorare la vita del proprio cane oppure accumulare denaro per acquistarne uno nuovo. Il tutto sta nel sapere amministrare oculatamente il gruzzolo che si è riusciti a mettere da parte), capiscono che per addestrare un cucciolo sono indispensabili pazienza e costanza.
Un gioco del futuro, insomma, con uno sguardo, però, al passato: a quando i bambini giocavano con bambole e peluche, accudendoli e prendendosi cura di loro. Con la differenza, però, che in questo caso il cucciolo reagisce agli stimoli ed è in grado di interagire.

Per saperne di più consultate il sito nintedogs/nintendo.it. Nintedogs è un'ottima alternativa ai soliti regali per comunioni e cresime ormai alle porte.

Commenta questo articolo
  • Commento inserito da ciccia il 8 maggio 2010 alle ore 19:51

    siete bravi andate avanti cosi

  • Commento inserito da FEDERICO il 8 settembre 2009 alle ore 21:10

    IL TUO COMMENTO è GIUSTO PERò ANCHE IO HO NINTENDOGS LAB FRIENDS E NON MI SI ACCOPPIANO. COME FACCIO SE NESSUNO MI INCONTRA,AD AVERE CUCCIOLI???.CHI UNQUE SEI DIMMELO SU QUESTO SITO.PS HO 3 CUCCIOLI UN PASTORE TED,UN LABRADOR MASCHIO E UN LABRADOR FEMMINA NON SI ACCOPPIANO.EUFIDESEN!!!

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
SanValentino2018

San Valentino prima e dopo (i figli)

Ecco come i bambini trasformano il giorno di San Valentino, rendendolo migliore o 'peggiore', e come è cambiata la vita di coppia da quando ci sono loro.

continua »
Decorazioni-Carnevale2018

Lavoretti di Carnevale per bambini in età prescolare

Idee per realizzare le decorazioni di Carnevale? Di seguito te ne forniamo qualcuna tra quelle più divertenti scovate in rete.

continua »
Costumi-Carnevale-Famiglie2018

Carnevale 2018: costumi per famiglie

State pensando a un travestimento familiare in cui ciascuno abbia il proprio ruolo e la propria maschera? Di seguito 5 idee per chi sta cercando un'ispirazione per il costume da indossare a Carnevale 2018. 

continua »
Sicurezza-Carnevale

Carnevale in tutta sicurezza

Maschere, costumi, parrucche, trucchi... Sul mercato si trova veramente di tutto e a prezzi stracciati. Attenzione, però, durante l'acquisto a non sottovalutare il fattore sicurezza. Soprattutto se il destinatario dell'oggetto è un bambino.

continua »
Cerca altre strutture







Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network