Induzione al parto

Solo se strettamente necessario, a discrezione del medico, il parto può essere indotto. Per aiutare la futura mamma durante il travaglio e far nascere il bimbo in modo naturale senza ricorrere al cesareo.

Articoli Correlati

Per gravidanza a termine si intende il lasso di tempo compreso tra la 37° e la 41° settimana di gestazione. Durante questo range di tempo, il parto potrebbe avvenire in qualunque momento. È bene, però, ricordare che circa l'80% dei neonati nasce in ritardo rispetto alla data presunta e che questo evento non comporta problemi e complicanze a meno che non vengano superate le due settimane di ritardo quando la placenta smette di funzionare a dovere e il bambino potrebbe andare in sofferenza fetale.


 
LE TECNICHE PER INDURRE IL PARTO


In tali casi, per evitare di ricorrere al cesareo, spesso il parto viene indotto, attraverso una serie di tecniche che consentono di accelerare (o dare avvio) il travaglio e la nascita del bimbo:




Manovra cervicale: è una manovra che viene operata dall'ostetrica e consiste nella rottura della membrana uterina con il conseguente rilascio da parte dell'organismo di prostaglandine, una sostanza che facilita la dilatazione dell'utero.

Rottura artificiale della membrana: consiste nella rottura della membrana del sacco amniotico per mezzo di un uncino con la conseguente fuoriuscita delle acque. Quest'operazione facilita la fuoriuscita del bebè e la produzione di un ormone coinvolto nell'inizio delle contrazioni.

Gel di prostaglandine: quando il travaglio tarda a iniziare o si prolunga troppo a lungo, per accelerare la nascita del bambino vengono inserite nell'utero delle capsule in gel di prostaglandine, che come abbiamo visto facilita la dilatazione e la conseguente fuoriuscita del bebè.

Flebo di ossitocina: l'ossitocina è un ormone il cui ruolo principale è quello di stimolare e facilitare le contrazioni della muscolatura liscia dell'utero. È chiaro, dunque, quale sia il suo ruolo durante il travaglio prima e il parto poi. In caso di ritardo, il parto viene indotto iniettando alla madre una flebo di ossitocina che dà inizio alle contrazioni.

 
QUANDO IL PARTO VIENE INDOTTO


Generalmente il parto viene indotto in condizioni particolari e solo quando si vuole evitare il cesareo.

 

  • Dopo la 41° settimana quando i controlli ecografici sono negativi
     
  • Se durante le ultime ecografie viene registrata una sofferenza fetale, riduzione dei movimenti e del tono.
     
  • Quando la placenta smette di funzionare correttamente e non è più in grado di garantire la crescita sana del feto.
     
  • In presenza di gestosi materna
     
  • In presenza di diabete gravidico con complicanze
     
  • Se la quantità di liquido amniotico cala oltre la soglia stabilita

     

Commenta questo articolo
  • Commento inserito da Ste il 17 febbraio 2011 alle ore 17:32

    tre settimane fa ho partorito con induzione con gel, alla 37 settimana, per mal funzionamento della placenta. Esperienza ottima, in due ore dall'induzione ho partorito naturalmente un bel bambino. Esperienza ripetibile, ma tutto troppo in fretta, non ho fatto in tempo a realizzare che il mio tanto desiderato bimbo stava venendo alla luce e che da quel momento non sarebbe più stato nella mia pancia.

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Esenzione-ticket-pregnancy

Esenzione da ticket in gravidanza

A chi viene riconosciuta, a quali prestazioni sanitarie dà diritto e da chi devono essere prescritte. Facciamo il punto sull'esenzione del ticket in gravidanza.

continua »
Nomi2017

I nomi più amati dagli Italiani secondo l'Istat

E con il 2017 ormai agli sgoccioli, vediamo un po' quali sono stati, secondo l'Istat, i nomi che gli Italiani hanno scelto maggiormente nel 2016 per i loro bambini. Sul podio gli evergreen Francesco, Sofia, Alessandro e Leonardo. 

continua »
Gravidanza-alimentazione

Natale e gravidanza: 6 piatti da evitare durante le feste

Che gioia il Natale con il pancione. Ma che fatica sopravvivere ai pranzi e alle cene delle feste. Soprattutto considerato che alcuni cibi andrebbero evitati del tutto per non compromettere la salute del bimbo. Ecco quali.

continua »
Bonus-bebe2018

Bonus bebè: dal 2019 varrà la metà

Confermato il bonus bebè di 960€ per il 2018 che sarà, però, ridotto del 50% a partire dal 2019. In altre parole, parents to be datevi da fare nei prossimi mesi se volete usufruirne a cifra intera. 

continua »
Cerca altre strutture







Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network