Finalmente ai figli anche il cognome della mamma

Storica la sentenza della Corte Costituzionale che si è espressa contro l'automatismo per il quale ai figli debba essere dato come standard il cognome del padre. Ecco cosa cambia.

Finalmente ai figli anche il cognome della mamma



Si è espressa molto chiaramente nei giorni scorsi la Corte costituzionale presieduta da Giuliano Amato contro l’automatismo dell'attribuzione del cognome del padre ai figli, definendo la prassi illegittima, «discriminatoria e lesiva dell’identità del figlio».


In base a quanto stabilito dalla Consulta, quindi, i genitori potranno ora decidere di dare al figlio uno dei due nomi o entrambi in base a una decisione che verrà lasciata a carico delle famiglie. 
Si tratta di una grandissima conquista per le donne che finalmente si vedono riconosciuto un diritto finora negato dalla Costituzione e, più precisamente, dall’articolo 262 del codice civile (Il figlio assume il cognome del genitore che per primo lo ha riconosciuto. Se il riconoscimento è stato effettuato contemporaneamente da entrambi i genitori il figlio assume il cognome del padre).

Ma cosa cambierà davvero? E cosa succederà qualora i genitori non fossero d'accordo sul comportamento da seguire?
Si attende, naturalmente, il Parlamento, ma nel frattempo, almeno per il momento, la Corte si è assunta la responsabilità di giudicare incostituzionale l'attribuzione automatica del cognome paterno spiegando che d’ora in avanti “la regola diventa che il figlio assuma il cognome di entrambi i genitori nell’ordine dai medesimi concordato, salvo che essi decidano, di comune accordo, di attribuire soltanto il cognome di uno dei due. In mancanza di accordo sull’ordine di attribuzione del cognome di entrambi i genitori, resta salvo l’intervento del giudice in conformità con quanto dispone l’ordinamento giuridico”.
In altre parole, anche qualora il Parlamento non dovesse esprimersi in tempi brevi, possiamo dire addio a una prassi becera che crea un gap tra genitori dando al padre un ruolo di serie A e alla madre di serie B in base a una concezione patriarcale della famiglia e di una tramontata potestà maritale, non più coerente con il valore costituzionale dell'uguaglianza uomo donna.

La decisione, per altro, è in linea con quanto indicato dalle Corti Europee, per esempio quella di Strasburgo, che già in passato aveva contestato all'Italia l'esistenza del solo cognome paterno, e si inserisce in un contesto in cui sempre più spesso padre e madre si rivolgono al Tribunale per poter cambiare la regola dell'attribuzione automatica del cognome paterno.

Come detto, si attende ora il Parlamento. Ma per l'Italia sempre un passo indietro rispetto al resto dell'Europa, è un piccola importante conquista.

 

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Colazione-gravidanza

La super colazione per la futura mamma

Tre colazioni super nutriente e sane perfette per la mamma in dolce attesa. Per avere sin dal primo pasto tutti i nutrimenti necessari per sé e per il bambino.

continua »
Estate-Pancione2021

Estate col pancione in 10 domande

10 domande e altrettante risposte per affrontare al meglio i prossimi mesi estivi con il pancione. Dall’esposizione al sole ai bagni in mare, dal caldo ai viaggi.

continua »
Abiti-premaman-cerimonie

Abiti premaman da cerimonia

Battesimi. Cresimi. Comunioni. Matrimoni. È proprio necessario presentarsi a questi eventi 'ingoffate' come sacchi o è possibile avere un certo stile anche durante la gravidanza?

continua »
Pilates-gravidanza-2022

3 motivi per scegliere il pilates durante e dopo il parto

Durante la gravidanza, come ha fatto la moglie di Luca Argentero. O dopo la gravidanza, come Chiara Ferragni o Belen Rodriguez. Il pilates è l'attività fisica preferita delle vip che stanno per partorire o hanno appena partorito. Perché?

continua »
Cerca altre strutture