Camminare scalzi: 4 motivi per farlo - Neonato - Bambinopoli





Camminare scalzi: 4 motivi per farlo

Camminare scalzi, soprattutto per i bambini, comporta numerosi benefici che, spesso, con la tendenza a far indossare le scarpe ai piccoli sempre, non vengono presi in considerazione. Ecco quali.

Articoli Correlati


La tendenza a far indossare ai bambini le scarpe in qualunque situazione è molto radicata nella cultura italiana e deriva dall'idea che camminare scalzi sia poco igienico, potenzialmente pericoloso e causa di raffreddamento.
In realtà, i benefici del poter camminare senza scarpe sono, soprattutto nel caso dei più piccoli, innumerevoli.


  1.  BENEFICI DAL PUNTO DI VISTA ANATOMICO
    Camminare scalzi facilita la formazione della pianta del piede prevenendo il problema del piede piatto. Inoltre, stimola il corretto sviluppo delle articolazioni, delle ossa e della muscolatura.
    Dal punto di vista anatomico, quindi, assolutamente consigliato sin dai primissimi passi abituare il bambino al contatto diretto con il terreno anche qualora questo dovesse essere accidentato.

    Sempre dal punto di vista della salute, poi, in particolare in estate, liberare il piede dalla costrizione delle scarpe permette di prevenire la formazione di cattivi odori, funghi e micosi.
     
  2.  BENEFICI PER I BIMBI CHE MUOVO I PRIMI PASSI
    I bambini che vengono lasciati spesso senza scarpe, generalmente, iniziano a camminare prima. Non solo, infatti, attraverso il contatto diretto con il terreno, acquisiscono un maggiore equilibrio sentendosi perfettamente ancorati a terra, ma attivano tutti i recettori sensoriali che aumentano la loro voglia di scoperta.
     
  3. BENEFICI PSICOLOGICI
    La sensazione che un bambino prova quando rimane senza scarpe è un misto di felicità e senso di libertà. Ecco perché, in alcune situazioni e sempre usando il buon senso, si dovrebbe spingere il piccolo a rimanere scalzo e partire alla scoperta del mondo.
    Al contempo, i bambini abituati a non avere le scarpe, hanno una maggiore consapevolezza di se stessi e della propria posizione nel mondo.
     
  4. BENEFICI INTELLETTIVI
    Naturalmente, anche dal punto di vista dell'apprendimento, i benefici sono molteplici e sono dovuti, soprattutto, alle maggiori possibilità di esplorazione del mondo che lo circonda che vengono fornite al bambino: sviluppo sensoriale accentuato, maggiore conoscenza delle cose, sperimentazione sulla propria pelle...

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Neonato-inverno

Il primo inverno del neonato

Le neomamme e i neopapà, oltre ai soliti dubbi che assalgono tutti i genitori alle prime armi, devono affrontare un'altra questione: come affrontare l'inverno con un bambino di poche settimane?

continua »
Fasciatoi-pubblici

Quanti pericoli nei fasciatoi pubblici?

Fasciatoi pubblici. Ad avercene! Spesso bar e ristoranti non ne sono attrezzati e nei negozi, trovarne uno, è un'utopia. Per lo meno in Italia. Laddove, però, ci sono, è comunque necessario rispettare alcune norme igieniche (e non solo) prima di utilizzarli.

continua »
Ingorgo-mammario

Ingorgo mammario: cosa c'è da sapere

L'ingorgo mammario è un problema che può intervenire durante l'allattamento al seno pregiudicandone, talvolta, il buon andamento. Ecco cosa fare e come comportarsi.

continua »
Passaggio-biberon-tazza

Dalla tazza al biberon in 5 mosse

Considerata una conquista minore rispetto ad altre più importanti (svezzamento, passaggio dal pannolino al vasino...), il passaggio dal biberon alla tazza rappresenta, comunque, un momento di crescita per il bambino.

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network