Bonus bebè 2015: a chi spetta e come richiederlo

Approvato dalla Commissione Bilancio e trascritto sulla Gazzetta Ufficiale in data 10 aprile 2015, il bonus bebè INPS per i nuovi nati dal 1° gennaio 2015 al 31 dicembre 2017. Ecco come richiederlo.

Articoli Correlati

Bonus bebè 2015: a chi spetta e come richiederlo


Approvato dalla Commissione Bilancio e pubblicato sulla Gazzetta ufficiale il 10 aprile 2015, il bonus bebè 2015 INPS per i nuovi nati e i bambini adottati dal 1° gennaio 2015 al 31 dicembre 2017 è stato, finalmente, confermato e reso operativo.
La cifra sarà di 960€ e sarà erogata mensilmente direttamente dall’INPS previa presentazione della domanda di richiesta che andrà inoltrata compilando il modulo in tutte le sue parti.



A CHI SPETTA IL BONUS?
Avranno diritto al bonus di 960€ all’anno (80€ al mese), tutte le neomamme con bambini nati o adottati tra il 1° gennaio 2015 e il 31 dicembre 2017 con un reddito ISEE familiare non superiore ai 25mila euro. Nel caso di redditi inferiori ai 7mila euro l’anno, il bonus, sempre erogato mensilmente, sarà raddoppiato (160€ al mese). Il reddito calcolato farà, naturalmente, riferimento all’anno precedente la nascita del bimbo.

Il bonus verrà erogato a partire dal mese di nascita o adozione del bambino fintanto che rimarranno invariati i parametri ISEE e, comunque, non oltre il compimento del terzo anno del bambino.
Il bonus può essere richiesto da cittadine italiane, cittadine residenti in Italia provenienti da uno Stato membro dell’Unione e cittadine extracomunitarie dotate di regolare permesso di soggiorno.

COME OTTENERE IL BONUS
Per poter ottenere l’erogazione del bonus di 80€ al mese, la neomamma dovrà fare domanda direttamente all’INPS compilando telematicamente il modulo di riferimento. Per farlo dovrà essere in possesso del PIN che andrà richiesto direttamente all’INPS. In caso l’operazione non dovesse riuscire o per chi non potesse compilare online la domanda, è possibile rivolgersi ai CAF o ai Patronati. Il tutto non oltre i 90 giorni dopo la nascita (o l’adozione) del bambino.
Una volta presentata la domanda e dopo averne verificati i requisiti, l’INPS provvederà a erogare la cifra prevista per i primi tre anni di vita del bambino, a partire dal suo mese di nascita, senza che alcun modulo, eccetto il modulo ISEE, debba essere nuovamente presentato.
Per i bambini nati il entro il 31 dicembre 2014 non è previsto il bonus bebè e rimane, invece, valida la formula dei voucher per asili nido e baby sitter.

Per maggiori informazioni dei www.inps.it

Commenta questo articolo
  • Commento inserito da HNINOU ZAKARIA il 15 maggio 2016 alle ore 21:40

    IO NATO MIO FILGIO IN 12/07/2015 MA ANCORA NO LO SO PERCHE BONUS BEBE DI HNINOU ZAKARIA VOLGLIO LA RESPOSTA PER FAVORE E MAIL HNINOUDRISS@HOUTMAIL.FR E GRAZIE

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
primo-mese-di-vita

Il primo mese di vita del neonato

Cosa succede nel primo mese di vita del neonato? Quali sono le prime difficoltà che mamma e papà devono affrontare nei primi giorni a casa con il bambino? 

continua »
SIN_SEPSI

Sepsi neonatale

Per la Societa'  Italiana di Neonatologia (SIN) e' necessario tenere alta l'attenzione su questa problematica che e'¨ tra le principali cause di morte neonatale

continua »
Estate_home

Come vincere il caldo

Temperature elevate per più giorni consecutivi e alti valori di umidità mettono a dura prova la salute, soprattutto dei più deboli. I consigli del Ministero della Salute per difendersi dal caldo.

continua »
Percentili-cosa-sono

A cosa serve il calcolo dei percentili

I percentili altro non sono che l'unità di misura inserita all'interno della curva di crescita che permette di stabilire se il neonato (e il bambino) cresce in modo regolare per la sua età. Ecco come si calcolano. 

continua »
Cerca altre strutture