Diventare mamma tra fantasie e aspettative

Dal bambino immaginario al bambino reale. Le fantasie della futura mamma rispetto al nascituro servono per predisporla al nuovo ruolo che l'attente. Al contempo, però, quando il bimbo sarà nato, il confronto tra immaginazione e realtà può suscitare delusioni.

Articoli Correlati


Ciascuna donna, sin da bambina, si domanda se un giorno sarà madre, che madre sarà e se assomiglierà alla propria. Essere madre non è quindi scontato, né immediato, è una conquista lenta che si ottiene anche grazie al proprio bambino.
La gravidanza è un periodo di attesa che viene vissuto diversamente da ogni madre. Ciò che spesso accade è che l’immaginazione e i desideri materni si trasformino in rappresentazioni riguardo il proprio bambino e il proprio futuro di madre; fioriscono sogni, desideri, fantasie e aspettative che esprimono sia speranze che paure sul bambino e sul futuro che lo aspetta. Si tratta di un processo prezioso e necessario per la costruzione del proprio ruolo e della propria identità di madre.



Nel periodo che precede il parto la donna inizia a fantasticare rispetto al proprio futuro ed alle proprie aspettative, rappresentando il figlio nella propria mente. Questa raffigurazione viene definita bambino immaginario e riguarda le caratteristiche fisiche, caratteriali e relazionali che la madre attribuisce al futuro figlio; è una costruzione immaginaria che ha origine nello specifico desiderio di gravidanza e che serve alla madre per elaborare e riconoscere le proprie aspettative ed emozioni.
Ciò consiste in uno spazio mentale intimo in cui la madre si concede di pensare al suo bambino, affiancando le proprie rappresentazioni alla costruzione dello spazio fisico che accoglierà il nascituro (culla, fasciatoio, vestitini, cameretta).


Il momento della nascita determina, quindi, una rottura: la venuta al mondo del bambino reale deve confrontarsi con le fantasie e le aspettative della madre e, a volte, tale confronto può suscitare una delusione nella neo-mamma. La realtà si impone pian piano nell’immaginazione ed è necessario far spazio, nella mente della mamma, alla relazione reale con il nuovo arrivato. In altre parole, il nascituro si presenta con caratteristiche che spesso possono essere molto diverse da quelle immaginate e fantasticate dalla madre.
Nonostante, quindi, questo lavoro dell’immaginazione predisponga la madre a rappresentare il bambino e ad accoglierlo, è necessaria, dopo la nascita, l’integrazione tra il bambino ‘immaginato’ e quello reale che, disattendendo alcune aspettative materne, si presenta ai genitori non solo come figlio ma come ‘nuova persona’.

Per maggiori informazioni:
Associazione Pollicino e Centro Crisi Genitori Onlus
Via Amedeo d'Aosta 6 - Milano
info@pollicinoonlus.it
www.pollicinoonlus.it
Numero Verde: 800.644.622


Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Nomi2019

10 nomi per bambini di tendenza nel 2019

Quali sono i nomi maschili e femminili che andranno maggiormente di moda nel 2019? Di seguito l'elenco e una breve descrizione per ciascuno

continua »
Nono-mese-lavoro

Al lavoro fino al nono mese? Perché no!

Potrebbe cambiare la legge sul congedo di maternità. Con la manovra, decade l'obbligo di maternità obbligatoria dal settimo mese e le donne che lo vorranno potranno scegliere di lavorare fino al nono mese.

continua »
Bonus-bebe2019

Bonus bebè 2019: come cambia la legge

Nel 2019, in base a quanto stabilito dalla Legge di Bilancio, sarà stanziato un vero e proprio Pacchetto Famiglia che prevede un bonus asilo nido fino a 1500€ e il mantenimento del cosiddetto bonus bebè. 

continua »
Giornata-Mondiale-Cordone-ombelicale

Giornata Mondiale del Cordone Ombelicale

Domani, 15 novembre, si celebra il World Cord Blood Day, ovvero la Giornata Mondiale del Cordone Ombelicale. Un'occasione per parlare di cellule staminali e promuoverne l'importanza.  

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network