Il bambino non dorme? Fascialo

L'usanza di fasciare i bambini appena nati è antica e trasversale, praticata, cioè, in diverse culture, in varie parti del mondo. Il motivo di questa pratica, all'apparenza barbara, è molto semplice: la fasciatura tranquillizza i bebè, li aiuta se hanno le coliche e al momento della nanna.

Articoli Correlati

Il bambino non dorme? Fascialo


Quella di fasciare i neonati è un’usanza antica che, per lo meno in Occidente, veniva utilizzata, subito dopo la nascita del bambino, con uno scopo ben preciso: raddrizzargli le gambine. In realtà, la fasciatura del bebè è trasversale a diverse culture in diverse parti del mondo e la ragione è piuttosto semplice: i bimbi fasciati sono più tranquilli, dormono meglio e riescono ad affrontare più serenamente problemi tipici dei primi giorni quali, per esempio, le coliche.
La spiegazione “scientifica” ha a che fare con il concetto di contenimento: chiusi dentro a una copertina o a un lenzuolino, impossibilitati, di fatto, a muovere gli arti, con i confini abbastanza limitati intorno, i bambini, che per nove mesi hanno vissuto nello spazio ristretto dell’utero materno, si sentono al sicuro, confinati appunto. Vedono restringere il loro campo d’azione e si rassicurano.


Sembrerebbe assurdo che qualcuno, anche un esserino così piccolo, possa trarre giovamento da una condizione di “chiusura fisica”, ma è proprio così. La fasciatura rassicura il bambino, lo contiene, gli dona benessere e pace.
Ecco perché i bambini fasciati dormono meglio, utilizzano il calore per sconfiggere piccoli dolori (le coliche appunto) e sono più tranquilli.

COSA SI INTENDE PER FASCIATURA
Naturalmente in commercio esistono tantissime fasce con cui stringere il bimbo nei primi giorni. A verità è che per farlo è sufficiente un lenzuolino in cotone o una copertina leggera, avvolta intorno al corpo proprio come si farebbe con una fascia.
È fondamentale utilizzare un tessuto non troppo pesante, anche nei mesi invernali, per evitare che chiuso nel suo sacco il bambino posso sudare troppo. Ed è importante, anche, che il materiale sia organico o che, comunque, a contatto con la belle delicata del bimbo, non la irriti.

COME SI EFFETTUA UNA CORRETTA FASCIATURA
Fasciare un bambino è molto semplice. Si dispone la copertina su una superficie (il letto, il fasciatoio…). Quindi, si piega uno degli angoli verso l’interno in modo che la piega ottenuta abbia, più o meno, l’altezza del neonato e lo si appoggia sulla copertina appoggiando il collo sul limite superiore della piega (il concetto è che tutto il corpo, eccetto la testa, sia appoggiato nell’area della coperta).
A questo punto, si tiene il braccio destro del bambino lungo il fianco e lo si chiude con il lembo destro della coperta rimboccandolo sotto alla schiena. Si stende il braccio sinistro e si tira su il lembo inferiore della coperta incastrandolo tra la spalla sinistra e il l’angolo sinistro della coperta, quindi si chiude anche il lembo sinistro. I piedini, completamente chiusi nella coperta, dovrebbero avere lo spazio di muoversi liberamente, in modo da evitare il surriscaldamento.


È consigliato fasciare i bambini fino, più o meno alla fine del terzo mese di vita. Quando maggiori sono i benefici che uno strumento simile apporta al benessere e alla serenità del piccolo. Dopo, per continuare a trasmettergli la sensazione del contenimento durante la nanna, è possibile passare a soluzioni più indicate quali, per esempio, i sacchi nanna. Sono perfetti, soprattutto, durante l’inverno perché evitano che il bimbo scoprendosi possa prendere freddo durante la notte. Possono essere usati anche fino ai 2/3 anni (purché della giusta misura) e continuano a trasmettere al bambino una sensazione di contenimento e raccoglimento rilassante e piacevole.

Commenta questo articolo
  • Commento inserito da Sara il 12 ottobre 2021 alle ore 19:14

    Che sia benedetta la fasciatura!

    Ginevra ha quasi 3mesi e tra poco dovrà smettere perchèinizia a portare le manine alla bocca e quindi passerà al sacco nanna

    Ma in questi 3 mesi, fasciarla mi ha letteralmente salvato! Prima di giudicare bisogna provare o quantomeno osservare! Me l'hanno insegnato le ostetriche all'ospedale e ho continuato

    Inizialmente mamma , suocera ecc. mi guardavano perplesse. Poi hanno visto che miracolo fa e allora hanno capito e taciuto!

  • Commento inserito da Creta il 29 settembre 2021 alle ore 18:11

    Io ne uso molte, mio figlio le adora e riesce a dormire tutta la notte svegliandosi solo per 2/3 poppate. Non sono restrittive. Da evitare però quando il bambino comincia a girarsi da solo.

  • Commento inserito da Marcella il 29 settembre 2021 alle ore 18:08

    Tante mammine pancina qua non hanno capito che la fascia non è quella mediovale dove i bambini sono immobilizzati, ma sono delle comode coperte che avvolgono il bambino lasciandogli la possibilità di muovere gambe e braccia. Molte sono più simili a sacchi a pelo. Con tanto di cerniera e tutto lo spazio necessario per muovere le braccia. Invece di parlare a vanvera con il classico "legherei i genitori" informatevi meglio...che poi magari siete le stesse che dormono con il figlio in braccio in divano.

  • Commento inserito da Dady il 2 settembre 2020 alle ore 20:40

    Mio figlio di un mese si svegliava ogni ora durante la notte,poverino anche per lui......da quando lo fascio si sveglia una massimo due volte per poppare.....se non lo faccio non dorme nemmeno nel pomeriggio.....ora ha due mesi e 2 settimane,sorride quando lo fascio e dopo mangiato lo metto nella culetta e si addormenta da solo..... quindi si alla fascia purché quella addata cioè elastica e traspirante...

  • Commento inserito da Sabrina il 20 aprile 2020 alle ore 12:45

    Eccellente

  • Commento inserito da il 12 aprile 2020 alle ore 06:30

  • Commento inserito da il 2 marzo 2020 alle ore 21:43

    Credo che fasciarli sia assolutamente sbagliato.Ok dentro la pancia sono contenuti, questo non vuol dire che gli faccia bene una volta nati !, tant è vero che il primo istinto appena "liberati" è quello di stiracchiarsi!

  • Commento inserito da Alessandra il 23 settembre 2019 alle ore 12:28

    Ritengo personalmente che non ci sia una verità assoluta su ogni cosa e che sia giusto trovare un punto di equilibrio e sperimentare. Per quanto riguarda mio figlio, mi capita di fasciarlo ogni tanto, e intendo una,due volte a settimana, per lo più quando per motivi a noi sconosciuti(perché non esiste una risposta a tutto) il piccolo è più agitato/nervoso o ha il sonno più leggero, e ho avuto SEMPRE un effetto positivo e calmante INMEDIATO. Ovvero: niente ciuccio(che normalmente uso) niente ore in piedi a cullarlo e niente poppata da conforto. Mio figlio si addormenta in due minuti PUNTO. ;)

  • Commento inserito da Alessandra il 23 settembre 2019 alle ore 12:26

    Ritengo personalmente che non ci sia una verità assoluta su ogni cosa e che sia giusto trovare un punto di equilibrio e sperimentare. Per quanto riguarda mio figlio, mi capita di fasciarlo ogni tanto, e intendo una,due volte a settimana, per lo più quando per motivi a noi sconosciuti(perché non esiste una risposta a tutto) il piccolo è più agitato/nervoso o ha il sonno più leggero, e ho avuto SEMPRE un effetto positivo e calmante INMEDIATO. Ovvero: niente ciuccio(che normalmente uso) niente ore in piedi a cullarlo e niente poppata da conforto. Mio figlio si addormenta in due minuti PUNTO. ;)

  • Commento inserito da Gianluca il 11 novembre 2018 alle ore 12:02

    Che misura? 80 x 80 si riesce ad avvolgere il bebè?


  • Leggi tutti i commenti

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Estate_home

Come vincere il caldo

Temperature elevate per più giorni consecutivi e alti valori di umidità mettono a dura prova la salute, soprattutto dei più deboli. I consigli del Ministero della Salute per difendersi dal caldo.

continua »
Percentili-cosa-sono

A cosa serve il calcolo dei percentili

I percentili altro non sono che l'unità di misura inserita all'interno della curva di crescita che permette di stabilire se il neonato (e il bambino) cresce in modo regolare per la sua età. Ecco come si calcolano. 

continua »
SMA-Atrofia-muscolarespinale

SMA, lo screening neonatale contro l'atrofia muscolare spinale

Un semplice prelievo di sangue effettuato nei primi giorni di vita del bambino permette di individuare precocemente eventuali anomalie genetiche causa di atrofia muscolare spinale. E salvare così la vita ai piccoli affetti.

continua »
Outfit-allattamento

Allattare con stile

Tre consigli per scegliere l'outfit più adatto durante l'allattamento che sia comodo e al contempo femminile ed elegante.

continua »
Cerca altre strutture