Il bambino non dorme? Fascialo

L'usanza di fasciare i bambini appena nati è antica e trasversale, praticata, cioè, in diverse culture, in varie parti del mondo. Il motivo di questa pratica, all'apparenza barbara, è molto semplice: la fasciatura tranquillizza i bebè, li aiuta se hanno le coliche e al momento della nanna.

Articoli Correlati

Il bambino non dorme? Fascialo


Quella di fasciare i neonati è un’usanza antica che, per lo meno in Occidente, veniva utilizzata, subito dopo la nascita del bambino, con uno scopo ben preciso: raddrizzargli le gambine. In realtà, la fasciatura del bebè è trasversale a diverse culture in diverse parti del mondo e la ragione è piuttosto semplice: i bimbi fasciati sono più tranquilli, dormono meglio e riescono ad affrontare più serenamente problemi tipici dei primi giorni quali, per esempio, le coliche.
La spiegazione “scientifica” ha a che fare con il concetto di contenimento: chiusi dentro a una copertina o a un lenzuolino, impossibilitati, di fatto, a muovere gli arti, con i confini abbastanza limitati intorno, i bambini, che per nove mesi hanno vissuto nello spazio ristretto dell’utero materno, si sentono al sicuro, confinati appunto. Vedono restringere il loro campo d’azione e si rassicurano.


Sembrerebbe assurdo che qualcuno, anche un esserino così piccolo, possa trarre giovamento da una condizione di “chiusura fisica”, ma è proprio così. La fasciatura rassicura il bambino, lo contiene, gli dona benessere e pace.
Ecco perché i bambini fasciati dormono meglio, utilizzano il calore per sconfiggere piccoli dolori (le coliche appunto) e sono più tranquilli.

COSA SI INTENDE PER FASCIATURA
Naturalmente in commercio esistono tantissime fasce con cui stringere il bimbo nei primi giorni. A verità è che per farlo è sufficiente un lenzuolino in cotone o una copertina leggera, avvolta intorno al corpo proprio come si farebbe con una fascia.
È fondamentale utilizzare un tessuto non troppo pesante, anche nei mesi invernali, per evitare che chiuso nel suo sacco il bambino posso sudare troppo. Ed è importante, anche, che il materiale sia organico o che, comunque, a contatto con la belle delicata del bimbo, non la irriti.

COME SI EFFETTUA UNA CORRETTA FASCIATURA
Fasciare un bambino è molto semplice. Si dispone la copertina su una superficie (il letto, il fasciatoio…). Quindi, si piega uno degli angoli verso l’interno in modo che la piega ottenuta abbia, più o meno, l’altezza del neonato e lo si appoggia sulla copertina appoggiando il collo sul limite superiore della piega (il concetto è che tutto il corpo, eccetto la testa, sia appoggiato nell’area della coperta).
A questo punto, si tiene il braccio destro del bambino lungo il fianco e lo si chiude con il lembo destro della coperta rimboccandolo sotto alla schiena. Si stende il braccio sinistro e si tira su il lembo inferiore della coperta incastrandolo tra la spalla sinistra e il l’angolo sinistro della coperta, quindi si chiude anche il lembo sinistro. I piedini, completamente chiusi nella coperta, dovrebbero avere lo spazio di muoversi liberamente, in modo da evitare il surriscaldamento.


È consigliato fasciare i bambini fino, più o meno alla fine del terzo mese di vita. Quando maggiori sono i benefici che uno strumento simile apporta al benessere e alla serenità del piccolo. Dopo, per continuare a trasmettergli la sensazione del contenimento durante la nanna, è possibile passare a soluzioni più indicate quali, per esempio, i sacchi nanna. Sono perfetti, soprattutto, durante l’inverno perché evitano che il bimbo scoprendosi possa prendere freddo durante la notte. Possono essere usati anche fino ai 2/3 anni (purché della giusta misura) e continuano a trasmettere al bambino una sensazione di contenimento e raccoglimento rilassante e piacevole.

Commenta questo articolo
  • Commento inserito da Sabrina il 20 aprile 2020 alle ore 12:45

    Eccellente

  • Commento inserito da il 12 aprile 2020 alle ore 06:30

  • Commento inserito da il 2 marzo 2020 alle ore 21:43

    Credo che fasciarli sia assolutamente sbagliato.Ok dentro la pancia sono contenuti, questo non vuol dire che gli faccia bene una volta nati !, tant è vero che il primo istinto appena "liberati" è quello di stiracchiarsi!

  • Commento inserito da Alessandra il 23 settembre 2019 alle ore 12:28

    Ritengo personalmente che non ci sia una verità assoluta su ogni cosa e che sia giusto trovare un punto di equilibrio e sperimentare. Per quanto riguarda mio figlio, mi capita di fasciarlo ogni tanto, e intendo una,due volte a settimana, per lo più quando per motivi a noi sconosciuti(perché non esiste una risposta a tutto) il piccolo è più agitato/nervoso o ha il sonno più leggero, e ho avuto SEMPRE un effetto positivo e calmante INMEDIATO. Ovvero: niente ciuccio(che normalmente uso) niente ore in piedi a cullarlo e niente poppata da conforto. Mio figlio si addormenta in due minuti PUNTO. ;)

  • Commento inserito da Alessandra il 23 settembre 2019 alle ore 12:26

    Ritengo personalmente che non ci sia una verità assoluta su ogni cosa e che sia giusto trovare un punto di equilibrio e sperimentare. Per quanto riguarda mio figlio, mi capita di fasciarlo ogni tanto, e intendo una,due volte a settimana, per lo più quando per motivi a noi sconosciuti(perché non esiste una risposta a tutto) il piccolo è più agitato/nervoso o ha il sonno più leggero, e ho avuto SEMPRE un effetto positivo e calmante INMEDIATO. Ovvero: niente ciuccio(che normalmente uso) niente ore in piedi a cullarlo e niente poppata da conforto. Mio figlio si addormenta in due minuti PUNTO. ;)

  • Commento inserito da Gianluca il 11 novembre 2018 alle ore 12:02

    Che misura? 80 x 80 si riesce ad avvolgere il bebè?


  • Commento inserito da il 24 ottobre 2018 alle ore 23:17

    Forse le fasciature più rigide di una volta erano sbagliate... ma avvolgere il neonato in una copertina morbida dà molti benefici

  • Commento inserito da Gabriella il 2 aprile 2018 alle ore 10:44

    Non fatelo assolutamente! Sono stata fasciata da piccola, purtroppo ho riportato problemi di mobilità alle anche e al bacino. Purtroppo è una tecnica sbabliata che può fare solo danni.

  • Commento inserito da Simonetta il 8 gennaio 2018 alle ore 14:02

    Terribile, solo guardare un neonato insaccato come un salame mi fa venire voglia di legare i genitori. Conosco qualcuno che lo ha fatto, il bambino ha avuto problemi di linguaggio, potrebbero non essere collegate le due cose, ma nel dubbio, eviterei.

  • Commento inserito da Gio il 6 ottobre 2017 alle ore 11:42

    In Australia, UK e USA e€ usato moltissimo. Io vivo in Australia ed è una pratica raccomandata dai tutti i medici specialisti e migliori ospedali (classificati tra i primi 10 al mondo). Certo dimenticavo.. noi italiani sappiamo sempre tutto e siamo i migliori al mondo quindi quello che fa il resto del mondo è sempre sbagliato 👍🏻

  • Leggi tutti i commenti

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Provenzali-linea-infanzia

Biologici e sostenibili. Così i prodotti per la prima infanzia

Sono biologici, sostenibili e certificati dal WWF i nuovi prodotti della linea I Provenzali pensati per la prima infanzia. Per mamme green, attente alla salute dei bambini. E del pianeta.

continua »
Movimento-neonati

Attività fisica del neonato

Dai primissimi mesi fino ai 2 anni, ecco come aiutare il bambino a prendere confidenza con il suo corpo e con lo spazio circostante attraverso il movimento e l'attività fisica.

continua »
Netflix-serieBebe

Bebè: viaggio nel primo anno di vita

Dalla natura all'educazione, una docuserie su Netflix esplora le rivoluzionarie teorie scientifiche che rivelano come i neonati scoprono la vita durante il primo anno di età.

continua »
tata_home1

Amnesia dissociativa: perche' succede di lasciare il bebe' in auto

L'Italia è il primo Paese al mondo ad avere adottato misure precauzionali per evitare il pericolo di lasciare il bambino in auto da solo. Ecco cos'è l'amnesia dissociativa e come funzionano i dispositivi anti-abbandono.

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network