Parto indolore: il gas esilarante - Gravidanza - Bambinopoli





Parto indolore: il gas esilarante

Testato per il momento all’Ospedale Buzzi di Milano e all’Umberto I di Roma, viene proposto alle partorienti un modo nuovo di partorire senza dolore: utilizzando il protossido d’azoto.

Articoli Correlati


Di questi giorni la notizia che all’Ospedale Buzzi di Milano, nel mese di agosto, dieci donne sono state accompagnate al parto attraverso l’uso di protossido d’azoto, un gas che consente di dimezzare i dolori durante il travaglio, rendendo il momento del parto più sereno.
Si tratta di una tecnica assolutamente innovativa (viene utilizzata con successo anche all’Umberto I di Roma e, abitualmente, negli ospedali inglesi e americani) che utilizza, però, un sistema anestetico vecchio e collaudato da secoli: il protossido d’azoto, conosciuto anche come gas esilarante, appunto.


 
PROTOSSIDO D’AZOTO: ANESTETICO SENZA CONSEGUENZE

Partorire utilizzando ossido d’azoto sembrerebbe avere innumerevoli vantaggi rispetto alle tecniche tradizionali utilizzate per diminuire il dolore durante il travaglio (per esempio, la famosa epidurale).
Innanzitutto, a quanto pare, non ci sarebbero controindicazioni per la partoriente, trattandosi di un gas innocuo che, al massimo, procura euforia e, pare, un blando effetto afrodisiaco.


Inoltre, può essere autosomminastrato dalla donna stessa, debitamente istruita sul funzionamento e le dosi, eliminando il problema della presenza fissa, al momento del parto, dell’anestesista.
Infine, lascia la futura mamma sveglia e perfettamente cosciente di quello che le sta accadendo limitandosi a diminuire il dolore nelle fasi peggiori del travaglio.

 

 
PARTO INDOLORE: UNA CONQUISTA RECENTE

Sebbene si parli tanto di tecniche che favoriscano il parto indolore, nella realtà delle cose sono pochissimi gli ospedali italiani che garantiscono alla partoriente la sicurezza di poterne usufruire al momento del travaglio. La stessa epidurale, che va comunque, preventivamente concordata, può essere praticata solo in una certa fase del travaglio e solo in presenza dell’anestesista (qualora, quindi, questi non sia presente in reparto, il personale medico non è autorizzato a effettuarla).
L’utilizzo di tecniche alternative, possibilmente facilmente utilizzabili da chiunque, in qualsiasi giorno della settimana e senza rischi eccessivi per la donna, non può che essere una conquista che riporta l’Italia agli standard dei più evoluti paesi europei (e non europei).
La terapia del dolore è, infatti, un diritto a cui qualsiasi paziente ha diritto, sempre e comunque. E che, invece, troppo spesso viene negata più che altro per questioni organizzative e burocratiche.
In questo senso sia il Buzzi di Milano che l’Umberto I di Roma si collocano tra le strutture più attente alle esigenze della futura mamma e, perché no?, anche del bambino.

 

Commenta questo articolo
  • Commento inserito da Giulia il 4 settembre 2011 alle ore 19:56

    Il mio dentista lo usa da anni con i bambini nella cura dei denti e i risultati sono eccellenti. A volte le soluzioni più semplici ....

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Beautyroutine-gravidanza

Beauty routine in gravidanza: come prendersi cura del proprio corpo

Come prendersi cura della propria pelle durante la gravidanza? E dopo aver partorito? Che caratteristiche devono avere le creme per il corpo? Quali sono gli ingredienti da evitare? Consigli di bellezza per la futura mamma in dolce attesa. 

continua »
Colazione-gravidanza

La super colazione per la futura mamma

Tre colazioni super nutriente e sane perfette per la mamma in dolce attesa. Per avere sin dal primo pasto tutti i nutrimenti necessari per sé e per il bambino.

continua »
Nomi-femminili-eroine

7 nomi di bambina ispirati alle eroine della letteratura

7 nomi femminili italiani ispirati ad altrettanti personaggi che hanno fatto la storia della letteratura. Per mamme e papà appassionati di libri.

continua »
Contrazioni

Contrazioni e gravidanza

Le contrazioni, un fenomeno fisiologico tipico della gravidanza, possono essere avvertite durante tutto il periodo gestazionale. Ecco come, trimestre per trimestre, riconoscerle e decifrarne le cause.

continua »
Cerca altre strutture






Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network