Rottura prematura delle acque

La rottura prematura della membrana al di fuori del travaglio viene definita PROM. E' un evento che si verifica nel 2-4% delle gravidanze prima della 37° settimana con complicanze più o meno gravi a seconda dell'età gestazionale e delle condizioni di salute del bambino. 

Rottura prematura delle acque


La rottura della membrana, comunemente chiamata rottura delle acque, è un vento naturale che nella maggior parte dei casi si verifica o a travaglio già in corso o a a poche ore dall'inizio del travaglio vero e proprio. 
La rottura prematura della membrana è definita PROM e interessa il 10% delle gravidanze a termine (ossia, dopo la 37° settimana di gravidanza) e il 2-4% delle gravidanze prima della 37° settimana. Prima della 22° settimana di gravidanza la rottura prematura della membrana è un fenomeno raro (0,6% delle gravidanza) ma con una prognosi decisamente grave che spesso porta alla perdita del bambino.


La diagnosi viene effettuata con una visita ostetrica mediante esame obiettivo ed ecografia.

PRINCIPALI PROBLEMI CAUSATI DALLA PROM


La terapia che viene utilizzata in casi di PROM ha sostanzialmente due obiettivi:
- Evitare che la madre possa contrarre infezioni facilmente trasmissibili al bambino
- In caso di rottura della membrana prima della 37° settimana, ritardare il più possibile l'inizio del travaglio fino al raggiungimento della maturazione polmonare del bambino.

Da quanto detto sopra, risulta evidente che il comportamento adottato prima e dopo la 37° settimana cambia completamente.
Dopo la 37° settimana, infatti, onde evitare infezioni, generalmente si decide di espletare il parto mediante induzione del travaglio attraverso la somministrazione di ossitocina. La donna viene, comunque, ospedalizzata e tenuta sotto costante controllo tramite visite ecografiche e monitoraggio.

Prima della 34° settimana, il protocollo prevede l'ospedalizzazione della futura mamma che viene tenuta a riposo e sottoposta a una duplice terapia farmacologica:
da una parte una terapia antibiotica di almeno 7 giorni; dall'altra la somministrazione di Betametasone intramuscolo per promuovere la maturazione polmonare

FATTORI A RISCHIO CHE POSSONO PROVOCARE ROTTURA PREMATURA DELLA MEMBRANA

  • Infezioni vaginali
  • Placenta previa
  • Precedente parto pretermine
  • Fumo in gravidanza

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Cosa-non-fare-in-gravidanza

5 cose da evitare quando si � incinta

Certo. Fumare. Bere alcolici. Intossicarsi di caffè. Alcuni 'divieti' della gravidanza sono noti e, più o meno, rispettati da tutte le donne incinta. Ci sono, però, altri piccoli accorgimenti da prendere durante i nove mesi di attesa. Per il benessere del bambino. Ma anche della futura mamma.

continua »
Fitball-in-gravidanza

Fitball in gravidanza. Ecco perché è utile

Non è molto diversa dalle palle che si trovano nelle palestre utilizzate per eseguire alcune sequenze di esercizi. Usata in gravidanza, la fitball apporta una serie di benefici durante tutti i tre trimestri di gestazione.

continua »
Peso-gravidanza

Aumento del peso in gravidanza

L'aumento di peso durante i 9 mesi di gravidanza è fisiologico e indispensabile per garantire la crescita del bambino. L'aumento, però, non segue un andamento lineare nei 3 trimestri. Ecco come dovrebbe cambiare il peso della futura mamma.

continua »
pavimento_pelvico-Kegel

Dopo il parto, esercizi di Kegel per allenare il perineo

Gli esercizi di Kegel che aiutano a mantenere allenato il perineo e rafforzano la muscoatua pelvica sono particolarmente indicati nel periodo del post partum per ritrovare il proprio benessere e assicurarsi una vita sessuale senza problemi.

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network