Il ruolo dello sguardo nella costruzione della relazione

Lo sviluppo dei 5 sensi nei primi mesi di vita e l'importanza dello sguardo nella costruzione della relazione mamma-bambino. 

Articoli Correlati

Il ruolo dello sguardo nella costruzione della relazione


Il primo incontro che il neonato ha con la vita è con la madre, e più precisamente con il “luogo materno”, cioè con la mente, le emozioni, le sensazioni tattili, gli odori, il calore del corpo, la stretta dell’abbraccio, lo sguardo, la voce e le parole della mamma. Il bambino infatti, non si nutre esclusivamente di latte, ma anche di un particolare “cibo” che nutre il cuore e lo fa sentire amato, desiderato, rassicurato.
A giocare un ruolo importante, quindi, come fonti di nutrimento sia per il genitore sia per il figlio, sono anche i cinque sensi.



Tramite l’udito, la mamma percepisce e risponde ai bisogni che il bambino esprime attraverso il suo pianto e i suoi vocalizzi e il bimbo, a sua volta, recepisce le frasi che l’adulto gli rivolge.
Il tatto è il primo senso che si sviluppa nell’utero e a questa dimensione appartengono gli abbracci, le carezze, il contatto con la pelle.

L’olfatto permette al piccolo di percepire l’odore della mamma e di riconoscere l’odore del latte materno.
Il gusto gli consente di apprezzare i sapori assorbiti attraverso il latte materno.
La vista, infine, è di fondamentale importanza nella relazione madre-bambino: attraverso il contatto visivo che si verifica durante l’allattamento il piccolo percepisce l’amore della madre che accompagna il momento del pasto.

È indispensabile che il bambino faccia esperienza dello sguardo dell’altro, che sviluppi un intimo contatto con la madre attraverso la vista.
In particolare, lo sguardo della mamma si costituisce come peculiare specchio che consente al bambino di iniziare a costruire una propria identità, riflettendosi negli occhi dell’altro. Attraverso lo sguardo, inoltre, il bambino comunica alla madre ciò di cui ha bisogno; sta a chi si prende cura del piccolo, capire e interpretare i segnali del bimbo.
Una delle domande che spesso i genitori si pongono è come vede il neonato e come si sviluppano le funzioni visive.
Non esiste una risposta universale a questa domanda: alcuni autori sostengono che i bambini appena nati non vedono fino ai 3 mesi di vita, altri affermano che sono in grado di distinguere solo le ombre.
In generale, è possibile affermare che nel primo mese di vita il neonato indirizza la sua attenzione principalmente verso fonti luminose.
Dal secondo mese inizia a seguire con gli occhi gli oggetti in movimento.
A partire dal quarto mese c’è un affinamento dell’acutezza visiva e il bambino inizia a osservare e manipolare gli oggetti.
Verso il quinto mese il neonato inizia a porre attenzione al suo corpo e a riconoscere i volti.
Tra i 6/7 mesi inizia ad afferrare gli oggetti e a spostare la direzione dello sguardo da un oggetto all’altro.

Le espressioni adulte che più facilmente vengono identificate dai bambini sono i sorrisi, forme di comunicazione estremamente importanti. Inizialmente il sorriso del bambino è riflessivo, principalmente in risposta a stimoli di una certa intensità; solo verso i due o tre mesi il sorriso diventa sociale e quindi in risposta a ciò che al bambino piace. Intorno ai nove mesi il sorriso diventa selettivo, indirizzato ai volti familiari, principalmente quello della madre. Solo verso il compimento del primo anno di vita il piccolo inizierà a sorridere anche agli estranei. Il sorriso del bambino ha solitamente degli effetti sulla madre, che a sua volta sorride al piccolo, gli parla affettuosamente, lo culla. I sorrisi del genitore contengono, proteggono e veicolano sentimenti positivi, permettendo al bambino di sentirsi a suo agio, di essere sereno e di provare sensazioni di benessere. Lo sguardo reciproco madre-bambino è di fondamentale importanza per lo sviluppo del mondo interno del bambino e per la costituzione della relazione d’attaccamento tra genitore e figlio.

Per maggiori informazioni:
Associazione Pollicino e Centro Crisi Genitori Onlus
Via Amedeo d'Aosta 6 - Milano
info@pollicinoonlus.it
www.pollicinoonlus.it
Numero Verde: 800.644.622


Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
AppMammeInAffari

Shopping da Mamma a Mamma

Arriva l'app MAMMEinAFFARI, la piattaforma gratuita che nasce come mercatino dell’usato dove le mamme vendono vestiti e accessori dei bimbi.  

continua »
Come-si-parla-al-neonato

Come si parla a un neonato?

Comunicare con il neonato e il bambino di pochi mesi è fondamentale per aiutarlo sin da subito a sviluppare il linguaggio e a prendere coscienza della realtà che lo circonda. Ma come si 'parla' con il bebè?

continua »
Rumore-bianco-neonati

I neonati e il rumore bianco

Costante, leggero, ripetitivo, il rumore bianco è un suono in grado di conciliare il sonno e rilassare la mente. Funziona sia con i grandi che con i piccini, ma è formidabile con i neonati che sembrano trovare subito calma e tranquillità.

continua »
Rotavirus

Cosa ne sai del Rotavirus?

#unapreoccupazioneinmeno è la campagna che vuole diffondere tra le famiglie una maggiore consapevolezza sulle insidie del Rotavirus.

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network