Guida all'acquisto del primo passeggino

Carrozzina? Passeggino? Sistemi modulari? Trio? Duo? Il mercato del trasporto neonati offre talmente tante possibilità che non è così difficile che i futuri genitori possano sentirsi confusi. Ecco alcuni consigli per scegliere consapevolmente.

Articoli Correlati


È più o meno intorno al sesto mese di gravidanza che i futuri neogenitori iniziano a pensare a tutto il corredo per il piccolo in arrivo. Il primo periodo di gravidanza è stato, probabilmente, contrassegnato dall’attesa di questo momento e ora che è arrivato, ecco, proprio ora mamma e papà si sentono confusi, con troppe possibilità davanti a loro e una quantità di proposte che supera di gran lunga la capacità umana di valutare tutti i singoli aspetti per trarre delle conclusioni ed effettuare la scelta più oculata e saggia.
Capita spesso, così, che ci si lascia guidare da parametri non proprio oggettivi o, comunque, che non andrebbero assolutamente messi al primo posto: il gusto estetico, l’esperienza di altri, il prezzo, il marchio, le parole di venditori e commesse, il caso, offerte che a prima vista sembrano interessanti…


In particolare, la scelta del passeggino sembra essere difficoltosa. Non foss’altro perché si tratta, comunque, di un acquisto oneroso per una famiglia e di un oggetto fondamentale per i primi mesi di vita del bebè. Non sbagliare, perciò, è pressoché fondamentale.


PROCEDERE PER MACRO CATEGORIE


Di passeggini per i primissimi mesi ne esistono di innumerevoli tipi, marchi, prezzi formati, pesi, misure. Scegliere è davvero difficile. Soprattutto per un futuro genitore alle prime armi che non ha la benché minima idea di quale potrà essere la sua nuova vita con il bambino. Le domande che affastellano mamma e papà sono tante: meglio un passeggino/carrozzina singoli o è preferibile optare per sistemi modulari comprensivi anche di ovetto? Bisogna privilegiare il confort del bimbo o la propria comodità di trasporto? Al primo posto la sicurezza o al primo posto il costo?
Sono tutte domande che è legittimo porsi e a cui non è semplice dare risposta.
Si può dire, per cominciare, che forse il consiglio più indicato all’inizio è quello di pensare alla propria situazione personale mettendo al primo posto il proprio stile di vita.
Per esempio: il vantaggio dei sistemi Trio (carrozzina, passeggino, ovetto) rispetto agli altri (generalmente, carrozzina/passeggino) è legato, soprattutto, al benessere del piccolo quando i suoi genitori effettuano numerosi spostamenti in auto durante la giornata. L’ovetto, infatti, può essere facilmente spostato dall’auto alla base del passeggino/carrozzina senza sollevare il piccolo che può così, in caso, riposare tranquillamente.
Non è la sicurezza, quindi, a essere messa in discussione in questo caso (tutti i seggiolini auto, infatti, devono essere omologati in base alla normativa CE ed essere dotati di sistema Isofix), ma la praticità e la comodità personali.
Per una prima scrematura, dunque, ci si può porre la domanda: ma uso l’automobile così spesso da aver bisogno di un trio?. Oppure posso optare per un passeggino diverso e acquistare a parte il seggiolino?
In questo modo una prima fondamentale è stata fatta.

Una seconda considerazione può essere legata al peso del mezzo di trasporto. Mamme che vivono in campagna, che poco hanno a che fare con mezzi pubblici, marciapiedi, gradini… possono optare per sistemi di trasporto “più pesanti” e al contempo “più solidi”.
Per chi vive in città, però, la leggerezza è un criterio fondamentale da tenere presente nel momento della scelta per evitare che le passeggiate con bebè si trasformino in un incubo.
In questi casi, quindi, una volta accertatisi del fatto che il passeggino/carrozzina è sicuro e rispetta tutte le normative vigenti, meglio preferirne uno che sia da aperto che da chiuso abbia un peso contenuto, se possibile inferiore ai 10 kg.
Molti genitori si lasciano condizionare da considerazioni di ordine estetico. Nulla di male qualora, però, queste sottostiano a valutazioni di atro tipo di cui non ultima è il costo finale.
Tenete presente, infatti, che vi renderete conto delle vostre effettive esigenze con il passare delle settimane e vi potreste accorgere che quello che ritenevate semplice e scontato non lo è affatto. Ecco perché dovete lasciarvi aperta la possibilità, in caso, di cambiare strada orientandovi su modelli diversi. Questo può essere fatto senza angoscia se la spesa iniziale non è stata eccessiva. Altrimenti, con la scusa di ammortizzare, potreste decidere di tenervi un oggetto che non è comodo per voi né tanto meno funzionale per il vostro bambino.

 

Commenta questo articolo
  • Commento inserito da Sandra il 9 luglio 2017 alle ore 18:21

    Questo articolo ha confermato che la mia scelta di acquistare un Trio è funzionale! Per questo mi sto orientando sulla marca Anex dopo aver sentito buoni pareri.

    Salve

  • Commento inserito da Roberta il 10 settembre 2014 alle ore 10:46

    Salve, devo comprare un passeggino per il mio bambino e sono alquanto indecisa, l'articolo mi ha schiarito le idee riguardo al dubbio tra passeggino o trio facendomi optare per la prima soluzione, però guardando in rete ho visto diversi modelli su http://www.bimbomarket.it/passeggini-C38.htm e vorrei sapere quali sono le principali differenze tra i modelli più economici e quelli più costosi e se mi conviene puntare su una via di mezzo tra le fasce di prezzo, grazie.

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Soffocamento-cibi-pericolosi

Come prevenire il soffocamento da cibo in età pediatrica

Ecco le linee guida per prevenire il soffocamento da cibo in età pediatrica secondo le indicazioni del Ministero della Salute. 

continua »
osteopatia_neonati

Dall'osteopata: quando e perché

Dopo la nascita può essere utile portare il bambino dall'osteopata soprattutto se il parto è stato particolarmente lungo e difficile, se il piccolo presenta difficoltà motorie, è irritabile o soffre di coliche.

continua »
Danza-in-Fascia

Danza in fascia

Danza in fascia è un progetto nato per migliorare il rapporto delle neomamme con i loro bambini attraverso una serie codificata di lezioni di danza a due.

continua »
Statistiche-nido

Asilo nido. Qual è la situazione italiana?

I Italia, solo un bambino su 4 riesce a frequentare il nido. L'obiettivo europeo è che almeno un terzo dei bimbi sotto ai 3 anni possa essere accolto.

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network