Tradizioni di Natale: dall'Islanda Jolabokaflod

Conl Jólabókaflód si definisce la tradizione islandese di acquistare libri tra settembre e dicembre da regalare per Natale. Testimonianza dell'amore dei nordici per la lettura.

Articoli Correlati

Tradizioni di Natale: dall'Islanda Jolabokaflod



La neve che cade, il caminetto che scoppietta, le luci dell'albero accese, un bicchiere di vino o una tazza di cioccolata calda e un buon libro da leggere. Quale modo migliore di trascorrere la Vigilia di Natale e il 25 dicembre?


Gli Islandesi non hanno dubbi. Per loro questi giorni sono associati soprattutto alla lettura, al relax tra le mura di casa, a un tempo da far scorrere con calma.

Letteralmente Jólabókaflód significa alluvione (flód) di libri (bóka) per Natale (Jóla). 

È una tradizione tutta islandese che risale alla seconda guerra mondiale quando le restrizioni sulle importazioni e l'accesso ristretto ai beni di consumo da parte della popolazione fece del libro (la carta, al contrario, si commercializzava liberamente nel Paese) il regalo perfetto (e unico) delle festività natalizie.
L'usanza è rimasta e ancora oggi per gli islandesi Vigilia di Natale e Natale significano, soprattutto, tempo trascorso nell'intimità e al caldo della propria casa a leggere un buon libro ricevuto in dono, appunto, in occasione delle feste.



La tradizione dello Jólabókaflód inizia a novembre, quando ogni islandese riceve il Bókatídindi nella sua cassetta postale. Si tratta di un catalogo che sintetizza tutte le nuove pubblicazioni dell'Associazione degli editori islandesi da cui attingere a piene mani per trovare ispirazione per i propri regali.
Da settembre a dicembre, poi, tutte le librerie del Paese straripano di nuovi titoli proprio perché tutti sanno che a Natale saranno venduti e regalati centinaia di libri.
D'altra parte i numeri parlano chiaro: l'Islanda è il Paese in cui si pubblicano più libri al mondo per abitante (cinque per mille) e non è un caso che nel 2011 l'Unesco definì Reykjavik città di lettori.

La tradizione, infine, vuole che i libri siano rigorosamente di carta, da sfogliare e assaporare (godendone il profumo) e che la lettura inizi già la notte della Vigilia dopo aver scartato i doni.




 

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
carnevale_covid

Il Covid ci ha rubato il Carnevale?

La risposta è si. Niente sfilate di carri, niente feste con i compagni, niente manifestazioni in piazza. Eppure festeggiare il Carnevale con i bambini è ancora possibile. E in totale sicurezza. Ecco 5 idee per il Carnevale 2021.

continua »
Colore_Pantone2021

Colore pantone 2021

Per il 2021, Pantone ha scelto un connubio di colori per incoraggiare tutti a supportarsi a vicenda e trasmettere un messaggio di speranza dopo le fatiche dell'anno passato. 

continua »
Befana2014

Calze della Befana fai da te

Se siete stanchi della solita calza, ecco alcune idee alternative per accogliere la Befana (e tutti i dolci e le caramelle che porta) in modo diverso. E due ricette semplicissime per preparare in casa deliziose gelatine di frutta.

continua »
Promemoria-Natale

Promemoria di Natale: i regali che contano davvero

Ormai tutti i regali sono stati acquistati, incartati e forse già messi sotto l'albero. Tutto è pronto per la notte del 24 e la mattina del 25. Ma sei davvero sicura di aver regalato ai tuoi bambini ciò di cui davvero hanno bisogno?

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana



I piú cliccati
Seguici sui network