Parto indotto

Quando viene indotto il parto? Come avviene l'induzione al parto? Quali sono le differenze tra un travaglio naturale e un travaglio indotto? Quali sono i metodi utilizzati? 

Articoli Correlati

Parto indotto


Due i casi principali per cui si decide di ricorrere a un'iduzione di parto:

  • quando si sono superate le due settimane dopo la data presunta di parto;
  • quando sono a rischio le condizioni di salute della mamma o del bambino
     

In assenza di particolari problemi, per esempio quando, appunto, si è superata la data presunta della nascita del bambino, il parto viene inizialmente 'indotto' in modo manuale, attraverso un'azione effettuata dalle ostetriche che prevede una stimolazione della membrana uterina che provoca un aumento naturale di un ormone chiamato prostaglandina.


In assenza di risultati, si passa all'inserimento tramite siringa di un gel di prostaglandine sintetiche in fondo alla vagina.
L'operazione, che può essere eseguita per un massimo di 4 volte a distanza di sei ore, produce generalmente risultati dopo il secondo o il terzo inserimento.


L'OSSITOCINA: L'ORMONE DEL PARTO
L'ossitocina è considerato l'ormone del parto e ha la funzione di stimolare la contrazione delle membrane lisce dell'utero dando avvio al travaglio. Altro fondamentale ruolo è quella di stimolo delle cellule dei dotti lattiferi delle mammelle. In tal modo l'ossitocina provoca una contrazione delle cellule muscolari e l'escrezione del latte.
Se la somministrazione di gel di prostaglandine non dà alcun effetto, si passa alla somministrazione di una flebo di ossitocina in infusione continua, con un dosaggio che varia da donna a donna a seconda della risposta dell'organismo.
Si tratta di un procedimento del tutto innocuo per il bambino ma molto doloroso per la donna alla quale, normalmente, viene anche praticata l'epidurale per alleviare il dolore provocato dall'induzione.
La differenza, infatti, rispetto a un travaglio naturale è che in questo caso le contrazioni iniziano sin da subito in modo molto doloroso e sono piuttosto ravvicinate tra loro. Non si assiste, quindi, a una fase crescente del travaglio.

Un ciclo di ossitocina, normalmente, è sufficiente per dare avvio al travaglio. Se, però, così non fosse, i casi sono due:
o tentare con un secondo ciclo. Oppure optare per un parto cesareo.

Se volete sapere come evolve la vostra gravidanza settimana per settimana, consultate lo speciale Gravidanza settimana per settimana pubblicata sul nostro sito.

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Citomegalovirus2021

Virus in gravidanza: il citomegalovirus

Più diffuso di quanto si pensi, il CMV o citomegalovirus è un virus della famiglia degli herpes che se contratto in gravidanza può avere serie conseguenze sul nascituro.

continua »
Estate-Pancione2021

Estate col pancione in 10 domande

10 domande e altrettante risposte per affrontare al meglio i prossimi mesi estivi con il pancione. Dall’esposizione al sole ai bagni in mare, dal caldo ai viaggi.

continua »
Ipotesi-gravidanza

Dimmi che sei incinta senza dirmi che sei incinta

Quali sono i segnali che lasciano intuire che una donna è incinta sebbene ancora la pancia non si veda e i segni della gravidanza non siano ancora comparsi?

continua »
Madri_2019

Come sono le mamme che hanno partorito nel 2019?

Il Ministero della Salute ha reso noti i dati sulle caratteristiche delle mamme che hanno partorito nel 2019 e dei loro bimbi. Qual è il loro identikit?

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana



I piú cliccati
Seguici sui network