Bonus asilo 2021

Come funziona e chi ne ha diritto. Al via dal 24 febbraio la possibilità di fare richiesta all'INPS del Bonus Asilo 2021.

Bonus asilo 2021



Dal 24 febbraio è possibile inoltrare sul sito dell'INPS la domanda per fare richiesta del Bonus Asilo 2021.
Possono farne richiesta tutti i genitori di bambini nati o adottati a partire dal 1° Gennaio 2016 e consiste in un contributo di massimo 3000€ che viene erogato per il pagamento di rette per la frequenza di asili nido pubblici e privati autorizzati e di forme di assistenza domiciliare in favore di bambini con meno di tre anni affetti da gravi patologie croniche.



A QUANTO AMMONTA L'IMPORTO EROGABILE?


A partire dal 2020, la cifra che può essere erogata ai genitori che ne hanno diritto viene calcolata sulla base della presentazione del modello ISEE (e, comunque, non superiore alla spesa sostenuta per la singola retta).
Di seguito il prospetto:
  • ISEE minorenni fino a 25.000€: per chi dichiara meno di 25.000€, la somma massima erogabile è di 3.000€ che corrisponde a 272,72€ per 11 mensilità. Nel caso di pagamento di dieci mensilità erogate al massimo dell’importo mensile concedibile (272,72€), l’undicesima mensilità viene erogata per un importo massimo di 272,70€, per non superare il tetto annuo di 3.000€ per minore.
  • ISEE minorenni da 25.000 fino a 40.000€: budget annuo erogabile 2.500€ (importo massimo mensile erogabile 227,27€ per 11 mensilità).
  • ISEE minorenni da 40.000€ in su: cifra erogabile pari a 1.500€ (importo massimo mensile erogabile 136,37 per 11 mensilità).
  • In assenza dell’indicatore valido o qualora il bonus sia richiesto dal genitore che non fa parte del nucleo familiare del minorenne, verrà conteggiata la rata spettante in misura non superiore a 1.500€ annui (136,37€ mensili), fermo restando che, qualora dovesse essere successivamente presentato un ISEE minorenni valido, a partire da tale data, verrà corrisposto l’importo maggiorato fino a un massimo di 3.000 euro annui.

La domanda può essere presentata da parte del genitore che effettivamente paga la retta da tutti coloro che ne hanno diritto entro la mezzanotte del 31 dicembre 2021 o online direttamente sul sito dell'INPS oppure attraverso i servizi digitali offerti dagli Enti Patronato.
Il genitore richiedente dovrà specificare nella domanda se l’asilo nido frequentato dal minore sia pubblico o privato autorizzato e indicare, in tal caso, oltre alla denominazione e al codice fiscale della struttura, anche gli estremi del provvedimento autorizzativo.
Inoltre, dovrà indicare le mensilità relative ai periodi di frequenza scolastica compresi tra gennaio e dicembre 2021, per le quali intende ottenere il beneficio. Ciò permetterà di accantonare gli importi relativi ai mesi prenotati.

 

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
riduttore-culla

Riduttore per lettino: a cosa serve?

Utilissimo nei primissimi mesi di vita del bebè, consente di far dormire il bambino sin dai primi giorni nel lettino senza bisogno di acquistare la culla.

continua »
Abbigliamento-bambini-brand-tendenza

5 brand di abbigliamento per bambini da non perdere di vista

Per chi è stanco dei soliti vestiti per bambini tutti uguali. Dei leggins estate e inverno. Delle felpone informe, di seguito 5 brand di abbiagliamento per l'infanzia decisamente di tendenza.

continua »
Come-cambia-latte-materno

Come cambia il latte materno

Il latte materno ha una sua vitalità che gli permette di modificarsi in base alle diverse esigenze di crescita del neonato prima e del bambino poi. Dal colostro in avanti, però, mantiene stabile il valore dei suoi micronutrienti.

continua »
Sonno-neomamme

Le neomamme dormono molto meno dei neopapà

Un recente studio ha evidenziato come nella coppia di neogenitori sono le mamme quelle che dormono il numero più basso di ore. E che il ritorno a una vita notturna regolare avviene, generalmente, dopo i 6 anni.

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana



I piú cliccati
Seguici sui network