Natale 2014 in numeri. Tra statistiche e tradizioni

Cosa significa Natale per gli Italiani? Quanto spenderanno? Come lo passeranno? Cosa mangeranno? Il Natale 2014 in numeri, tra statistica e tradizione.

Articoli Correlati

Natale 2014 in numeri. Tra statistiche e tradizioni


Come vivono il Natale gli Italiani? Quali sono i regali che apprezzano maggiormente? Come descrivono il periodo delle feste? Con chi le trascorrono?
Sono questi alcuni degli aspetti presi in esame da un'indagine che Groupon ha condotto tra 1400 Italiani sul tema del Natale e su come noi Italiani lo viviamo, cosa amiamo di più e cosa meno, cosa regaliamo e cosa vorremmo ricevere.



COS'É IL NATALE PER GLI ITALIANI?
Ma cosa ci viene in mente quando si parla di Natale? In Italia è sinonimo di buon cibo in famiglia: al 21% degli Italiani, infatti, il Natale fa pensare alle tavole imbandite. Sembra normale. In realtà, non è così nel resto d'Europa. Dove Natale significa per lo più tempo libero trascorso in famiglia.



REGALI
Secondo questo sondaggio, saranno ben il 75% coloro che faranno e riceveranno regali. Contro un misero 4% che, invece, non intende farne e non pensa di riceverne.
In media faremo 11 regali a testa spendendo circa 320&euro. Il costo medio di un regalo non supera, infatti, i 30€.
Il regalo più complicato, che richiede maggiore cura e attenzione e una ricerca più lunga, è quello per il proprio compagno/marito o compagna/moglie. Al secondo posto la propria mamma.
I bambini (e i figli in generale) sono quelli che si aspettano e chiedono il regalo più costoso.
Secondo gli Italiani, tra quelli che dovrebbero assolutamente ricevere un regalo a Natale ci sono i disoccupati, gli alluvionati della Liguria, Papa Francesco e Schumacher.
Il 23% degli Italiani, potendoselo permettere, farebbe più regali ai familiari. Il 24% investirebbe nella casa e il 15% farebbe una donazione.

REGALI DIMENTICATI. REGALI RICICLATI
Il 33% degli Italiani non ha alcun problema ad ammettere candidamente di esserci dimenticato di un regalo. 
Il 60% non si fa alcun problema a riciclare oggetti ricevuti in altre occasioni e non apprezzati. La percentuale è uguale in Inghilterra e Germania. In Francia, Spagna e Paesi Bassi, invece, questo è considerato in modo molto negativo.

SODDISFAZIONE GENERALE RISPETTO AI REGALI
Il 20% degli italiani dà 7 ai regali ricevuti contro l'8 dato da tutti gli altri Paesi europei eccetto la Germania dove la popolazione è mediamente insoddisfatta dei doni scartati.

IL REGALO PIU' APPREZZATO DAGLI ITALIANI
É il viaggio il regalo più apprezzato sia per chi lo fa che per chi lo riceve. Il 22% degli intervistati, infatti, lo ricorda com uno dei regali più belli ricevuti mentre il 54% delle persone, se avesse un extra-budget, lo spenderebbe per un weekend fuori porta con il partner.

STRESS E NATALE
Il 35% degli italiani dice di non essere stressato dal Natale. Restiamo, comunque, il Paese che avverte più agitazione per l’arrivo delle feste (il 30% quando vede le prime decorazioni in città) rispetto a tutti gli altri Paesi europei.

 

 

 

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Regali-compleanno-autunno

4 idee regalo per affrontare l'autunno

Compleanni autunnali? Ecco 4 buone idee per un regalo diverso dai soliti, sia per i grandi che per i piccini. 

continua »
torta3y7ogurt

Torte estive senza cottura

Ricette dolci facili e veloci da preparare e che non richiedono la cottura in forno da proporre per feste di compleanno estive.

continua »
Esacape-room-incasa

Escape room... in casa

Un'idea diversa per un regalo di compleanno alternativo. O ancora, in un momento in cui gli assembramenti sono vietati, l'occasione per organizzare una festa in casa con un numero ristretto di bambini.

continua »
Lavoretti-pasqua-2020

4 lavoretti di Pasqua da fare con i bambini

Torniamo a parlare di lavoretti pasquali da fare in casa con i bambini. Ecco alcune idee divertenti e facilissimi da realizzare anche con i bimbi più piccoli.

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network