Come comportarsi in gravidanza con un gatto in casa

Nessun rischio per le future mamme in dolce attesa qualora in casa sia presente un gatto. Occorre, però, prestare alcune attenzioni e rispettare alcune basilari norme igieniche.

Articoli Correlati

Come comportarsi in gravidanza con un gatto in casa



Per quanto la toxoplasmosi, una malattia con conseguenze piuttosto gravi se contratta in gravidanza, sia spesso trasmessa dai gatti, non è necessario, nei 9 mesi di gestazione, 'sbarazzarsi' o allontanare il micio di casa. 


Piuttosto, è necessario prendere alcune precauzione fondamentali per evitare problemi e porre particolare attenzione ad alcune norme igieniche che possono scongiurare del tutto il rischio di contagio.
A questo proposito, va subito fatta una precisazione: il toxoplasma gondii, un parassita che si può trovare nell'intestino dei gatti, si trasmette attraverso l'ingestione da parte dell'animale di carne cruda infetta.
Difficilmente, quindi, un gatto domestico, tanto più se castrato, non esposto al contatto con altri animali e che si nutre solo di crocchette e cibo industriale (scatolette di carne o pesce), può contrarre la malattia e diventare, a sua volta, veicolo di trasmissione.

Diverso, invece, il caso di gatti che vivono all'aperto e si nutrono o cacciano topi e piccoli roditori. In questi casi, il rischio che l'animali contragga il parassita dalle sue predi già infette aumenta e occorre prestare molta più attenzione.

COME AVVIENE IL CONTAGIO

Per contrarre la toxoplasmosi, è necessario che avvenga un contagio tra le feci del gatto, attraverso le quali vengono espulse le uova del parassita, e le mucose dell'essere umano (occhi, bocca...). Le uova, infatti, rimangono vive nelle feci per un paio di giorni e possono essere trasmesse all'uomo attraverso il contatto involontario con le mucose (per esempio, attraverso lo sfregamento di occhi o bocca).
Ecco perché l'utilizzo di guanti in lattice e di una mascherina quando si pulisce la lettiera del gatto è una delle migliori forme di prevenzione per evitare di contrarre la malattia.
Va da sé, e questo anche in condizioni normali, che sarebbe buona norma lavarsi le mani sempre dopo essere venuti a contatto con le feci di un gatto (e di qualsiasi animali).

COCCOLE E CAREZZE RAPPRESENTANO UN PROBLEMA?

Premesso che è sempre possibbile sottoporre al gatto ad alcuni esami che possano escludere la presenza del parassita nel suo intestino, non è necessario rinunciare alle coccole e alle carezze del proprio gatto durante i 9 mesi di gestazione.
Come dicevamo il contagio avviene attraverso le feci dell'animale e non accarezzandogli il pelo o coccolandolo come si è sempre fatto. A ogni modo, e questo a prescindere dal problema della toxoplasmosi, dopo aver toccato un animale, cane o gatto che sia, bisognerebbe sempre lacarsi le mani con acqua e sapone.

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Terza-dose-gravidanza

Terza dose in gravidanza e allattamento

Le indicazioni dell'ISS rispetto alla necessità o meno di effettuare la terza dose in stato di gravidanza o durante l'allattamento.

continua »
Caffe-gravidanza2021

Si può bere il caffè in gravidanza?

Se fumo e alcol sono vietati in gravidanza, qual è la posizione dei medici rispetto al caffè in gravidanza? Si può bere oppure no? Fa male al bambino? E se sì, perchè?

continua »
Citomegalovirus2021

Virus in gravidanza: il citomegalovirus

Più diffuso di quanto si pensi, il CMV o citomegalovirus è un virus della famiglia degli herpes che se contratto in gravidanza può avere serie conseguenze sul nascituro.

continua »
Estate-Pancione2021

Estate col pancione in 10 domande

10 domande e altrettante risposte per affrontare al meglio i prossimi mesi estivi con il pancione. Dall’esposizione al sole ai bagni in mare, dal caldo ai viaggi.

continua »
Cerca altre strutture