Di quante ore di sonno ha bisogno un bambino? - Neonato - Bambinopoli





Di quante ore di sonno ha bisogno un bambino?

A seconda dell'età, il numero di ore di sonno di cui ha bisogno un bambino cambia come cambiano le abitudini dei piccoli rispetto alla nanna. Si parte da un minimo di 18 ore di sonno al giorno nei primi mesi sino alle 11 ore di un bambino di 10 anni. 

Articoli Correlati


Di quante ore di sonno ha bisogno un bambino?
Se lo chiedono quasi tutte le mamme, soprattutto quando hanno l'impressione che il loro bimbo dorma troppo o, molto più spesso, troppo poco rispetto ai coetanei.


In realtà, se le ore di sonno necessarie per stare bene e crescere in salute sono uguali per tutti, ciò che cambia da bimbo a bimbo sono le abitudini rispetto alla nanna, il modo di distribuire le ore di sonno nell'arco della giornata.

Da 0 a 3 mesi

I neonati dormono tantissimo e le ore di sonno possono variare da un massimo di 18 ore (nei primissimi giorni) a un minimo di 10. La nanna può durare pochi minuti o diverse ore e i risvegli, per mangiare, per farsi cambiare..., sono ripetuti, sia di giorno che di notte.
Da 3 a 11 mesi:
le ore di sonno si attestano intorno alle 12/14 ore. Man mano che si avvicinano all'anno, aumentano le ore di sonno notturno e diminuiscono quelle di sonno diurno. La nanna del mattino spesso viene abbandonata. Quella del pomeriggio assume un aspetto più continuativo e duraturo. A un anno quasi tutti i bambini sanno perfettamente distinguere il giorno dalla notte.
Da 12 a 3 anni: 
Dalle 12 alle 14 ore distribuite soprattutto la notte e nel primo pomeriggio. Generalmente, fino a 3 anni quasi tutti i bambini mantengono l'abitudine del sonnellino pomeridiano. Molti proseguono a dormire di pomeriggio anche dopo.
Dai 3 ai 5 anni:
Le ore di sonno non cambiano rispetto alla fascia di età precedente o se cambiano, cambiano di poco. Molti bambini, però, smettono di dormire il pomeriggio e quasi nessuno fa la nanna di giorno dopo i 5 anni.
Età scolare:
Nessun bambino in età scolare dorme di pomeriggio. E' importante, però, che le ore di sonno a quest'età non scendano sotto le 10/11 ore per notte. I bambini devono andare a letto a presto e dormire un sonno tranquillo e sereno fino al momento di alzarsi. Niente programmi violenti, quindi, eccitanti (per esempio la Coca Cola), film e videogiochi aggressivi prima del momento di andare a dormire. Sì, invece, alla lettura, a giochi tranquilli, a due chiacchiere con mamma e papà prima di dormire.

Serve il sonnellino pomeridiano?
Assolutamente sì. Per i bambini è un vero toccasano, consente loro di recuperare energie, metabolizzare quanto accaduto nella giornata, aumentare la capacità di attenzione e concentrazione.
E' importante, però, che la nanna del pomeriggio non vada oltre le due ore e non interferisca, comunque, con la nanna serala e con l'orario in cui il bambino va a dormire.

 

 

 

Commenta questo articolo
  • Commento inserito da michela il 12 giugno 2017 alle ore 17:08

    buongiorno, se di vostro interesse vorrei invitarvi a leggere questi articoli di approfondimento sul sonno di bambini e neonati: http://sonnobambino.it/articoli-sonno-bambini/

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Neonato-inverno

Il primo inverno del neonato

Le neomamme e i neopapà, oltre ai soliti dubbi che assalgono tutti i genitori alle prime armi, devono affrontare un'altra questione: come affrontare l'inverno con un bambino di poche settimane?

continua »
Fasciatoi-pubblici

Quanti pericoli nei fasciatoi pubblici?

Fasciatoi pubblici. Ad avercene! Spesso bar e ristoranti non ne sono attrezzati e nei negozi, trovarne uno, è un'utopia. Per lo meno in Italia. Laddove, però, ci sono, è comunque necessario rispettare alcune norme igieniche (e non solo) prima di utilizzarli.

continua »
Ingorgo-mammario

Ingorgo mammario: cosa c'è da sapere

L'ingorgo mammario è un problema che può intervenire durante l'allattamento al seno pregiudicandone, talvolta, il buon andamento. Ecco cosa fare e come comportarsi.

continua »
Passaggio-biberon-tazza

Dalla tazza al biberon in 5 mosse

Considerata una conquista minore rispetto ad altre più importanti (svezzamento, passaggio dal pannolino al vasino...), il passaggio dal biberon alla tazza rappresenta, comunque, un momento di crescita per il bambino.

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network