La corona dell'Avvento

Per i Cristiani, quella della Corona dell'Avvento è una tradizione antica, e in molte famiglie ancora in uso, da recuperare e proporre ai più piccoli come momento da condividere tutti assieme. 

Articoli Correlati

La corona dell'Avvento



Una tradizione antica, quella della Corona dell'Avvento, che vive immutata ancora presso tante case e famiglie e che ha nella luce il suo punto di forza e il suo cardine. Per i cristiani, un modo diverso, lontano dal frastuono e dal consumismo moderni di vivere il tempo dell'Attesa. Per chi non crede, un valido strumento per accompagnare le giornate che precedono il Natale con un senso di attesa e di speranza, da condividere con tutta la famiglia.


IN COSA CONSISTE

A forma circolare, realizzata con piante sempreverdi o rami intrecciati, la Corona dell'Avvento è un motivo decorativo, utilizzato normalmente come centrotavola, caratterizzato dalla presenza di 4 candele che vanno accese, una per volta, dalla prima domenica di Avvento (29 novembre), sino all'ultima prima di Natale (22 dicembre). Una quinta candela posta al centro può essere accesa durante il pranzo del 25 come segno benaugurale.
Ogni candela riveste un significato particolare e ha un colore ben preciso che riprende i colori liturgici del periodo. Allo stesso modo, la forma della corona e i materiali scelti si rifanno a una simbologia ben precisa e a una tradizione molto antica.
  • La forma circolare:
    non avendo né inizio né fine, il cerchio è un segno di eternità e unità e per questo viene scelto come figura base su cui creare la corona. Essa stessa, poi, sta a indicare la regalità e l'alto valore dato alla nascita di Gesù, Re Salvatore.
     
  • L'utilizzo di piante sempreverdi:
    la base su cui, poi, partire per decorare la corona sono sempre rami di pino o abete o semplici rami intrecciati delle medesime piante. Si tratta di alberi che non muoiono mai, secolari, e che stanno a indicare la speranza di vita eterna data dalla nascita di Gesù Redentore.
     
  • Le quattro candele:
    vanno accese una per volta a partire dalla prima domenica di Avvento (29 novembre, quest'anno) e rappresentano la luce che sconfigge le tenebre e la salvezza portata dalla nascita di Gesù.
     
  • Il colore delle candele:
    delle quattro candele presenti, 3 sono viola e 1 rosa. Sono i colori simbolici del periodo liturgico dell'Avvento, dove il viola simboleggia l'attesa, il pentimento, la conversione, la speranza e il suffragio, e il rosa indica la gioia (la candela rosa deve essere accesa nella terza domenica dell'Avvento a indicare la felicità dei fedeli che hanno già compiuto metà della strada che li porterà al Natale.
     
  • Il significato delle quattro candele:
    ciascuna delle 4 candele della Corona dell'Avvento ha un nome e un significato ben preciso.
    - La prima candela è detta “del Profeta“. Ricorda il profeta Michea, che aveva predetto che il Messia sarebbe nato a Betlemme e simboleggia la speranza.
    - La seconda candela è detta “di Betlemme“. Ricorda la città in cui è nato il Messia e simboleggia la chiamata universale allasalvezza.
    - La terza candela è detta “dei pastori“.  I pastori furono primi che videro e adorarono il Messia. La terza candela simboleggia la gioia, da qui il colore rosa.
    - La quarta candela è detta “degli Angeli“. Gli Angeli furono i ad annunciare al mondo la nascita del Messia e a vegliare sulla capanna dove era nato. Simboleggia l’amore.

 

 

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Fine-estate-festa

8 modi per festeggiare la fine delle vacanze

Estate agli sgoccioli e per molti è tempo di tornare in città e alle attività di sempre. Ecco 10 idee per organizzare un saluto alle vacanze quasi alla fine. 

continua »
Regali-estivi

5 regali perfetti per affrontare l'estate

Dalla bicicletta al monopattino, dallo skateboard allo step roll, ecco alcuni regali particolarmente indicati per i bimbi nati nei mesi estivi.

continua »
Barbecue2021

Grigliata all'aperto per festeggiare la fine della scuola

Consigli per organizzare una grigliata all'aperto con i compagni per festeggiare la fine della scuola.

continua »
Kodomo-no-hi

5 maggio: festa dei bambini

Si chiama Kodomo no hi, ovvero 'giorno dei bambini', ed è una festività giapponese dedicata ai più piccoli e alla loro felicità che si celebra, tutti gli anni, il 5 maggio.

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana



I piú cliccati
Seguici sui network