Tradizioni di Natale: dall'Islanda Jolabokaflod

Conl Jólabókaflód si definisce la tradizione islandese di acquistare libri tra settembre e dicembre da regalare per Natale. Testimonianza dell'amore dei nordici per la lettura.

Articoli Correlati

Tradizioni di Natale: dall'Islanda Jolabokaflod



La neve che cade, il caminetto che scoppietta, le luci dell'albero accese, un bicchiere di vino o una tazza di cioccolata calda e un buon libro da leggere. Quale modo migliore di trascorrere la Vigilia di Natale e il 25 dicembre?


Gli Islandesi non hanno dubbi. Per loro questi giorni sono associati soprattutto alla lettura, al relax tra le mura di casa, a un tempo da far scorrere con calma.

Letteralmente Jólabókaflód significa alluvione (flód) di libri (bóka) per Natale (Jóla). 

È una tradizione tutta islandese che risale alla seconda guerra mondiale quando le restrizioni sulle importazioni e l'accesso ristretto ai beni di consumo da parte della popolazione fece del libro (la carta, al contrario, si commercializzava liberamente nel Paese) il regalo perfetto (e unico) delle festività natalizie.
L'usanza è rimasta e ancora oggi per gli islandesi Vigilia di Natale e Natale significano, soprattutto, tempo trascorso nell'intimità e al caldo della propria casa a leggere un buon libro ricevuto in dono, appunto, in occasione delle feste.



La tradizione dello Jólabókaflód inizia a novembre, quando ogni islandese riceve il Bókatídindi nella sua cassetta postale. Si tratta di un catalogo che sintetizza tutte le nuove pubblicazioni dell'Associazione degli editori islandesi da cui attingere a piene mani per trovare ispirazione per i propri regali.
Da settembre a dicembre, poi, tutte le librerie del Paese straripano di nuovi titoli proprio perché tutti sanno che a Natale saranno venduti e regalati centinaia di libri.
D'altra parte i numeri parlano chiaro: l'Islanda è il Paese in cui si pubblicano più libri al mondo per abitante (cinque per mille) e non è un caso che nel 2011 l'Unesco definì Reykjavik città di lettori.

La tradizione, infine, vuole che i libri siano rigorosamente di carta, da sfogliare e assaporare (godendone il profumo) e che la lettura inizi già la notte della Vigilia dopo aver scartato i doni.




 

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Lavoretti-pasqua-2020

4 lavoretti di Pasqua da fare con i bambini

Torniamo a parlare di lavoretti pasquali da fare in casa con i bambini. Ecco alcune idee divertenti e facilissimi da realizzare anche con i bimbi più piccoli.

continua »
Pasqua-covid

Colomba e uova di Pasqua: chi le consegna a domicilio

Una Pasqua decisamente diverse dal solito. Niente pranzo con i parenti. Niente picnic di Pasquetta. Niente gite fuori porta o viaggi intercontinentali. Ma all'uovo e alla colomba non è necessario rinunciare. Ecco chi consegna a casa prodotti freschi di pasticceria.

continua »
Compleanno-coronavirus

Compleanno al tempo del #covid19

Ecco qualche idea per festeggiare il compleanno di un bambino nato in questi giorni di quarantena.

continua »
Lavoretti-pasquali2020

Due lavoretti di Pasqua da fare con i bambini

Sempre nell'ottica del come intratteniamo i bambini per tutto il giorno?, ecco due semplici lavoretti pasquali da fare con i più piccoli in questi giorni di clausura.

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network