Figlio dopo i 40 anni. Quali rischi

Una madre su 7 ha il primo figlio dopo i 40 anni. Quali sono i rischi in questi casi? Sia per la mamma che per il bambino? Cosa si teme più di tutto? 

Figlio dopo i 40 anni. Quali rischi


Le ragioni per le quali oggi si tende a ritardare la ricerca del primo figlio spesso anche oltre i 40 anni sono innumerevoli:
economiche, professionali, personali...
Ogni coppia, ogni donna, conosce la propria storia e ogni donna sa il perché della propria decisione.


Sta di fatto che le coppie che arrivano al primo figlio sotto i 30 anni sono sempre meno numerose e se una volta il rapporto con le le mamme over 35 era di 1 a 100, ora la proporzione si è abbassata fino a diventare 1 a 7.
Se è stato, ormai, accertato che la maternità (e paternità) ritardate non costituiscono assolutamente un problema per la crescita e lo sviluppo emotivo del bambino (anzi, alcuni studi rivelerebbero che sono più felici i figli di genitori non più giovanissimi), è anche vero che la ricerca della gravidanza oltre una certa età (fissata, generalmente, intorno ai 40 anni), aumenta i rischi sia per quanto riguarda la salute del bambino, sia per ciò che concerne il buon andamento della gravidanza stessa e del parto.


Quali sono i rischi?
Il primo e più conosciuto è l'aumento delle possibilità di concepire un bimbo affetto da problemi cromosomici (banalmente, la Sindrome di Down è la conseguenza più nota).
Le conseguenze per la salute, però, sono molto più numerose e riguardano diversi aspetti, come dicevamo sopra, della salute di mamma e bimbo.
Ecco un elenco dei rischi più gravi e ricorrenti:
Lato mamma:
  • Aborto spontaneo durante il primo trimestre
  • Preclampsia
  • Diabete Gestazionale
  • Parto prematuro
  • Problemi con la placenta (placenta previa, insufficienza placentare...)

Lato bimbo:

  • Anomalie cromosomiche
  • Autismo (su questo sono in corso degli studi. Non è, infatti, certo che possa essere causato dall'età dei genitori, soprattutto del padre)
  • Problemi morfologici

 

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Citomegalovirus2021

Virus in gravidanza: il citomegalovirus

Più diffuso di quanto si pensi, il CMV o citomegalovirus è un virus della famiglia degli herpes che se contratto in gravidanza può avere serie conseguenze sul nascituro.

continua »
Estate-Pancione2021

Estate col pancione in 10 domande

10 domande e altrettante risposte per affrontare al meglio i prossimi mesi estivi con il pancione. Dall’esposizione al sole ai bagni in mare, dal caldo ai viaggi.

continua »
Ipotesi-gravidanza

Dimmi che sei incinta senza dirmi che sei incinta

Quali sono i segnali che lasciano intuire che una donna è incinta sebbene ancora la pancia non si veda e i segni della gravidanza non siano ancora comparsi?

continua »
Madri_2019

Come sono le mamme che hanno partorito nel 2019?

Il Ministero della Salute ha reso noti i dati sulle caratteristiche delle mamme che hanno partorito nel 2019 e dei loro bimbi. Qual è il loro identikit?

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana



I piú cliccati
Seguici sui network