Aborto: dopo quanto riprovare

L'aborto è un evento traumatico il cui peso psicologico non deve essere sottovalutato. Ecco come aiutare la coppia e quando cominciare a pensare a una nuova gravidanza.

Articoli Correlati

Aborto: dopo quanto riprovare



Un aborto spontaneo, soprattutto a gravidanza già avanzata, è un evento traumatico che ogni coppia deve metabolizzare a modo suo, seguendo un percorso che non può essere standard per tutti.


C'è chi preferisce riprovare subito ad avere un bambino, chi lascia trascorrere mesi prima di riprovarci. 
Se, poi, gli aborti sono ripetuti, alcune donne preferiscono rinunciare e tentare strade diverse per diventare madri.
In ogni caso, è fondamentale sentirsi liberi di seguire la propria strada assecondando solo ed esclusivamente il proprio istinto.


Se, infatti, l'Organizzazione Mondiale della Sanità consiglia di aspettare, alcuni studi (Human Reproduction Update dell'Università di Aberdeen in Scozia) sembrerebbero affermare che le donne che provono ad avere un figlio nei sei mesi successivi all'aborto spontaneo hanno più possibilità di rimanere incinta delle altre.
Non esistendo, quindi, nessun accordo in materia da parte dei medici, l'unico consiglio saggio è quello di comportarsi come ci si sente, senza farsi prendere da inutili ansie, sensi di colpa, paura.

Se non ci sono indicazioni particolari sui tempi di attesa, però, ciò non toglie che qualche consiglio possa essere speso in materia di prevenzione.
Le cause di aborto spontaneo, infatti, sono innumerevoli e spesso sono dovute a problemi genetici dell'embrione che renderebbero impossibile la sua vita in ambiente extra-uterino.
Se, però, le cause sono di altro tipo, comprendere quali potrebbero essere i motivi è molto importante per poter intervenire per tempo ed evitare un altro aborto.
Una visita ginecologica di controllo, quindi, è fondamentale perché permette di escludere eventuali patologie (fibroma, ovaio policistico...) che potrebbero interferire con la gravidanza.

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Fitball-in-gravidanza

Fitball in gravidanza. Ecco perché è utile

Non è molto diversa dalle palle che si trovano nelle palestre utilizzate per eseguire alcune sequenze di esercizi. Usata in gravidanza, la fitball apporta una serie di benefici durante tutti i tre trimestri di gestazione.

continua »
Peso-gravidanza

Aumento del peso in gravidanza

L'aumento di peso durante i 9 mesi di gravidanza è fisiologico e indispensabile per garantire la crescita del bambino. L'aumento, però, non segue un andamento lineare nei 3 trimestri. Ecco come dovrebbe cambiare il peso della futura mamma.

continua »
pavimento_pelvico-Kegel

Dopo il parto, esercizi di Kegel per allenare il perineo

Gli esercizi di Kegel che aiutano a mantenere allenato il perineo e rafforzano la muscoatua pelvica sono particolarmente indicati nel periodo del post partum per ritrovare il proprio benessere e assicurarsi una vita sessuale senza problemi.

continua »
Coranavirus-gravidanza

Coronavirus in gravidanza: cosa sappiamo

È incinta di 8 mesi la moglie di quello che è considerato in Italia il primo caso conclamato di coronavirus. Cosa sappiamo in merito? Cosa dicono gli esperti? 

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network