Virus Zika. Cosa c'é da sapere

Nessuno ne aveva mai sentito parlare fino a qualche settimana fa, quando il virus Zika è salito alla ribalta della cronaca ed è diventato lo spauracchio delle future mamme in gravidanza poiché responsabile di gravi malformazioni nei feti. La situazione più grave in Sud America, dove è maggiormente diffuso.

Virus Zika. Cosa c'é da sapere


Di virus Zika in Europa non si era di fatto quasi mai sentito parlare fino a quando Margarita Guevara, ministro della Sanità pubblica ecuadoriano, confermando 17 casi nel suo Paese e spiegando che la malattia trasmessa dalla zanzara si sta diffondendo in tutta l'America Latina e nei Caraibi, ha consigliato alle donne che intendono avere un bambino di ritardare la decisione di una gravidanza, in quanto il virus potrebbe essere la causa di microcefalia nei feti. La stessa cosa era successa in Colombia e ne El Salvador.
A metà gennaio, i Centri per la prevenzione e il controllo delle malattie (Cdc) degli Stati Uniti hanno suggerito alle donne incinte di non andare nei paesi in cui ci sono focolai d’infezione.


Questi ultimi hanno iniziato a diventare un problema allarmante a ottobre, quando il virus Zika si è diffuso in ben 17 Paesi del Sud America.
Di cosa si tratta?

La storia del virus, che viene trasmesso dalle zanzare Aedes aegypti, la stessa della febbre gialla e della dengue, è relativamente recente. E' stato isolato subito dopo la guerra in Uganda dove, però, non ha mai causato grosse epidemie, ma solo piccoli focolai subito circoscritte. Arrivato in Brasile, invece, ha contagiato circa un milione e mezzo di persone ed è stato ritenuto responsabile del numero crescente di neonati microcefali registrati nel Paese.
Identificare il virus non è semplice. I sintomi, che si possono riconoscere solo durante la fase infettiva che dura, però, pochi giorni, si confondono con quelli di altre patologie, per esempio la febbre gialla o la dengue.
In sé, il contagio non rappresenta un grosso pericolo. Una persona su quattro contagiata è asintomatica. Per le altre, febbre lieve, congiuntivite, eruzioni cutanee, mal di testa, dolori articolari. Il tutto si risolve nel giro di 7/10 giorni. Generalmente, senza ripescussione alcuna.

Diversa, invece, la situazione per le donne incinta e per i neonati. In particolare per le prime, il virus Zika risulta particolarmente pericoloso. E' stato dimostrato, infatti, che il virus passa, attraverso la placenta, dalla madre al figlio, con conseguenze gravi per la salute del feto che potrebbe nascere con patologie gravissime, per esempio la sindrome di Guillan-Barré che provoca paralisi progressiva - e microcefalia.

Non esiste una profilassi medica preventiva. Non esiste un vaccino.
Le precauzioni, quindi, sono quelle dettate dal buon senso:
  • Evitare, se possibile, di viaggiare nelle zone a rischio durante i mesi di gravidanza
  • Utilizzare antirepellenti adeguati per prevenire la puntura di zanzare
  • Dormire sempre con la zanzariera
  • Per quanto possibile, coprire gambe, braccia e le zone più a rischio di punture quando si è in giro

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Colazione-gravidanza

La super colazione per la futura mamma

Tre colazioni super nutriente e sane perfette per la mamma in dolce attesa. Per avere sin dal primo pasto tutti i nutrimenti necessari per sé e per il bambino.

continua »
Estate-Pancione2021

Estate col pancione in 10 domande

10 domande e altrettante risposte per affrontare al meglio i prossimi mesi estivi con il pancione. Dall’esposizione al sole ai bagni in mare, dal caldo ai viaggi.

continua »
Abiti-premaman-cerimonie

Abiti premaman da cerimonia

Battesimi. Cresimi. Comunioni. Matrimoni. È proprio necessario presentarsi a questi eventi 'ingoffate' come sacchi o è possibile avere un certo stile anche durante la gravidanza?

continua »
Cognome-madre

Finalmente ai figli anche il cognome della mamma

Storica la sentenza della Corte Costituzionale che si è espressa contro l'automatismo per il quale ai figli debba essere dato come standard il cognome del padre. Ecco cosa cambia.

continua »
Cerca altre strutture