Spina bifida: prevenzione ed esami

Spina bifida: una malformazione congenita che può essere prevenuta e che si può diagnosticare già durante la gravidanza con esami specifici tra il primo e il secondo trimestre.

Articoli Correlati

Spina bifida: prevenzione ed esami


La spina bifida, che colpisce un neonato su 8000, è una malformazione congenita dovuta alla chiusura incompleta di una o più vertebre con conseguente malformazione, più o meno grave, del midollo spinale. Generalmente, infatti, la colonna vertebrale “si chiude” intorno al 28° giorno di vita dell’embrione (intorno alla sesta/settima settimana di gravidanza). Se ciò non dovesse verificarsi, a seconda del numero di vertebre coinvolte e dell’estensione dell’area interessata, il neonato va incontro a una serie di problemi più o meno gravi che, in qualche modo, condizioneranno tutta la sua vita futura.
Sebbene, quindi, si tratti di una patologia piuttosto rara, è bene fare di tutto, in termini di prevenzione, per evitare che si verifichi, guidando la futura mamma verso scelte consapevoli e mirate ad evitare del tutto il problema.


 
SPINA BIFIDA: CAUSE

Responsabili della spina bifida una serie di fattori, sia endogeni (genetici) che esogeni (ambientali) che, insieme, ne determinano la formazione.
Tra i fattori endogeni, la presenza in famiglia di casi, più o meno vicini, di persone affette dalla medesima patologia (il 5% dei bambini colpiti da spina bifida ha, infatti, un parente prossimo che soffre o ha sofferto del medesimo problema).


Tra i fattori esogeni, ipertermia, iperglicemia e obesità materna. L’assunzione, da parte della madre, di alcuni farmaci (per esempio, antiepilettici, diuretici, antistaminici e sulfonamidi). Alcune condizioni prettamente ambientali (la disinfezione con cloro dell’acqua potabile, la presenza di campi elettromagnetici, la frequentazione di saune o bagni turchi…).
Naturalmente, nulla di tutto ciò è necessariamente causa di spina bifida. Ma potrebbe, laddove esiste già un’eventuale predisposizione, peggiorare la situazione.

 

 
SPINA BIFIDA: COME SI PREVIENE

Il ruolo fondamentale dell’assunzione preventiva di acido folico, una vitamina del gruppo B, per la prevenzione della spina bifida è, ormai, accertata e accettata in modo universale.
Non a caso, per le donne che hanno in programma una gravidanza, se ne consiglia l’assunzione già in fase di preconcepimento. E, comunque, senz’altro dal momento della scoperta della gravidanza fino, almeno, alla fine del terzo mese di gestazione.

 

 
LA DIAGNOSI PREVENTIVA

La spina bifida viene oggi diagnosticata durante la gravidanza, senza ricorrere a esami invasivi quali, per esempio, l’amniocentesi, attraverso l’ecografia. Con l’impiego di ultrasuoni, infatti, che valutano la densità dei tessuti attraversati, è possibile effettuare misurazioni della taglia e della forma del cranio del feto, come la presenza di malformazioni delle spine o un rigonfiamento posto dietro la colonna vertebrale. L’esame, che per essere affidabile dovrebbe essere effettuato dopo la decima settimana di gravidanza, viene spesso associato a un prelievo di sangue, che si effettua tra la sedicesima e la diciassettesima settimana di gravidanza e che valuta l’indice di rischio di malformazioni del tubo neurale.
Si tratta dell’alfaproteina (AFP), una delle poche proteine plasmatiche fetali. Studiandone le concentrazioni nel liquido amniotico e nel sangue materno, si è scoperta una correlazione positiva tra elevati livelli di AFP e alcune patologie malformative, riguardanti, soprattutto, difetti del tubo neurale come l’anencefalia (che di solito porta alla morte del feto) e la mancata chiusura dello stesso (la spina bifida, appunto). Inoltre, un’elevata concentrazione di questa proteina nel sangue della futura madre può anche essere segnale di un distacco della placenta.
Al contrario, livelli molto bassi sono spesso associati al rischio che il feto sia affetto da Sindrome di Down.
Generalmente, questo è un esame che viene inserito nel cosiddetto Tri-test.

 

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Cosa-non-fare-in-gravidanza

5 cose da evitare quando si � incinta

Certo. Fumare. Bere alcolici. Intossicarsi di caffè. Alcuni 'divieti' della gravidanza sono noti e, più o meno, rispettati da tutte le donne incinta. Ci sono, però, altri piccoli accorgimenti da prendere durante i nove mesi di attesa. Per il benessere del bambino. Ma anche della futura mamma.

continua »
Fitball-in-gravidanza

Fitball in gravidanza. Ecco perché è utile

Non è molto diversa dalle palle che si trovano nelle palestre utilizzate per eseguire alcune sequenze di esercizi. Usata in gravidanza, la fitball apporta una serie di benefici durante tutti i tre trimestri di gestazione.

continua »
Peso-gravidanza

Aumento del peso in gravidanza

L'aumento di peso durante i 9 mesi di gravidanza è fisiologico e indispensabile per garantire la crescita del bambino. L'aumento, però, non segue un andamento lineare nei 3 trimestri. Ecco come dovrebbe cambiare il peso della futura mamma.

continua »
pavimento_pelvico-Kegel

Dopo il parto, esercizi di Kegel per allenare il perineo

Gli esercizi di Kegel che aiutano a mantenere allenato il perineo e rafforzano la muscoatua pelvica sono particolarmente indicati nel periodo del post partum per ritrovare il proprio benessere e assicurarsi una vita sessuale senza problemi.

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network