Bonus baby sitter 2015. Pochi giorni per richiederlo - Neonato - Bambinopoli





Bonus baby sitter 2015. Pochi giorni per richiederlo

 600€ al mese per poter sostenere le spese di asilo o baby sitter. Questo il sostegno che l'INPS cerca di dare alle mamme che lavorano. I tempi, però, sono strettissimi. La domanda, infatti, deve essere presentata entro il 31 dicembre 2014.

Articoli Correlati


600€ al mese per pagare nido o baby sitter destinati alle mamme che decidono di rinunciare al congedo facoltativo (quello pagato al 30% che si può richiedere dopo la maternità obbligatoria) per permettere loro di sostenere la spesa destinata all'accudimento del figlio durante la loro assenza.
La misura è la stessa presentata nel 2013 (qui tutti i dettagli) con scarso successo. A essere usati, infatti, in quell'occasione solo il 37% dei fondi, probabilmente per la difficoltà nel presentare le domande.


Quest'anno l'iter pare essere stato semplificato. Unico inghippo, i tempi ristretti per fare domande, che sotto le feste, con pranzi e cene da preparare, regali da incartare, parenti e amici a cui far visita, diventano ancora più ristretti.
La domanda, infatti, deve essere presentata entro e non oltre il 31 dicembre 2014 e la misura sarà attiva a partire dal 2015.

COME FARE DOMANDA
Innanzitutto è necessario entrare sul sito dell'INPS muniti di codice fiscale e codice PIN attivo e operativo per l'online.
Quindi è necessario accedere alla sessione Avvisi e Concorsi (per l'esatteza a questa pagina: Istruzioni per eregazione contributi infanzia).
Arrivati qui è necessario autenticarsi con il proprio codice fiscale e codice PIN e proseguire su Servizi al cittadino. Quindi, cliccare su Invio domande di prestazioni a sostegno del reddito
Una volta dentro bisogna cliccare su Acquisizione Bonus Infanzia e successivamente su Inserimento domanda.
Se tutto è andato bene, sarà sufficiente inserire la domanda compilando il form in tutte le sue parti e attendere l'iter burocratico per l'erogazione dei soldi.

A CHI SPETTA IL BONUS
Il bonus è destinato a tutte le lavoratrici dipendenti sia del settore pubblico che privato e alle lavoratrici iscritte alla gestione separata di cui all‟art.2, comma 26, della legge 8 agosto 1995, n.335.
Non spetta, invece, alle lavoratrici autonome iscritte ad altra gestione, alle donne che già godono di esenzione totale per quanto riguarda il pagamento di servizi per l'infanzia, e alle lavoratrici che usufruiscono dei benefici di cui al Fondo per le Politiche relative ai diritti ed alle pari opportunità istituito con l‟art.19, comma 3, del decreto legge 4 giugno 2006, n.223, convertito dalla legge 4 agosto 2006, n.248.

Il bonus spetta a tutte le neomamme che non abbiano goduto di tutto o parte del congedo facoltativo per i mesi in cui vi hanno rinunciato.
La cifra erogata è di 600€ mensili per un massimo di sei mesi.

Per maggiori informazioni www.inps.it

 

Commenta questo articolo
  • Commento inserito da Grazia il 29 febbraio 2016 alle ore 16:05

    Vorrei sapere se e valido x i nati nel2016....

  • Commento inserito da Cettina il 15 febbraio 2016 alle ore 15:08

    E x il 2016 c è speranza di inoltrare domanda?

  • Commento inserito da Sandra il 30 dicembre 2015 alle ore 12:16

    posso chiederlo ora o è tardi io o incominciato da poco a lavorare

  • Commento inserito da mara il 22 novembre 2015 alle ore 21:13

    Il bonus si può richiedere anche se sono passati più mesi

  • Commento inserito da maricelgonda il 5 maggio 2015 alle ore 16:36

    mi auti per il mio nepote almino per la spesa ,,,,,mio nepote schiama,,,john alexander matthew,,,il nato,,,gennaio 9,2015,,,

  • Commento inserito da guisela jovana fernandez cisneros il 20 gennaio 2015 alle ore 22:22

    Oh bisogno non so come fare per recevere questo aiuto

  • Leggi tutti i commenti

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Neonato-inverno

Il primo inverno del neonato

Le neomamme e i neopapà, oltre ai soliti dubbi che assalgono tutti i genitori alle prime armi, devono affrontare un'altra questione: come affrontare l'inverno con un bambino di poche settimane?

continua »
Fasciatoi-pubblici

Quanti pericoli nei fasciatoi pubblici?

Fasciatoi pubblici. Ad avercene! Spesso bar e ristoranti non ne sono attrezzati e nei negozi, trovarne uno, è un'utopia. Per lo meno in Italia. Laddove, però, ci sono, è comunque necessario rispettare alcune norme igieniche (e non solo) prima di utilizzarli.

continua »
Ingorgo-mammario

Ingorgo mammario: cosa c'è da sapere

L'ingorgo mammario è un problema che può intervenire durante l'allattamento al seno pregiudicandone, talvolta, il buon andamento. Ecco cosa fare e come comportarsi.

continua »
Passaggio-biberon-tazza

Dalla tazza al biberon in 5 mosse

Considerata una conquista minore rispetto ad altre più importanti (svezzamento, passaggio dal pannolino al vasino...), il passaggio dal biberon alla tazza rappresenta, comunque, un momento di crescita per il bambino.

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network