Tampone vaginale nel terzo trimestre di gravidanza

In cosa consiste e perché viene effettuato il tampone vaginale a termine gravidanza, offerto gratuitamente dal SSN? Quali rimedi qualora dovesse risultare positivo?

Articoli Correlati

Tampone vaginale nel terzo trimestre di gravidanza



Il tampone vaginale è un esame del terzo trimestre di gravidanza (si esegue, normalmente, tra la 36° e la 37° settimana) utile per individuare la presenza dello Streptococco beta-emolitico di gruppo B detto anche Streptococcus agalactia. un batterio innocuo per la mamma e per il feto che, però, potrebbe essere molto pericoloso per il bambino se contratto al momento del parto.


Si tratta di un esame piuttosto semplice e veloce, per nulla invasivo o doloroso, che consiste nel prelievo di una piccola quantità di secreto vaginale e rettale all'interno della quale viene ricercata la presenza del batterio.
L'esito è praticamente immediato e in caso di test positivo alla donna viene prescritta una terapia antibiotica endovenosa che viene somministrata a partire dall'inizio del travaglio a distanza di ogni 4 ore fino al parto e che permette di raggiungere rapidamente concentrazioni adeguate di farmaco nel sangue, atte a sterilizzare l’ambiente vaginale.

Affinché sia efficace, comunque, è sufficiente che la prima dose venga somministrata 4 ore prima del parto vero e proprio.
Naturalmente, per le donne che si sottopongono a cesareo, la somministrazione dell'antibiotico non è necessaria a meno che precedentemente vi sia stata la rottura del sacco amniotico.

I RISCHI PER IL BAMBINO

Lo Streptococco beta-emolitico di gruppo B è un batterio innocuo per la mamma (e per il feto) al punto che nella maggior parte dei casi la donna non si accorge nemmeno di averlo contratto.
Se contratto al momento del parto, però, (sebbene il rischio che ciò avvenga rimane, comunque, molto basso) può avere conseguenze anche gravi sul bambino. L'infezione, infatti, potrebbe provocare meningite e, nei casi più gravi, morte neonatale.
In caso di positività al test, anche qualora la mamma sia stata sottoposta correttamente a terapia antibiotica, dopo la nascita al bambino viene effettuato un tampone a livello oro-faringeo e a livello delle orecchie per escludere che abbia contratto l’infezione.
Se ciò dovesse essersi, comunque, verificato, il piccolo viene immediatamente sottoposto a una terapia antibiotica per escludere eventuali altri problemi.

Dal 2017 il tampone vaginale è uno degli esami della gravidanza inseriti tra quelli a carico del Servizio Sanitario Nazionale.

 

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Citomegalovirus2021

Virus in gravidanza: il citomegalovirus

Più diffuso di quanto si pensi, il CMV o citomegalovirus è un virus della famiglia degli herpes che se contratto in gravidanza può avere serie conseguenze sul nascituro.

continua »
Estate-Pancione2021

Estate col pancione in 10 domande

10 domande e altrettante risposte per affrontare al meglio i prossimi mesi estivi con il pancione. Dall’esposizione al sole ai bagni in mare, dal caldo ai viaggi.

continua »
Ipotesi-gravidanza

Dimmi che sei incinta senza dirmi che sei incinta

Quali sono i segnali che lasciano intuire che una donna è incinta sebbene ancora la pancia non si veda e i segni della gravidanza non siano ancora comparsi?

continua »
Madri_2019

Come sono le mamme che hanno partorito nel 2019?

Il Ministero della Salute ha reso noti i dati sulle caratteristiche delle mamme che hanno partorito nel 2019 e dei loro bimbi. Qual è il loro identikit?

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana



I piú cliccati
Seguici sui network