Attività fisica del neonato

Dai primissimi mesi fino ai 2 anni, ecco come aiutare il bambino a prendere confidenza con il suo corpo e con lo spazio circostante attraverso il movimento e l'attività fisica.

Articoli Correlati

Attività fisica del neonato



Il movimento è fondamentale a tutte le età, anche nei bambini appena nati. Ecco perché, in questi giorni di clausura e movimento scarso, il Ministero della Salute ha fornito le linee guida per quanto riguarda l''attività fisica' fino a 2 anni, spiegando come anche i bimbi di pochi mesi debbano essere lasciati liberi di sperimentare lo spazio intorno a loro.



0 - 6 MESI

Per quanto la maggior parte delle persone (e anche delle future mamme in dolce attesa) abbia la convinzione che i bambini appena nati non si muovano, in realtà tutti gli studi sono concordi nell'affermare che i piccolissimi, proprio come gli altri bambini, abbiano bisogno di essere lasciati liberi di sperimentare lo spazio che li circonda per aiutarli ad acquisire maggiore consapevolezza di sé e dell'ambiente circostante.
In questi primi mesi, dunque, il bambino dovrebbe essere 'immobilizzato' il minor tempo possibile (non più di un'ora al giorno su sedioline e sdraiette) e incoraggiato, invece, a 'muoversi' come meglio crede.
Ovviamente non si tratta di veri e propri spostamenti. Ma un bimbo anche di poche settimane messo a pancia in giù su un tappetino morbido, possibilmente molto colorato, sarà naturalmente indotto a guardarsi intorno, a muovere braccia e gambine, a piegare la manina. Piccoli gesti, ma fondamentali per una crescita sana.
La posizione a pancia in giù è quella più indicata, in questi primi mesi, per favorire la crescita del bambino e favorire il suo sviluppo fisiologico. Al termine di questo primo periodo un bimbo sano avrà preso un numero incredibile di micro e macro movimenti, avrà imparato a tenere ferma la testa, a stare seduto, a voltare il viso in direzione di chi parla o di un rumore che lo ha colpito.

6 - 12 MESI

Sono questi i mesi in cui il bambino impara prima a gattanora prima, ad alzarsi in piedi poi e da ultimo a camminare.
In questo momento centrale dello sviluppo del neonato molti genitori entrano in ansia se il loro piccolo sembra essere più pigro di altri bambini e meno reattivo alla volontà di acquisire autonomia negli spostamenti
A dire il vero non esistono regole e ogni bambino raggiunge determinate tappe di crescita quando è il momento giusto per lui. Alcuni, addirittura, saltano del tutto la fase del gattonamento e imparano subito a camminare.
Niente panico, dunque, ma giochi pensati per favorire la curiosità del bimbo a esplorare l'ambiente che lo circonda e a entrarne in contatto. A questo proposito, una delle attività che quasi tutti i pediatri consigliano consiste nello sdraiare il bimbo su un tappetino morbido a pancia in giù disponendo oggetti di suo interesse al di fuori della sua portata.
In questo modo il piccolo, per riuscire a soddisfare un bisogno, si troverà costretto a escogitare un modo per raggiungere l'oggetto desiderato e attraverso il gioco imparerà a spostarsi.

DA 1 A 2 ANNI

Nel secondo anno di vita il bambino diventa sempre più autonomo negli spostamenti ed esperto camminatore. In questi 12 mesi i genitori dovrebbero spingere il piccolo a camminare quanto più possibile, abbandonando gradualmente il passeggino almeno per i piccoli spostamenti. Anche in questa situazione di calusura, il bimbo dovrebbe essere lasciato libero di sgambettare per casa, sul balcone, nel cortile del palazzo e ovunque possa dare sfogo al suo bisogno di muoversi.
È molto importante organizzare con il bambino semplici giochi di movimento e attività che lo rendano sempre più consapevole delle sue capacità motorie e fisiche. Una delle attività consigliate in questi mesi (e facilmente praticabile anche a casa) è lo yoga per bimbi che permette la sperimentazione di posizioni (spesso ispirate al mondo animale) che facilitano l'apprendimento e vanno incontro alle esigenze fisiologiche proprie di questo periodo della vita.

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Percentili-cosa-sono

A cosa serve il calcolo dei percentili

I percentili altro non sono che l'unità di misura inserita all'interno della curva di crescita che permette di stabilire se il neonato (e il bambino) cresce in modo regolare per la sua età. Ecco come si calcolano. 

continua »
SMA-Atrofia-muscolarespinale

SMA, lo screening neonatale contro l'atrofia muscolare spinale

Un semplice prelievo di sangue effettuato nei primi giorni di vita del bambino permette di individuare precocemente eventuali anomalie genetiche causa di atrofia muscolare spinale. E salvare così la vita ai piccoli affetti.

continua »
Outfit-allattamento

Allattare con stile

Tre consigli per scegliere l'outfit più adatto durante l'allattamento che sia comodo e al contempo femminile ed elegante.

continua »
VRS-VirusRespiratorioSincinziale

RSV: il virus che colpisce i neonati

Si chiama Rsv, virus respiratorio sinciziale, ed è il virus arrivato dalla Francia che proprio in questi giorni sta circolando tra i neonati con non pochi problemi di salute.

continua »
Cerca altre strutture