Chiamano la figlia Blu. Il giudice autorizza

Sebbene esista una norma di legge che prevede una corrispondenza tra il nome e il genere sessuale, un giudice autorizza una coppia a chiamare la propria figlia Blu

Articoli Correlati



Questa storia inizia circa un anno e mezzo fa.


Una coppia di genitori decide di chiamare la propria figlia Blu e di registrarla così all'anagrafe. Qui, però, i genitori vengono messi in guardia: in Italia il nome deve rispecchiare il sesso del bambino e Blu non appartiene né al genere femminile né a quello maschile. Un giudice, quindi, potrebbe convocarli e chiedere la rettifica del nome.
Mamma e papà, però, non demordono.
La bambina viene registrata con il nome di Blu e per un anno e mezzo questo è il suo nome, con il quale impara a riconoscersi.


Qualche settimana fa la doccia fredda: il Tribunale di Milano invia ai genitori una convocazione con la quale si chiede che al nome di battesimo (si fa per dire) sia aggiunto un altro nome che rispecchi il sesso della piccola. Qualora i genitori si rifiutini, il nome sarà attribuito d'ufficio dal Tribunale stesso.

Per i genitori un vero e proprio fulmine a ciel sereno: mai si sarebbero aspettati, infatti, che un giudice potesse chiamarli a un anno e mezzo di distanza, quando ormai la bambina ha imparato il proprio nome e per tutti è diventata Blu.
Per altro, spiega il padre della piccina in un'intervista, il nome le si confà in tutto e per tutto: la bimba, infatti, ha gli occhi blu e un carattere forte e deciso come il colore che la rappresenta.

Ora questa vicenda ha, finalmente, una fine: qualche giorno fa la giudice Paola Barbara Folci, della Nona sezione civile del Tribunale di Milano, ha definitivamente messo la parola fine sulla vicenda.
La bambina potrà continuare a chiamarsi Blu e non sarà costretta ad avere un secondo nome (che all'anagrafe risulterebbe come primo nome).
Per la cronaca, il nome scelto non è poi così strambo. Ogni anno, infatti, una media di sei bambine viene chiamata Blu (o Verde), senza che questo comporti per le piccine particolari difficoltà nella vita quotidiana e nella crescita emotiva.

 

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Caratteristiche-libri-neonato

La biblioteca da 0 a 6 anni

Assodato che l'iniziazione alla lettura può avvenire già dalla culla, quali caratteristiche devono avere i libri per i bambini più piccoli? Come sceglierli? 

continua »
IlMeglioSeiTu

Il meglio per un bambino è...

Il cartello, divento virale, che un pediatra ha appeso fuori dalla porta del suo studio. Cos'è meglio fare per la salute e il benessere di un bambino? Tutto quello che occorre sapere.

continua »
Neonato-inverno

Il primo inverno del neonato

Le neomamme e i neopapà, oltre ai soliti dubbi che assalgono tutti i genitori alle prime armi, devono affrontare un'altra questione: come affrontare l'inverno con un bambino di poche settimane?

continua »
Fasciatoi-pubblici

Quanti pericoli nei fasciatoi pubblici?

Fasciatoi pubblici. Ad avercene! Spesso bar e ristoranti non ne sono attrezzati e nei negozi, trovarne uno, è un'utopia. Per lo meno in Italia. Laddove, però, ci sono, è comunque necessario rispettare alcune norme igieniche (e non solo) prima di utilizzarli.

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network