Esenzione da ticket in gravidanza

A chi viene riconosciuta, a quali prestazioni sanitarie dà diritto e da chi devono essere prescritte. Facciamo il punto sull'esenzione del ticket in gravidanza.

Articoli Correlati

Esenzione da ticket in gravidanza


Durante la gravidanza molte prestazioni mediche (esami del sangue, ecografie...) sono esenti da ticket.
Affinché l'esenzione possa essere applicata, non è necessario alcun attestato particolare che riconosca lo stato di gravidanza, ma è sufficiente un semplice codice da apporre sulla ricetta rossa identificativo dello stato della donna (molte Regioni, però, utilizzano procedure differenti. E' necessario, perciò, rivolgersi alla propria ASL di competenza per informazioni più dettagliate in merito).
L'esenzione durante la gravidanza non è subordinata al reddito.



A QUALI ESAMI E' POSSIBILE ACCEDERE SENZA PAGARE IL TICKET



  • Prima visita ginecologica. Incluso: eventuale prelievo citologico, eventuali indicazioni in funzione anticoncezionale o preconfezionate.
  • Test di Combos indiretto
  • Virus Rosolia Anticorpi IgG per controllo dello stato immunitario
  • Emocromo esame citometrico e conteggio leucocitario differenziale Hb, GR, GB, HCT, PLT, IND. DERIV. Compreso eventuale controllo microscopico Hb - Emoglobine. Dosaggio frazioni (HbA2, HbF, Hb Anomale)
  • Pap Test
  • Prelievo di sangue venoso

Esistono, poi, esami specialistici che godono di esenzione da ticket per l'uomo e per la coppia in casi particolari quali aborti ripetuti, donna (partner) eterozigote per emoglobinopatie...

Nel corso dei 9 mesi, poi, sono esenti da ticket le visite periodiche ostetriche-ginecologiche, i corsi di accompagnamento alla nascita, l'assistenza al puerperio e, in caso di minaccia d’aborto, sono gratuite anche tutte le prestazioni specialistiche ambulatoriali necessarie per il monitoraggio della gravidanza.

Per maggiori informazioni, cliccate qui.
 

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Citomegalovirus2021

Virus in gravidanza: il citomegalovirus

Più diffuso di quanto si pensi, il CMV o citomegalovirus è un virus della famiglia degli herpes che se contratto in gravidanza può avere serie conseguenze sul nascituro.

continua »
Estate-Pancione2021

Estate col pancione in 10 domande

10 domande e altrettante risposte per affrontare al meglio i prossimi mesi estivi con il pancione. Dall’esposizione al sole ai bagni in mare, dal caldo ai viaggi.

continua »
Ipotesi-gravidanza

Dimmi che sei incinta senza dirmi che sei incinta

Quali sono i segnali che lasciano intuire che una donna è incinta sebbene ancora la pancia non si veda e i segni della gravidanza non siano ancora comparsi?

continua »
Madri_2019

Come sono le mamme che hanno partorito nel 2019?

Il Ministero della Salute ha reso noti i dati sulle caratteristiche delle mamme che hanno partorito nel 2019 e dei loro bimbi. Qual è il loro identikit?

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana



I piú cliccati
Seguici sui network