Prenatal SAFE: esame genetico non invasivo

Esame genetico eseguito nelle prime settimane di gravidanza, il Prenatal SAFE è un nuovissimo test che consente di diagnosticare precocemente malattie quali la Sindrome di Down senza mettere a rischio la salute della madre e del bambino.

Articoli Correlati


Il Prenatal SAFE® è un test eseguito nelle prime settimane di gravidanza che, al pari di altri esami più noti quali l’amniocentesi o la villocentesi, consente di diagnosticare precocemente anomalie cromosomiche fetali quali, per esempio, quelle relative ai cromosomi 21 (associata alla Sindrome di DownSindrome di Edwards e 13 (associata alla Sindrome di Patau) oltre a stabilire senza ombra di dubbio il sesso del nascituro.
Si tratta, in pratica, di un esame genetico non invasivo e, di conseguenza, privo di qualsiasi rischio per la salute del feto e della mamma, a differenza di amniocentesi e villocentesi, destinato a rivoluzionare il mondo della diagnostica prenatale.



Forse ti può interessare anche approfondire il tema della Diagnosi Prenatale

Consiste, in pratica, in un prelievo ematico del sangue della futura mamma attraverso il quale è possibile analizzare, con tecnologie sofisticate e di nuovissima generazione, le tracce di DNA fetale in esso contenute (il DNA del bambino è presente nel sangue della mamma già a partire dalla quinta settimana e aumenta via via che la gravidanza procede per poi scomparire del tutto dopo il parto). La semplicità nell’esecuzione dell’esame lo rende sicuro al 100%, azzerando completamente i rischi di aborto presenti, invece, in altri esami analoghi (appunto, l’amniocentesi o la villocentesi).
Si esegue piuttosto precocemente (anche questo è un vantaggio considerevole rispetto agli altri esami genetici), già a partire dalla decima settimana.

Il Prenatal SAFE® consente di diagnosticare aneuploidie relative, come dicevamo sopra, alla trisomia 21, trisomia 18 e trisomia 13. Inoltre, alla Monosomia X (a cui è associata la Sindrome di Turner), xxx (Trisimia X), XXY (Sindrome di Klinefelter), XYY (Sindrome di Jacobs). In fase sperimentale, ma presto disponibili, anche valutazione di secondo livello relative ad alterazioni cromosomiche strutturali.
Il test, disponibile nell’arco di due settimane, è attendibile al 99% nel rilevare la trisomia 21, la trisomia 18 e la trisomia 13, e al 92% per rilevare la Monosomia X, con percentuali di falsi positivi uguali allo 0.1%.

L’esame, il cui unico aspetto negativo è il costo (non viene, infatti, per il momento fornito dal servizio sanitario nazionale e ha costi che a seconda del laboratorio dove viene eseguito partono dai 700€ in su), può essere fatto da tutte le donne incinta, sia che abbiamo conseguito la gravidanza in modo naturale sia che si siano sottoposte a tecniche di fecondazione assistita. Può essere eseguito anche in caso di gravidanza gemellare.

Commenta questo articolo
  • Commento inserito da Alessia (redazione) il 10 gennaio 2014 alle ore 13:57

    Ciao,

    qui trovi l'elenco delle strutture in cui può essere effettuato. Oppure rivolgiti direttamente al tuo ginecologo per chiedergli informazioni in merito.

    http://www.prenatalsafe.it/centri-di-riferimento-per-eseguire-prenatasafe

  • Commento inserito da Incintissima il 9 gennaio 2014 alle ore 21:41

    Ma dove si effettua?

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Esenzione-ticket-pregnancy

Esenzione da ticket in gravidanza

A chi viene riconosciuta, a quali prestazioni sanitarie dà diritto e da chi devono essere prescritte. Facciamo il punto sull'esenzione del ticket in gravidanza.

continua »
Nomi2017

I nomi più amati dagli Italiani secondo l'Istat

E con il 2017 ormai agli sgoccioli, vediamo un po' quali sono stati, secondo l'Istat, i nomi che gli Italiani hanno scelto maggiormente nel 2016 per i loro bambini. Sul podio gli evergreen Francesco, Sofia, Alessandro e Leonardo. 

continua »
Gravidanza-alimentazione

Natale e gravidanza: 6 piatti da evitare durante le feste

Che gioia il Natale con il pancione. Ma che fatica sopravvivere ai pranzi e alle cene delle feste. Soprattutto considerato che alcuni cibi andrebbero evitati del tutto per non compromettere la salute del bimbo. Ecco quali.

continua »
Bonus-bebe2018

Bonus bebè: dal 2019 varrà la metà

Confermato il bonus bebè di 960€ per il 2018 che sarà, però, ridotto del 50% a partire dal 2019. In altre parole, parents to be datevi da fare nei prossimi mesi se volete usufruirne a cifra intera. 

continua »
Cerca altre strutture







Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network