Cellule staminali del cordone

Cosa sono. A cosa servono. Come avviene la raccolta. Tutto sulle cellule staminali del cordone, in grado di curare malattie ritenute incurabili fino a oggi.


Le staminali, dette anche cellule madre, sono cellule che ancora non hanno subito un processo di differenziazione in grado i trasformarle, al caso, nelle varie cellule del sangue, del tessuto nervoso, cardiaco, pancreatico ed epiteliale. In pratica, si tratta di cellule immature capaci di differenziarsi, per effetto di uno stimolo indotto dall'esterno, in cellule specializzate con funzioni specifiche fornendo, qualora dovesse servire, un ricambio per cellule danneggiate da particolari patologie (alcune forme tumorali, leucemie, sclerosi multipla…), invecchiamento fisiologico o incidenti.
Ecco perché il sangue del cordone ombelicale rappresenta una risorsa di grande valore per il piccolo e per i suoi familiari che conservando le cellule staminali possono disporne in caso di bisogno, garantendosi una vera e propria assicurazione biologica sulla vita.


Per saperne di più…
 

Il parto è l’unica occasione in cui è possibile prelevare in modo non invasivo le proprie cellule staminali, evitandone l’inutile distruzione. Il sangue contenuto nel cordone ombelicale, infatti, può essere raccolto prima che la placenta e il cordone finiscano tra i “rifiuti speciali” ospedalieri senza alcun danno o disturbo per la mamma e il per il bambino e senza alcuna interferenza sulle medesime operazioni del parto (per ulteriori dettagli sul procedimento di raccolta).


 

La scelta della società che si dovrà occupare della raccolta è molto importante e i criteri da tener presente sono molteplici.
Tra i principali è fondamentale assicurarsi che i laboratori siano in possesso della certificazione GMP, l’unica a essere riconosciuta sia dall’Unione Europea che dalla Food and Drug Administration e la sola a rappresentare il massimo standard qualitativo esistente garantendo la sicurezza biologica dei laboratori stessi e delle procedure.
È, poi, importante stipulare il contratto direttamente con la banca estera e non con società commerciali intermediarie avendo cura di verificare precedentemente la solidità finanziaria della biobanca.
Tutti i dettagli…).

Le famiglie che optano per la raccolta delle cellule staminali del cordone ombelicale sono sempre più numerose anche in Italia. Si tratta, in pratica, di un investimento per il futuro, un’assicurazione per la salute biologica personale e dei propri cari (a questo proposito, interessante leggere la testimonianza di Federica Panicucci).
 

Per approfondire l’argomento, leggere la testimonianza di Federica Panicucci), capire come avviene il per ulteriori dettagli sul procedimento di raccoltacliccate qui.

Questo articolo è sponsorizzato

 

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Esenzione-ticket-pregnancy

Esenzione da ticket in gravidanza

A chi viene riconosciuta, a quali prestazioni sanitarie dà diritto e da chi devono essere prescritte. Facciamo il punto sull'esenzione del ticket in gravidanza.

continua »
Nomi2017

I nomi più amati dagli Italiani secondo l'Istat

E con il 2017 ormai agli sgoccioli, vediamo un po' quali sono stati, secondo l'Istat, i nomi che gli Italiani hanno scelto maggiormente nel 2016 per i loro bambini. Sul podio gli evergreen Francesco, Sofia, Alessandro e Leonardo. 

continua »
Gravidanza-alimentazione

Natale e gravidanza: 6 piatti da evitare durante le feste

Che gioia il Natale con il pancione. Ma che fatica sopravvivere ai pranzi e alle cene delle feste. Soprattutto considerato che alcuni cibi andrebbero evitati del tutto per non compromettere la salute del bimbo. Ecco quali.

continua »
Bonus-bebe2018

Bonus bebè: dal 2019 varrà la metà

Confermato il bonus bebè di 960€ per il 2018 che sarà, però, ridotto del 50% a partire dal 2019. In altre parole, parents to be datevi da fare nei prossimi mesi se volete usufruirne a cifra intera. 

continua »
Cerca altre strutture







Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network