Quando il futuro inizia con la prevenzione

Lo screening neonatale metabolico è un test effettuato a poche ore di vita che permette di individuare oltre 40 malattie ereditarie metaboliche.

Articoli Correlati

Si tratta di un semplice test effettuato a poche ore dal parto sul neonato che permette di individuare oltre 40 malattie metaboliche ereditarie. Si tratta dello screening neonatale metabolico già largamente utilizzato in molti Paesi e che, purtroppo, da noi tarda ancora ad affermarsi.
A questo proposito, è partita proprio in questi giorni la campagna nazionale di sensibilizzazione per estendere lo screening neonatale metabolico allargato promossa dall'AISMME - Associazione Italiana Studio Malattie Metaboliche Ereditarie. In Italia, infatti, lo screening neonatale è regolamentato per legge soltanto per 4 malattie di cui 2 metaboliche (fenilchetonuria e galattosemia, fibrosi cistica, ipotiroidismo). La Regione Toscana (Ospedale Meyer) è l'unica dove è possibile effettuare per legge lo Screening neonatale metabolico allargato per circa 40 malattie metaboliche ereditarie (progetti pilota sono attivi anche in Liguria e Lazio), ma l'idea è quella di estendete il test in tutte le regioni italiane.


Le malattie che lo Screening neonatale metabolico allargato riesce a isolare sono malattie metaboliche ereditarie dovute ad alterazioni genetiche che possono causare gravi handicap neurologici e intellettivi e che, nei casi più gravi, possono provocare la morte improvvisa del lattante. Nella maggior parte dei casi, sono malattie poco conosciute sia dai genitori che dai medici e che soltanto test specifici possono individuare.
In questo caso si tratta di un semplice prelievo di sangue effettuato tra la 48° e la 72° ora di vita del bambino grazie all'utilizzo di una nuova tecnologia denominata Tandem-Mass Spettrometria che consente di individuare gravi patologie ereditarie prima che queste si manifestino in modo da poter intervenire tempestivamente con cure adeguate per evitare al piccolo sofferenze e disturbi successivi (talvolta il trattamento consiste in una semplice terapia farmacologica o in una dieta ad hoc).

La campagna promossa dall'AISMME - Associazione Italiana Studio Malattie Metaboliche Ereditarie intende estendere l'applicazione dello screening a tutti i nuovi nati in modo da ridurre drasticamente i rischi di disabilità e morte a causa di disturbi che, se preventivamente individuati, possono facilmente essere affrontati e curati. Le malattie ereditarie metaboliche conosciute, infatti, sono circa 600. La maggior parte di queste non presenta sintomi visibili tanto che il soggetto colpito appare sano e in buona salute fino al momento in cui la malattia raggiunge il suo apice e i danni causati sono ormai irreparabili. Ecco perché la prevenzione è in questi casi fondamentale.


Al momento in Italia sono solo tre i centri in cui è possibile effettuare il test (l'apparecchiatura necessaria per l'esame è, infatti, molto costosa e non sempre gli ospedali dispongono del personale medico altamente specializzato necessario per l'effettuazione del test):
 

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Percentili-cosa-sono

A cosa serve il calcolo dei percentili

I percentili altro non sono che l'unità di misura inserita all'interno della curva di crescita che permette di stabilire se il neonato (e il bambino) cresce in modo regolare per la sua età. Ecco come si calcolano. 

continua »
SMA-Atrofia-muscolarespinale

SMA, lo screening neonatale contro l'atrofia muscolare spinale

Un semplice prelievo di sangue effettuato nei primi giorni di vita del bambino permette di individuare precocemente eventuali anomalie genetiche causa di atrofia muscolare spinale. E salvare così la vita ai piccoli affetti.

continua »
Outfit-allattamento

Allattare con stile

Tre consigli per scegliere l'outfit più adatto durante l'allattamento che sia comodo e al contempo femminile ed elegante.

continua »
VRS-VirusRespiratorioSincinziale

RSV: il virus che colpisce i neonati

Si chiama Rsv, virus respiratorio sinciziale, ed è il virus arrivato dalla Francia che proprio in questi giorni sta circolando tra i neonati con non pochi problemi di salute.

continua »
Cerca altre strutture