Al lavoro fino al nono mese? Perché no!

Potrebbe cambiare la legge sul congedo di maternità. Con la manovra, decade l'obbligo di maternità obbligatoria dal settimo mese e le donne che lo vorranno potranno scegliere di lavorare fino al nono mese.

Articoli Correlati


 
La notizia, di qualche giorno fa, rappresenta una vera rivoluzione per quanto riguarda la maternità: per le future mamme che lo desiderano, infatti, la manovra prevede la possibilità di posticipare di due mesi l'inizio del congedo di maternità per poter usufruire di più tempo da trascorrere con il bambino una volta venuto al mondo.


Non più, quindi, in maternità al settimo mese (che poteva diventare ottavo per le donne che, previa visita medica ne avesero fatto richiesta), ma al nono. E rientro dal lavoro al compimento del quinto mese del bambino.
Naturalmente, il congedo è in questo caso sottoposto alla validazione del medico che deve rilasciare un certificato di buona salute per la donna incinta confermando che il lavoro da lei svolto non possa arrecare danni alla futura mamma o al bambino.

Si chiama Maternità Agile, viene proposta in sostituzione all'attuale sistema di congedo e prevede il prolungamento a 5 giorni il lavorativi l'obbligo di congedo per i padri

PERCHÈ SI TRATTA DI UN GRANDE PASSO IN AVANTI

La Maternità Agile rappresenta senz'altro una grande novità in fatto di congedo.
Innanzitutto sdogana l'idea che la gravidanza sia una malattia. Nulla, infatti, vieta alla donna incinta, qualora se lo senta e il lavoro che svolge non rappresenti un pericolo per la sua salute e per quella del feto, di prolunare il lavoro fino agli ultimi giorni prima del parto. Lo fanno la maggior parte delle libere professioniste, coloro che svolgono in proprio la loro attività. Ora diventa un'opportunità anche per chi è regolarmente assunto.

La possibilità, poi, di prolungare fino al quinto mese il congedo di maternità obbligatoria (significa pagata per intero), se naturalmente non risolve il problema, quanto meno aiuta le mamme a organizzarsi meglio per il rientro al lavoro, in una fase in cui il bambino potrebbe già iniziare a non dipendere al 100% dalla mamma stessa (ricordiamo che, normalmente, è intorno al sesto mese che si passa a un'alimentazione solida).
I benefici sono notevoli per la costruzione del rapporto. A quest'età, infatti, due mesi di differenza contano. E se un bimbo di tre mesi il distacco dalla mamma potrebbe rappresentare un problema, a cinque la cosa potrebbe essere affrontata più serenamente.
 

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Bellezza-gravidanza

Beauty routine quotidiana in gravidanza

Quali sono i prodotti di bellezza che non dovrebbero mai mancare nel beauty case della futura mamma? Quali gli ingredienti da evitare?

continua »
Gravidanza-cinture-sicurezza

Cinture di sicurezza in gravidanza

Molte donne incinta sono convinte che la cintura di sicurezza possa arrecare danno al bambino. Il non utilizzo, però, comporta multe piuttosto salate e sanzioni che possono arrivare fino al ritiro della patente.

continua »
Curiosita-gravidanza

9 curiosità sul corpo della donna in gravidanza

Durante la gravidanza, il corpo della donna si trasforma per accogliere il feto nel modo migliore. Alcuni cambiamenti, però, non hanno necessariamente a che fare con l'utero e la pancia. Per esempio...

continua »
Farmaco-depressione-postpartum

In commercio il farmaco contro la depressione post partum

La FDA (Food and Drug Administration), l'agenzia americana per i farmaci, ha dato il via libera alla commercializzazione del primo farmaco che dovrebbe contrastare la depressione post partum nelle prime settimane dopo il parto.

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network