Collane d'ambra per i dolori dei dentini. Funzionano?

Contro i dolori e i fastidi provocati dalla comparsa dei primi dentini, sono tantissime le mamme che ricorrono all'utilizzo di collanine d'ambra da mettere al collo del bimbo come antidolorifico naturale. Ma funzionano davvero? Possono essere pericolose per il bambino?

Articoli Correlati

Collane d'ambra per i dolori dei dentini. Funzionano?


La comparsa dei primi dentini è, per la maggior parte dei bimbi, fonte di fastidio, irrequietezza, dolore e, per molti, anche causa di febbriciattola, diarrea, inappetenza (a questo proposito, però, è bene sapere che i pediatri negano che possa esserci una correlazione tra questi sintomi e lo spuntare dei dentini).
Non esistono molti sistemi per alleviare il fastidio, che ovviamente è soggettivo e varia da bambino a bambino ma anche da dente a dente (alcuni risultano essere particolarmente fastidiosi): si va dai classici massaggiagengive da conservare in frigorifero e offrire al bimbo come anestetizzanti (si sa, infatti, che il freddo aiuta a percepire meno il dolore e ha un effetto sgonfiante), dalle pappe e bevande fredde sino all’utilizzo di collanine d’ambra da mettere al collo del piccolo a mo’ di antidolorifici.


Questa delle collane d’ambra per neonati è una tradizione antica piuttosto radicata nei Paesi dell’Est, dove l’ambra è piuttosto diffusa e utilizzata.
Secondo, infatti, una credenza popolare l’ambra eserciterebbe proprietà terapeutiche che la renderebbero un analgesico naturale, calmante e antinfiammatorio. La spiegazione “scientifica” sarebbe che questa pietra, chiamata anche l’oro del Nord, è in grado di interrompere i campi elettromagnetici, lenendo in questo modo le tensioni che si creano quando le gengive si gonfiano e trattenendo i liquidi.

Inoltre, parrebbe che a contatto con un corpo caldo, l’ambra rilasci un acido, chiamato acido succinico, che assorbito dalla pelle ha proprietà analgesiche e antinfiammatorie.
Il filosofo Rudolph Steiner, infine, sosteneva che l’ambra, proprio per le sue caratteristiche organolettiche, rafforza l’energia vitale del bambino o di chi la indossa.

Che sia vero o no, sta di fatto che l’uso di far indossare ai piccoli collanine d’ambra si è ampiamente diffuso anche da noi, tra sostenitori, scettici e detrattori.
Le posizioni di questi ultimi, oltre naturalmente allo scetticismo nei confronti delle proprietà benefiche della pietra, si focalizzano anche sulla presunta pericolosità di questi oggetti, collanine formate da pietre di piccoli dimensioni, che potrebbero non solo non aiutare il bambino, ma trasformarsi in un vero e proprio pericolo per la sua salute.
Negli Stati Uniti, per esempio, i genitori sono stati messi in guardia dall’utilizzare collanine d’ambra contro i fastidi della dentizione dopo che diversi bimbi sono morti per soffocamento o per aver inghiottito le perline della collana.
È fondamentale, quindi, che le mamme e i papà che decidono di optare per questo prodotto, ne scelgano uno che sia davvero a prova di bimbo, privo di parti metalliche, con le perline legate una a una in modo che non possano essere inghiottite dal bambino qualora la collana dovesse rompersi e con la chiusura fatta in modo tale che, se sottoposta a forte trazione (per esempio se la collana rimane incastrata da qualche parte) si rompa facilmente evitando, così, di strangolare il piccino.
Per chi, poi, crede nelle proprietà dell’ambra, è bene verificare che la collana sia davvero realizzata utilizzando questa pietra e non dei derivati simili, ma che nulla hanno a che fare con l’ambra stessa.
Poi, ovviamente, l’effetto placebo gioca un ruolo fondamentale anche in queste piccole cose!

Commenta questo articolo
  • Commento inserito da AmberXXL il 21 settembre 2017 alle ore 18:31

    si possono trovare maggiori informazioni su collana di ambra bambino

  • Commento inserito da Paolo il 16 settembre 2016 alle ore 15:25

    L'effetto placebo in un neonato ? Ahahah ma sapete almeno cosa scrivete ?

  • Commento inserito da Valentina il 30 settembre 2014 alle ore 16:36

    secondo me è una sciocchezza

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Abbandono-passeggino

Guida all'abbandono del passeggino

Dopo i 24 mesi è consigliato iniziare abituare il bambino a camminare da solo abbandonando gradualmente l'uso del passeggino. Alcuni consigli.

continua »
Nanna-Doudou-Neonato

Un doudou per il neonato

È il primo pupazzetto che, normalmente, si regala al neonato. Senza bottoni o parti removibili, è formato da una copertina con una testa al centro. E va posizionato nella culla del piccolo dopo che ha “raccolto” l’odore della mamma.

continua »
igiene-neonato-cordone-ombelicale

Primi giorni con il neonato: come disinfettare il cordone ombelicale

Nei primi giorni, tra le varie cure da prestare al neonato, c'è quella del cordone ombelicale, che dovrebbe staccarsi nell'arco di 15-20 giorni in modo naturale, ma che va disinfettato per evitare problemi.

continua »
Nomi-Maschili-O

12 nomi maschili che non finiscono in O

Per le future mamme in cerca del nome per il proprio bambino, ecco un elenco di nomi maschili che non finiscono in O.

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana



I piú cliccati
Seguici sui network