La vera storia dell'albero di Natale

Simbolo del Natale, per lo meno del Natale in Occidente e degli ultimi 100 anni, la tradizione di addobbare l'albero è molto antica. E risale ai tempi che furono. Il racconto di Mamma Vera

Articoli Correlati


Quando Natale si avvicina, si riesumano dalla soffitta, o dal garage, festoni e palline colorate e si comincia a vestire a festa la casa. Qualcuno monta l'albero e decora ogni suo ramo, e la sua presenza, imponente e luminosa, fa sentire che Natale è vicino.
Anche noi, a casa, l'abbiamo fatto e ogni giorno accendiamo le lucine che lo circondano. A un certo punto, però, i miei figli mi hanno chiesto perché si allestisce l'albero e qual è il suo significato. E io, che pensavo di essere una grande esperta di tradizioni natalizie, mi sono accorta di non saperlo.


Ho fatto qualche ricerca e ho scoperto, finalmente la vera storia dell'albero di Natale, che si è rivelata una sorpresa. A quanto pare, infatti, l'idea è nata in Egitto. Originariamente, si trattava di una piramide di legno, con riferimento chiaro ai famosi monumenti egiziani, ed aveva valore propiziatorio.
Fu un viaggiatore curioso a importare questo simbolo in Nord Europa, dove veniva utilizzato per festeggiare il solstizio d'inverno, sperando che il calore di quella terra lontana sarebbe arrivato fin lassù. Solo più tardi, alla piramide furono applicati alcuni bastoncini che venivano bruciati. La leggenda dice che seanche la piramide fosse bruciato con essi, l'anno successivo sarebbe stato fortunato.

La piramide fu sostituita dall'abete da Martin Lutero, non solo perché ne ricordava la forma, ma anche perché i suoi rami sempreverdi rappresentavano un presagio di primavera e, quindi, di speranza. I bastoncini vennero sostituiti dalle candeline, la cui luce era simbolo di vita e di fede. Così, quindi, è nata l'usanza di addobbare un abete, ed è rimasta ancora oggi molto radicata nelle tradizioni di molti Paesi.
Noi, come molti altri, non ci limitiamo all'albero, ma prepariamo anche il presepe. Per ora, ho dovuto rinunciare a usare le statuine classiche, per due motivi. Volevo evitare che i miei figli, in un impeto di vivacità, le rompessero e, soprattutto, desideravo far partecipare anche loro, i bambini, all'allestimento.
Ci tenevo a raccontare il significato del Natale che, indipendentemente dalle credenze religiose, è giusto spiegare anche ai più piccoli. Solo così, infatti, si può evitare di pensare solo ai regali e, invece, riflettere su qualcosa di importante. Per questo motivo, ho comprato in un negozio di giocattoli uno speciale presepe fatto di stoffa, completo di capanna e scenografia, ed arricchito ogni anno da personaggi nuovi. Lo faccio allestire dai bambini, che si divertono a trovare una sistemazione adatta a tutti i pupazzi. Si tratta di piccole marionette a dita, che si prestano anche ad una narrazione coreografica e, quindi, di maggiore effetto. Ovviamente, spesso trovo qualche statuina fuori posto, e magari la capanna ribaltata, ma mi fa piacere che i miei figli, nel risistemarle, chiamino con il giusto nome ognuna di loro.
Significa che il racconto, ormai, l'hanno imparato.

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Befana2014

Calze della Befana fai da te

Se siete stanchi della solita calza, ecco alcune idee alternative per accogliere la Befana (e tutti i dolci e le caramelle che porta) in modo diverso. E due ricette semplicissime per preparare in casa deliziose gelatine di frutta.

continua »
Regali-Befana2018

Ancora regali?

I regali non finiscono mai. Dopo la grande abbuffata di Natale, con l'Epifania molti bambini tornano a ricevere pacchi e pacchetti pieni di giocattoli e dolciumi.

continua »
Tradizioni2_capodanno2014

Tradizioni di Capodanno per un anno fortunato

Lenticchie, cotechino, biancheria rossa, qualcosa di nuovo.... Tutto quello che a capodanno è beneugurale per un anno ricco di sorprese, novità e fortuna. Tra tradizione e marketing.

continua »
BabboNatalevsGrinch

Babbo Natale esiste? Ecco 7 ragioni per crederci

Per i bambini che credono a Babbo Natale, Babbo Natale esiste. Ed esiste per delle ragioni logiche, indiscutibili. Eccone alcune che, effettivamente, non ammettono repliche.

continua »
Cerca altre strutture







Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network