Piede torto congenito

Si celebra oggi, 3 giugno 2013, la prima giornata mondiale del piede torto congenito. Un'anomalia di sviluppo del piede che si verifica durante il periodo fetale.

Piede torto congenito


PIEDE TORTO: COS'E'?
Il piede torto, detto anche piede torto equino-varo-supinato, è un'anomalia di sviluppo del piede (bilaterale o monolaterale) che si verifica nel periodo fetale e che colpisce 2 bambini su 1000, per lo più maschietti.


I piedi dei bimbi colpiti da piede torto congenito appaiono alla nascita ruotati verso l'interno, con le punte rivolte verso il basso, rigidi e deformati.
Le cause possono essere genetiche (esiste, infatti, una familiarità allo sviluppo della malattia) oppure la conseguenza di una patologia più generale del corpo, per esempio una patologia neurologica. In questo caso si parla di piede torto secondario ed è molto difficile da trattare.
In caso, invece, di piede torto idiopatico, non correlato, cioè, ad altre patologie, il quadro clinico si semplifica e, con la cura adeguata, il recupero è assicurato al 100%.


IL METODO PONSETI
Diversi i metodi utilizzati per la cura del piede torto congenito. Tra i tanti, però, il più efficace è sicuramente il metodo Ponseti, dal nome del medico che per primo lo ha, con successo, messo a punto.
Si tratta, in pratica, di un protocollo, il cui successo è garantito nel 99% dei casi, che non prevede interventi chirurgici e operazioni invasive e che nel giro di due mesi permette il recupero delle piene funzionalità del piede che appare così di aspetto normale, flessibile, forte e non dolorante.
E' necessario, però, che il protocollo venga ben applicato.
In cosa consiste il protocollo:
Il piede torto congenito viene, in pratica, curato attraverso una serie di speciali manipolazioni, l'utilizzo di gessetti settimanali e un'incisione non invasiva del tendine di Achille spesso eseguita in anestesia locale. Il bambino dovrà, poi, portare uno speciale tutore fino a circa 4 anni il cui utilizzo viene progressivamente ridotto alle sole ore del riposo in modo da lasciare il piccolo libero di gattonare prima e camminare poi.
Il vantaggio di questo metodo, oltre al fatto di non essere invasivo, non richiedere fisioterapia o utilizzo di scarpe ortopediche e garantire un ottimo risultato in breve tempo, consiste nel fatto di non essere per nulla doloroso.

3 GIUNGO: LA PRIMA GIORNATA MONDIALE DEL PIEDE TORTO
La Ponseti International Association ha scelto il 3 giugno, data di nascita del dottor Ignacio Ponseti che ha dedicato tutta la vita a mettere a punto il metodo che porta il suo nome, per celebrare la Prima Giornata Mondiale del Piede Torto.
L'obiettivo è quello di sensibilizzare l'opinione pubblica sulla patologia e diffondere il metodo Ponseti come il più accreditato per restituire ai bambini affetti dalla malattia una vita sana, normale, senza dolori e senza limitazioni.
Purtroppo, infatti, non tutti ricorrono a questo metodo e in Italia non sono tantissimi i centri che lo applicano con successo. Tra questi:
l'ospedale Vittore Buzzi di Milano, Santa Maria della Stella di Orvieto, Giovanni XXIII di Bari, Tor Vergata di Roma, Rizzoli a Bologna, Tappeiner a Merano.
I genitori che lo desiderano, che aspettano o che hanno un figlio affetto da piede torto congenito, possono anche rivolgersi al SOS PIede Torto. Mandando un sms al numero 331-1665412 è possibile entrare in comunicazione con altri genitori che hanno vissuto il medesimo problema e ottenere tutte le informazioni necessarie per affrontare al meglio la malattia e curarla.
Per maggiori informazioni.

Ringraziamo Marta, mamma di un bimbo affetto da Piede Torto Congenito, per la segnalazione del problema e la richiesta di diffondere la notizia.

Commenta questo articolo
  • Commento inserito da MARCO SCATTOLON il 4 marzo 2015 alle ore 20:36

    per ulteriori info sul piede torto congenito : www.piede-torto.it e www.ilpiedetorto.it (ASSOCIAZIONE NAZIONALE PIEDE TORTO CONGENITO)

  • Commento inserito da Gabriele il 4 marzo 2014 alle ore 22:40

    Ciao, io sono stato operato un anno c.ca dalla nascita nel lontano 1969.

    L'operazione e' riuscita bene pero' il chirurgo si era raccomandato che in eta' adolescenziale sarebbe stato opportuno rifare gli interventi vista la crescita dovuta allo sviluppo.

    Cosa che ho deciso di non fare.

    A oggi i tendini si sono molto irrigiditi, correre, fare sci, camminare veloce ecc. ecc. non se ne parla.

    A tendine freddo, provo un dolore allucinante e zoppico finche' non si scalda camminando un po'.

    La fisioterapia non funziona e ormai a 45 anni rifare l'operazione e' sconsigliatissimo .

  • Commento inserito da sab il 19 giugno 2013 alle ore 15:36

    Buongiorno,





    segnalo un gruppo di supporto per adulti e ragazzi con piede torto:


    https://www.facebook.com/groups/104159279628796/

  • Commento inserito da Francesca il 8 giugno 2013 alle ore 12:20

    Complimenti per questo approfondimento.

    Conosco il piede torto: nelle mani giuste si affronta tranquillamente e con successo, in quelle sbagliate può creare una disabilita permanente.

    Le corrette informazioni e gli scambi di esperienze tra genitori sono la cura più efficace! ;)

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Abiti-premaman-cerimonie

Abiti premaman da cerimonia

Battesimi. Cresimi. Comunioni. Matrimoni. È proprio necessario presentarsi a questi eventi 'ingoffate' come sacchi o è possibile avere un certo stile anche durante la gravidanza?

continua »
Cognome-madre

Finalmente ai figli anche il cognome della mamma

Storica la sentenza della Corte Costituzionale che si è espressa contro l'automatismo per il quale ai figli debba essere dato come standard il cognome del padre. Ecco cosa cambia.

continua »
Pilates-gravidanza-2022

3 motivi per scegliere il pilates durante e dopo il parto

Durante la gravidanza, come ha fatto la moglie di Luca Argentero. O dopo la gravidanza, come Chiara Ferragni o Belen Rodriguez. Il pilates è l'attività fisica preferita delle vip che stanno per partorire o hanno appena partorito. Perché?

continua »
Come-evitare-cadute-gravidanza

Come evitare cadute in gravidanza

Il cambiamento del baricentro, il peso della pancia che sbilancia in avanti la futura mamma, la difficoltà ad adattarsi a una nuova fisionomia, possono aumentare il rischio di cadute. Che in gravidanza, però, sarebbero da evitare. Ecco alcuni consigli.

continua »
Cerca altre strutture