Figlio dopo i 40 anni. Quali rischi

Una madre su 7 ha il primo figlio dopo i 40 anni. Quali sono i rischi in questi casi? Sia per la mamma che per il bambino? Cosa si teme più di tutto? 

Figlio dopo i 40 anni. Quali rischi


Le ragioni per le quali oggi si tende a ritardare la ricerca del primo figlio spesso anche oltre i 40 anni sono innumerevoli:
economiche, professionali, personali...


Ogni coppia, ogni donna, conosce la propria storia e ogni donna sa il perché della propria decisione.
Sta di fatto che le coppie che arrivano al primo figlio sotto i 30 anni sono sempre meno numerose e se una volta il rapporto con le le mamme over 35 era di 1 a 100, ora la proporzione si è abbassata fino a diventare 1 a 7.
Se è stato, ormai, accertato che la maternità (e paternità) ritardate non costituiscono assolutamente un problema per la crescita e lo sviluppo emotivo del bambino (anzi, alcuni studi rivelerebbero che sono più felici i figli di genitori non più giovanissimi), è anche vero che la ricerca della gravidanza oltre una certa età (fissata, generalmente, intorno ai 40 anni), aumenta i rischi sia per quanto riguarda la salute del bambino, sia per ciò che concerne il buon andamento della gravidanza stessa e del parto.


Quali sono i rischi?
Il primo e più conosciuto è l'aumento delle possibilità di concepire un bimbo affetto da problemi cromosomici (banalmente, la Sindrome di Down è la conseguenza più nota).
Le conseguenze per la salute, però, sono molto più numerose e riguardano diversi aspetti, come dicevamo sopra, della salute di mamma e bimbo.
Ecco un elenco dei rischi più gravi e ricorrenti:
Lato mamma:
  • Aborto spontaneo durante il primo trimestre
  • Preclampsia
  • Diabete Gestazionale
  • Parto prematuro
  • Problemi con la placenta (placenta previa, insufficienza placentare...)

Lato bimbo:

  • Anomalie cromosomiche
  • Autismo (su questo sono in corso degli studi. Non è, infatti, certo che possa essere causato dall'età dei genitori, soprattutto del padre)
  • Problemi morfologici

 

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Cosa-non-fare-in-gravidanza

5 cose da evitare quando si � incinta

Certo. Fumare. Bere alcolici. Intossicarsi di caffè. Alcuni 'divieti' della gravidanza sono noti e, più o meno, rispettati da tutte le donne incinta. Ci sono, però, altri piccoli accorgimenti da prendere durante i nove mesi di attesa. Per il benessere del bambino. Ma anche della futura mamma.

continua »
Fitball-in-gravidanza

Fitball in gravidanza. Ecco perché è utile

Non è molto diversa dalle palle che si trovano nelle palestre utilizzate per eseguire alcune sequenze di esercizi. Usata in gravidanza, la fitball apporta una serie di benefici durante tutti i tre trimestri di gestazione.

continua »
Peso-gravidanza

Aumento del peso in gravidanza

L'aumento di peso durante i 9 mesi di gravidanza è fisiologico e indispensabile per garantire la crescita del bambino. L'aumento, però, non segue un andamento lineare nei 3 trimestri. Ecco come dovrebbe cambiare il peso della futura mamma.

continua »
pavimento_pelvico-Kegel

Dopo il parto, esercizi di Kegel per allenare il perineo

Gli esercizi di Kegel che aiutano a mantenere allenato il perineo e rafforzano la muscoatua pelvica sono particolarmente indicati nel periodo del post partum per ritrovare il proprio benessere e assicurarsi una vita sessuale senza problemi.

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network