Nati per leggere

È un progetto nazionale per promuovere la lettura ad alta voce a bimbi tra i 6 mesi e i 6 anni.

Articoli Correlati

NATI PER LEGGERE è un progetto nazionale senza fini di lucro che intende promuovere la lettura ad alta voce tra i bimbi in età prescolare già a partire dai 6 mesi di vita. L'Associazione, di cui fanno parte l'Associazione Culturale Pediatri, l'Associazione Italiana Biblioteche e il Centro per la Salute del Bambino, si ispira a iniziative simili sviluppatesi negli Stati Uniti (Born to read, Reach out and read) e in Gran Bretagna (Bookstart) all'inizio degli anni Novanta.
L'idea di fondo, sostenuta da numerosi studi al riguardo, è che la lettura ad alta voce sia in grado di trasmettere al bambino modelli di comunicazione e affettivi che influiscono positivamente sul suo sviluppo psichico e cognitivo favorendo, negli anni futuri, il successo scolastico, consolidando l'abitudine a leggere, aumentando le opportunità di relazione tra il piccolo e i suoi genitori. Un'esperienza precoce di lettura ad alta voce, infatti, influisce in modo determinante sull'acquisizione del linguaggio e sulla ricchezza del vocabolario del bimbo favorendo, al momento dell'ingresso a scuola, la sua capacità di comprensione del testo scritto. A ciò, va aggiunto il profondo piacere sensoriale ed emotivo che il bambino trae dall'ascolto di mamma e papà che accanto a lui gli raccontano una storia.


Obiettivo primario, quindi, di NATI PER LEGGERE è sostenere concretamente lo sviluppo all'abitudine di leggere ai bambini di età prescolare attraverso l'alleanza tra pediatri e bibliotecari che si rendono disponibili a sensibilizzare i genitori sull'importanza del gesto. I primi all'interno delle ASL, dei consultori e nei reparti ospedalieri; gli altri fornendo un repertorio di letture da condividere con i piccoli e mettendo a disposizione (prestito o lettura in biblioteca) i testi più adatti.

Per quanto riguarda, poi, proprio la scelta dei libri e dei titoli più indicati, esistono dei criteri di selezione in base all'età del bambino e al suo personale sviluppo cognitivo ed emotivo, utili per orientarsi nel vasto universo dell'editoria per l'infanzia.
 


  • Poche settimane di vita: il neonato è fortemente attratto dalle ninnananne che, cantate o recitate sempre prima della nanna, diventano una sorta di rito che accompagna il piccino nel mondo dei sogni.
  • A 2 mesi: per sviluppare le capacità visive del bambino, può essere utile a quest'età mostrargli dei disegni o delle fotografie di grosso formato ponendole a una distanza non superiore ai 30 cm dal suo volto.
  • A 6 mesi: attratto dagli oggetti, un bimbo di 6 mesi posto di fronte a un libro cercherà di afferrarlo e 'mangiarlo'. Per questo è bene che i testi in questa fase siano resistenti, atossici, con pagine spesse e colori vivaci. Le figure rappresentano una fonte di attrazione e dovranno essere facilmente riconoscibili (quindi non stilizzate) e dalle fatture familiari. Sono consigliati libri non troppo grandi, di cartone spesso. Intorno ai 9 mesi, il bambino sarà perfettamente in grado di passare il libro da una mano all'altra, indicherà le pagine con una o più dita e, se lo ha visto fare ai genitori, proverà a girare le pagine.
  • A 12 mesi: un bimbo di un anno tiene i libri in mano, gira le pagine, li passa ai genitori. I testi potranno avere un formato più grosso, dovranno essere atossici, maneggevoli e piuttosto resistenti. Il bambino riconosce le figure se queste rappresentano cose che già conosce. Perfette, quindi, quelle che rappresentano azioni 'quotidiane' (mangiare, dormire, giocare) e gli animali. Per quanto riguarda i contenuti, sono sempre le filastrocche ad attirare la sua attenzione, a incuriosirlo e procurargli piacere.
  • A 15 mesi: il bambino riconosce le figure anche quando queste sono capovolte. Inoltre, è attirato da frasi breve e incisive che possano essere facilmente imparate e anticipate.
  • A 18 mesi: il meccanismo di apprendimento è messo in moto. Il piccino ricorda ciò che gli è stato letto e anticipa le frasi. Gli piacciono libri che parlano di animali (da leggere imitando i versi che questi emettono), di bambini e di azioni di tutti i giorni. È in grado di orientare il libro per il verso giusto.
  • A 24 mesi: il libro è per un bambino di 2 anni un oggetto familiare che il piccino trascina per casa e che utilizza durante i suoi giochi. Inoltre, è per lui un mezzo di stimolazione della memoria (ricorda le frasi e corregge il lettore nel caso in cui questi si allontani da ciò che effettivamente c'è scritto sul testo) e della fantasia (con in mano il libro inventa a suo piacimento storie e avventure).
  • A 30 mesi: 'sa leggere' libri che gli sono stati letti più volte. È attratto da storie che raccontano momenti di vita quotidiana o avventure. Le favole classiche sono utili, a quest'età, per proiettare all'esterno dubbi, paure ed emozioni. Ai bimbi di quest'età piace farsi raccontare la stessa storie anche più volte di seguito.

     

    I genitori possono dedicare alla lettura ad alta voce un momento particolare della vita del bambino (prima della nanna, dopo i pasti, nel pomeriggio tra un gioco e l'altro, durante le attese…) creando, in questo modo, l'abitudine all'ascolto e accrescendo nel piccolo il desiderio di imparare a leggere da solo. La lettura dovrà essere partecipata, interpretando il testo scritto attraverso la modulazione della voce e l'espressività del volto. Non appena è in grado di rispondere, al piccolo vanno poste domande e obiezioni su quanto letto in modo da stimolare la sua curiosità e la sua partecipazione emotiva alla storia. Inoltre, dovrà essere lui a scegliere il libro assecondandolo anche se pretende che questo gli venga riletto più volte.
    Un consiglio è, poi, quello di abituare il bambino a frequentare librerie e biblioteche dove il piccino troverà un ambiente accogliente (quasi tutte, infatti, sono dotate di una saletta o uno spazio per i più piccini) e tanti libri colorati tra cui scegliere.

    Per sapere tutto sull'argomento, per conoscere i progetti di cui si fa promotrice NATI PER LEGGERE, per un repertorio aggiornato di titoli adatti ai bambini più piccoli e per qualsiasi altra informazioni, consultate il sito www.natiperleggere.it.


Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Percentili-cosa-sono

A cosa serve il calcolo dei percentili

I percentili altro non sono che l'unità di misura inserita all'interno della curva di crescita che permette di stabilire se il neonato (e il bambino) cresce in modo regolare per la sua età. Ecco come si calcolano. 

continua »
SMA-Atrofia-muscolarespinale

SMA, lo screening neonatale contro l'atrofia muscolare spinale

Un semplice prelievo di sangue effettuato nei primi giorni di vita del bambino permette di individuare precocemente eventuali anomalie genetiche causa di atrofia muscolare spinale. E salvare così la vita ai piccoli affetti.

continua »
Outfit-allattamento

Allattare con stile

Tre consigli per scegliere l'outfit più adatto durante l'allattamento che sia comodo e al contempo femminile ed elegante.

continua »
VRS-VirusRespiratorioSincinziale

RSV: il virus che colpisce i neonati

Si chiama Rsv, virus respiratorio sinciziale, ed è il virus arrivato dalla Francia che proprio in questi giorni sta circolando tra i neonati con non pochi problemi di salute.

continua »
Cerca altre strutture