É giusto raccontare ai bambini che Babbo Natale esiste?

Babbo Natale. Magia o bugia. Sul tema gli esperti sono divisi. Alcuni, infatti, sostengono che ai bambini non bisognerebbe mentire mai. Altri, invece, rivendicano il diritto dei piccoli di credere nelle favole. 

Articoli Correlati

É giusto raccontare ai bambini che Babbo Natale esiste?



Bugia o magia quella raccontata ai bambini sull'esistenza di Babbo Natale?


I pareri sono divisi e le ragioni che tendono verso l'una o l'altra direzione rispondono a criteri pedagogici diametralmente opposti.
La Francia è, forse, il Paese europeo in cui maggiormente è sentita la questione. Uno spot andato in onda nel periodo natalizio e che pubblicizzava un prodotto finanziario ha annunciato che Babbo Natale non esiste provocando la reazione di centinaia di bambini e l'intervento dell'Associazione Consumatori (per buona pace di tutti, la frase è stata eliminata e i piccoli francesi hanno potuto continiare a credere nei loro sogni).
Ma, dunque? Si tratta di un inganno, come ritengono i nemici dell'esistenza di Babbo Natale, o si tratta di accettare un normale percorso di crescita del bambino a cui viene data la possibilità di vivere la sua infanzia


IL PENSIERO MAGICO

Normalmente, è intorno agli 8/9 anni che Babbo Natale, gli elfi, la befana, le streghe.... smettono di essere figure reali e vengono relegate al mondo dell'immaginazione. Fino a quel momento, però, rrispondono al bisogno del bambino di spiegare la realtà che lo circonda facendo ricorso al soprannaturale.
Se di bugia si tratta, quindi, senz'altro è una bugia raccontata a fin di bene, utile al piccolo per orientarsi e trovare risposte ai mille dubbi che lo attanagliano.
La preoccupazione che molti genitori manifestano di ingannare i propri figli disincentivando lo sviluppo di un pensiero critico è infondata.

Fino a 6 anni, infatti, il lmodo in cui un bambino vede la realtà è caratterizzato dal “pensiero magico” (Piaget): ciò che per gli adulti è assurdo per lui è coerente e accettabile, senza, però, che questo intacchi la sua capacità di giudizio. Semplicemente nel bambino il giudizio critico non è ancora formato. Sarebbe come pretenedere che un neonato si alzi in peidi e cammina. Non è in grado, fisicamente e coglitivamente, di farlo. Ugualmente un bimbo non ha gli strumenti per mettere in dubbio l'estistenza del vecchietto con la lunga barba bianca che in una notte consegna centinaia di pacchi grazie all'iuto di una slitta trainata da renne voltanti.

La verità su Babbo Nattale, generalmente, si insinua nella testa di un bimbo intorno ai 7/8 anni fino a sfociare nella fatidica domanda a mamma e papà: ma Babbo Natale esiste davvero?
È a questo punto che è fondamentale che i genitori dicano la verità. Verità che, per altro, il bambino già conosce per conto suo e di cui vuole semplicemente avere una conferma: No, Babbo non esiste.

QUANTA SOFFERENZA...

Gli studi sulla presunta sofferenza del bambino alla scoperta della non esistenza di Babbo Natale sono abbastanza d'accordo nel confermare che si tratta di un fastidio effimero, che non intacca, di fatto, la fiducia nei genitori, e che dura per l'istante della scoperta.
In un certo senso, nel momento in cui la consapevolezza della non esistenza di Babbo Natale diventa concreta, il bambino ha semplicemente portato a termine un percorso: il mondo magico è naturalmente scomparso e il bimbo si prepara ad affrontare le sfide della pre-adolescenza e dell'adolescenza.

È normale che il piccolo si senta deluso o tradito. Ma ha gli strumenti cognitivi per comprendere che mamma e papà, in fondo, hanno solo giocato, senza per questo volerlo davvero ingannare o prendere in giro.
Semplicemente quel mondo dentro al quale tutti hanno vissuto, quello della prima infanzia, è venuto a mancare e un nuovo andrà a formarsi. 


 

Commenta questo articolo
  • Commento inserito da Sofia il 19 dicembre 2019 alle ore 10:30

    Ma perché si vuole che i bambini crescano in fretta, che sappiano già tutto della vita, perché negare loro la fantasia e l'immaginazione già duramente distrutta con i cellulari e i videogiochi....

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Lavoretti-pasqua-2020

4 lavoretti di Pasqua da fare con i bambini

Torniamo a parlare di lavoretti pasquali da fare in casa con i bambini. Ecco alcune idee divertenti e facilissimi da realizzare anche con i bimbi più piccoli.

continua »
Pasqua-covid

Colomba e uova di Pasqua: chi le consegna a domicilio

Una Pasqua decisamente diverse dal solito. Niente pranzo con i parenti. Niente picnic di Pasquetta. Niente gite fuori porta o viaggi intercontinentali. Ma all'uovo e alla colomba non è necessario rinunciare. Ecco chi consegna a casa prodotti freschi di pasticceria.

continua »
Compleanno-coronavirus

Compleanno al tempo del #covid19

Ecco qualche idea per festeggiare il compleanno di un bambino nato in questi giorni di quarantena.

continua »
Lavoretti-pasquali2020

Due lavoretti di Pasqua da fare con i bambini

Sempre nell'ottica del come intratteniamo i bambini per tutto il giorno?, ecco due semplici lavoretti pasquali da fare con i più piccoli in questi giorni di clausura.

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network