Sicura di non aver diritto al bonus bebè? Risponde Sportello Mamme

Sportello Mamme è il servizio digitale che aiuta le famiglie a fare richiesta dei contributi economici per la genitorialità che spettano loro per legge, evitando che vadano sprecate le poche forme di indennizzo previste.

Sicura di non aver diritto al bonus bebè? Risponde Sportello Mamme



Si chiama Sportello Mamme ed è una startup nata da un'idea di Carolina Casolo, consulente fiscale di 33 anni, con lo scopo di semplificare la vita alle neomamme e ai neopapà che necessitano di aiuto (e informazioni corrette) in merito al sostegno economico che spetta loro di diritto per legge nel momento stesso in cui diventano genitori.


Sebbene, infatti, in Italia gli aiuti alle famiglie siano pochi e piuttosto centellinati, è anche vero che molte giovani (e non) coppie rinunciano ad accedere al credito per mancanza di informazioni o per la difficile gestione della burocrazia che spesso è necessaria per ottenere il sostegno.

Sportello Mamme opera in questo senso e nasce proprio con lo scopo di dare a tutte le donne il diritto di sapere che cosa, come, quando e quanto spetterebbe loro se mai decidessero di diventare mamme.


COME FUNZIONA

È sufficiente registrarsi sul sito www.sportellomamme.com per ottenere tutte le informazioni necessarie per sapere se e a che cifra ammonta il bonus bebé (ed eventuali altri aiuti economici) a cui si ha diritto.
Tra i servizi offerti, oltre, appunto, alle informazioni relative ai contributi, le indennità e le premialità statali e/o comunali in relazione al nucleo familiare, anche un servizio di consulenza specifico in base al proprio caso e il servizio di presentazione delle domande compilate in modo da essere sicuramente accolte (questi ultimi due servizi sono a pagamento).

A questo proposito è bene sapere che circa il 92% delle pratiche di maternità obbligatoria delle mamme libere professioniste che si rivolgono allo Sportello si incaglia per perdita di documenti (come è possibile dato che la trasmissione è telematica?), per errata lavorazione da parte degli operatori, oppure per mancato riscontro del mod. sr163 (modulo per antiriciclaggio delle coordinate bancarie), già presentato per altre pratiche di sostegno al reddito ed indicato con apposito tasto.
Circa il 93% delle pratiche di maternità obbligatoria di libere professioniste si incaglia e le neo mamme ricevono l'indennità anche dopo 12 mesi dal verificarsi dell'evento.

A disposizione delle mamme, sul sito, anche un blog per essere sempre informate su tutte le novità riguardanti sostegni economici alle famiglie e indennizzo.
 

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Cognome-madre

Finalmente ai figli anche il cognome della mamma

Storica la sentenza della Corte Costituzionale che si è espressa contro l'automatismo per il quale ai figli debba essere dato come standard il cognome del padre. Ecco cosa cambia.

continua »
Pilates-gravidanza-2022

3 motivi per scegliere il pilates durante e dopo il parto

Durante la gravidanza, come ha fatto la moglie di Luca Argentero. O dopo la gravidanza, come Chiara Ferragni o Belen Rodriguez. Il pilates è l'attività fisica preferita delle vip che stanno per partorire o hanno appena partorito. Perché?

continua »
Come-evitare-cadute-gravidanza

Come evitare cadute in gravidanza

Il cambiamento del baricentro, il peso della pancia che sbilancia in avanti la futura mamma, la difficoltà ad adattarsi a una nuova fisionomia, possono aumentare il rischio di cadute. Che in gravidanza, però, sarebbero da evitare. Ecco alcuni consigli.

continua »
incinta-40anni

Mamma dopo i 40 anni. I pro e i contro

Circa il 20% delle donne che affrontano una gravidanza, spesso la prima, hanno più di 40 anni. I pro e i contro di diventare mamma dopo quell'età.

continua »
Cerca altre strutture