Il battesimo

Con il battesimo si festeggia l'ingresso del bambino nella comunità Cristiana. Qualche consiglio per una cerimonia perfetta.

Articoli Correlati


La cerimonia del battesimo rappresenta la prima vera festa di cui il piccolo è protagonista, anche se inconsapevole. Zie, nonni, parenti vari e amici accorrono per festeggiare l'entrata ufficiale del neonato nella comunità, ufficializzazione che per i credenti si veste di significati più profondi legati alle tradizioni religiose e al rito della purificazione dal peccato originale. A ogni modo, rappresenta per tutti un momento di festa importante, da preparare e organizzare sin nei minimi dettagli, dalla scelta dei padrini e delle madrine sino ad arrivare al rinfresco. Ecco, quindi, qualche consiglio per non sbagliare, optando per le giuste scelte.

I padrini e le madrine


Sono due e sono coloro che dovrebbero avere in futuro un ruolo primario nell'educazione e nella crescita del bimbo, persone sulle quali potrà contare quasi si trattasse di mamme e papà 'in seconda'. La scelta va, quindi, operata con cura e attenzione, poiché costoro avranno nei confronti del piccolo delle responsabilità non trascurabili delle quali dovranno essere disposti sin da subito a farsi carico e a sostenere per il resto della loro vita. Non è obbligatorio rivolgersi ai consanguinei, anzi. Per il bene di tutti, e soprattutto del bambino, sarà meglio interpellare persone delle quali mamma e papà hanno più fiducia, tenendo conto delle loro disponibilità e delle loro attitudini.

Gli invitati
Il battesimo non è una festa di compleanno e il bimbo non è in grado di apprezzare la presenza di una folla numerosa di parenti e amici tutti a accorsi per 'celebrarlo'. Meglio, perciò, restringere la cerchia degli inviti alle persone più care e agli amici più intimi, amici che, logicamente, sono quelli dei genitori, i più fidati e vicini. Non più di una ventina di persone, quindi, da accogliere, dopo la cerimonia, in casa per il rinfresco o al ristorante.


Per quanto riguarda gli inviti, la cosa migliore sarebbe quella di scriverli a mano su biglietti realizzati su preziose carte naturali su cui dovranno essere chiaramente indicati la data, il luogo in cui si svolgerà la cerimonia e quello del rinfresco o del pranzo e l'ora. Alla fine della giornata, a tutti i presenti, dovranno essere consegnate le bomboniere in ricordo della giornata e come ringraziamento per i doni ricevuti. Inoltre, esse dovranno essere fatte pervenire a coloro che, per qualunque motivo, non hanno potuto prendere parte alla festa ma che, in qualche modo, hanno fatto sentire la loro presenza.

Le bomboniere e i confetti
I confetti per il battesimo sono rigorosamente rosa o azzurri, a seconda del sesso del bambino. Una parte di essi sarà inserita nelle bomboniere (meglio, quindi, se alle mandorle), i rimanenti, magari col ripieno di cioccolato, verranno messi in un grande cestino decorato con un fiocco dello stesso colore, da offrire ai presenti durante la cerimonia.
Le bomboniere da allegare ai confetti sono generalmente pupazzini, bamboline, orsetti e paccottiglie varie, spesso inutili e poco apprezzati da coloro che le ricevono. Per evitare sprechi, quindi, un'idea potrebbe essere quella di confezionare le bomboniere con piccoli oggetti utili (per esempio un allaccia tovaglioli in argento, un fermacarte, un ferma cravatte per gli uomini e una spilletta per le donne…). Altrimenti, potreste optare per una donazione nei confronti di un ente che si occupa di bambini e fare dono ai vostri invitati di una semplice pergamena decorata con in calce i nomi dei genitori, quello del piccolo e il nome dell'ente beneficiario e la parola 'ringraziano'.

Il rinfresco
Per quanto riguarda il rinfresco, il nostro consiglio è quello di lasciar perdere il classico pranzo al ristorante, e di optare per un buffet da servire in casa. Ricordate, infatti, che il festeggiato è un bebè con esigenze molto particolari e che una lunga permanenza fuori casa, lontano dalla calma della sua culla e dalle sue abitudini, potrebbe innervosirlo scatenando lunghe crisi di pianto difficili da gestire nei momenti di confusione, alla presenza di tutti gli invitati. Ordinate, quindi, dolcetti, pasticcini, tortine varie e, chiaramente, la torta e servite il rinfresco nel vostro appartamento, garantendo in questo modo al bimbo una certa tranquillità (sarete sempre liberi di metterlo nella culla e farlo addormentare nella sua cameretta). Se volete stupire i vostri ospiti, chiedete alla pasticceria presso la quale avrete fatto l'ordinazione di decorare salatini e pasticcini in modo simpatico e tenero, in tema con l'occasione. Sempre un bell'effetto sortisce il panettone gastronomico, preparato fresco e servito al posto delle classiche tartine. Non dovranno mancare le bibite (soprattutto se tra gli invitati ci sono altri bambini) e un buono spumante per brindare al momento del taglio della torta.

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
SanValentino2018

San Valentino prima e dopo (i figli)

Ecco come i bambini trasformano il giorno di San Valentino, rendendolo migliore o 'peggiore', e come è cambiata la vita di coppia da quando ci sono loro.

continua »
Decorazioni-Carnevale2018

Lavoretti di Carnevale per bambini in età prescolare

Idee per realizzare le decorazioni di Carnevale? Di seguito te ne forniamo qualcuna tra quelle più divertenti scovate in rete.

continua »
Costumi-Carnevale-Famiglie2018

Carnevale 2018: costumi per famiglie

State pensando a un travestimento familiare in cui ciascuno abbia il proprio ruolo e la propria maschera? Di seguito 5 idee per chi sta cercando un'ispirazione per il costume da indossare a Carnevale 2018. 

continua »
Sicurezza-Carnevale

Carnevale in tutta sicurezza

Maschere, costumi, parrucche, trucchi... Sul mercato si trova veramente di tutto e a prezzi stracciati. Attenzione, però, durante l'acquisto a non sottovalutare il fattore sicurezza. Soprattutto se il destinatario dell'oggetto è un bambino.

continua »
Cerca altre strutture







Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network