Scatti di crescita

Si chiama Scatti di crescita ed è l’iniziativa promossa dalla Leche League per promuovere l’allattamento al seno… anche in pubblico.

Articoli Correlati

Scatti di crescita



Che l’allattamento al seno rappresenti un atto d’amore è assodato da tempo e per tutti. Ma che lo stesso gesto, compiuto in luogo (reale o virtuale) pubblico, possa trasformarsi in “atto osceno” da censurare è storia recente.
I fatti sono più o meno i seguenti: una giovane mamma californiana, la signora Kelli Roman, si è vista censurare le foto in cui era ritratta nel momento di allattare il suo bambino niente po’ po’ di meno che dal grande e liberalissimo social network Facebook.
Naturalmente, la suddetta neomamma si è subito rivalsa creando un gruppo a sostegno del diritto di allattare in pubblico e molti altri ne sono nati, all’estero e in Italia, utilizzando proprio gli spazi di Facebook per sostenere il medesimo diritto.


Nel frattempo, la polemica è esplosa su web e giornali e il Grande Fratello della rete - Facebook appunto – ha fatto marcia indietro ammettendo, però, solo ed esclusivamente le foto in cui il capezzolo appare coperto.

Fatti del genere non sono nuovi. Tempo fa una donna era stata allontanata dal Prado di Madrid perché allattava in pubblico il suo bambino davanti al famoso quadro di Picasso – Guernica e in Italia un episodio analogo si è verificato in un bar di Roma dove a una mamma è stato “gentilmente” chiesto di allontanarsi durante l’allattamento del suo bimbo.


Si tratta, chiaramente, di prese di posizione ipocritamente puritane e moraliste che non tengono per nulla conto del fatto che l’allattamento al seno sia un atto naturale e che il latte materno rappresenti per il bebè una fonte di sostentamento. E, come è giusto che sia, hanno richiamato l’attenzione della Leche League, associazione no profit che da anni si batte per la promozione dell’allattamento naturale, che si è schierata in difesa della neomamma californiana e di tutte quelle donne che vogliono poter allattare il proprio bambino anche in luoghi pubblici.

A questo proposito, è stato, quindi, indetto, un concorso fotografico dal titolo Scatti di Crescita finalizzato al sostegno e alla promozione dell’allattamento materno.
Strutturato in quattro sezioni (Allattamento ovunque; Contatto pelle a pelle; Allattamento e lavoro; Momenti speciali) il concorso prevede l’invio di fotografie originali, in bianco e nero o a colori, entro e non oltre il 15 febbraio 2009. Le fotografie, che dovranno essere spedite via mail a relazioni.esterne@lllitalia.org o all’indirizzo via xxv Aprile 105, 16030 Pieve Ligure (Ge) dovranno avere un formato 18x20 e dovranno essere corredate con il titolo della foto, la sezione alla quale si intende partecipare, il nome del/della concorrente, un recapito telefonico e i dati della mamma e del bambino ritratti.
Per i primi classificati in palio premi in libri del valore di 100 e 200€.
La partecipazione al concorso è gratuita.
Per maggiori informazioni www.lllitalia.org.

Commenta questo articolo
  • Commento inserito da SERENA il 29 giugno 2010 alle ore 14:43

    SI DEVE VERGOGNARE LUI,VECCHIO BACCUCCCO ALLATTARE è UN ONORE

  • Commento inserito da marisa il 6 novembre 2009 alle ore 22:33

    concordo pienamente... ho allattato la mia prima figlia, Andrea per 17 mesi... ora lo sto facendo con la piccola, Asia, non preoccpandomi di dove io sia o di ki ci possa essere. Le mie figlie prima di tutto....

  • Commento inserito da MARINA il 6 febbraio 2009 alle ore 15:32

    CREDO DI AVER ALLATTATO MATILDE OVUNQUE...E FRANCAMENTE NN MI SONO MAI PREOCCUPATA DI GUARDARE LE FACCE DEGLI ALTRI...
    ORA LEI HA QUASI 13 MESI, E COME TUTTE DICONO, POTREI ANCHE STACCARLA...MA NN NE HO NESSUNA INTENZIONE...UN Pò PER COMODITà(DI NOTTE SI SVEGLIA E ATTACCANDOLA SI RIADDORMENTA SUBITO)E UN Pò PERCHè NN VOGLIO PERDERE QUESTA NOSTRA INTIMITà :-)...
    LA VERGOGNA LA DEVONO PROIVARE QUELLE CHE NN VOGLIONO ALLATTARE I PROPRI FIGLI X MOTIVI FUTILI...

  • Commento inserito da Scarnera Milena il 5 febbraio 2009 alle ore 13:31

    Siamo Pronti

  • Commento inserito da Gabriela il 19 gennaio 2009 alle ore 19:16

    Allattare in pubblico io l'ho fatto tante volte ho una bimba di 6anni e mezzo,allattata 13 mesi al seno ,e una di 20 mesi,allattata 16 mesi al seno.Ogni volta ero guardata con srrisi,la gente si complimentava con me,mi guardava teneramente e io ne ero tanto fiera!Sicuramente tuo padre non conosce affatto il legame madre-figlio...Ma se uno dei comensali mangiasse con la bocca aperta,o spruzzando gli altri ,o gesticolando ,non sarebbe vergognoso?Caro signore,anche i piccoli hanno il diritto di mangiare insieme ai grandi,e deve essere fiero che sua filia ha fatto la scelta giusta.Sono tante "mamme"che non vogliono allattare il proprio figlio in modo naturale,questa SI è vergogna!

  • Commento inserito da Elena il 16 gennaio 2009 alle ore 22:01

    Di recente, sono stata allontanata da mio padre ottantentenne dal tavolo di na cena di famiglia, poichè riteneva "vergognoso" che io allattassi suo nipote "in pubblico"

  • Leggi tutti i commenti

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
passeggiateinvern_cv

Passeggiate invernali

Una passeggiata nel parco nelle giornate fredde anche con bambini di pochi giorni di vita, Prendendo tutte le precauzioni del caso.

continua »
foto per sito mammecreative (1)

Come scegliere il biberon giusto

La scelta del biberon giusto è una decisione cruciale per ogni genitore. Questo strumento, apparentemente semplice, gioca un ruolo fondamentale nello sviluppo e nel benessere del neonato. 

continua »
babysitter_cv

10 domande per la baby sitter

Cercate una baby-sitter? Ecco una lista di domande per il colloquio, sulle cose che è necessario sapere prima di assumere una persona che passerà molto tempo con vostro figlio.

continua »
rumorebianco_cv

I neonati e il rumore bianco

Costante, leggero, ripetitivo, il rumore bianco è un suono in grado di conciliare il sonno e rilassare la mente. Funziona sia con i grandi che con i piccini, ma è formidabile con i neonati che sembrano trovare subito calma e tranquillità.

continua »
Cerca altre strutture