Indice di Apgar: l'esame del neonato

Alla nascita, immediatamente dopo il parto, il neonato viene sottoposto a una sorta di test che, seguendo dei parametri standard, serve a valutare le sue condizioni di salute nei secondi che seguono la nascita. E' l'indice di Apgar. Il primo esame del bebè.

Articoli Correlati


Nei secondi che seguono al parto, mentre la neomamma è ancora sotto i 'ferri' e, probabilmente, non ha ancora partorito la placenta, il neonato viene sottoposto a una serie di controlli che servono per valutarne lo stato di salute e la sua capacità di adattamento alla vita extrauterina.
Si tratta del'indice di Apgar che porta il nome dell'anestesista che lo ideò agli inizi degli Anni Cinquanta e che tuttora viene utilizzato negli ospedali di quasi tutto il mondo.


Si basa, sostanzialmente, sull'osservazione di cinque parametri ai quali viene assegnato un punteggio da 0 a 2 per un valore massimo di 10 e che viene ripetuto tre volte: dopo un minuto, dopo cinque e dopo dieci minuti dalla nascita (se occorre, il test viene ripetuto a oltranza fino a normalizzazione).

INDICE DI APGAR: I PARAMETRI PRESI IN ESAME<

  • Frequenza cardiaca: assente (0 punti), <100 bpm (1 punto), >100 bpm (2 punti).
  • Respirazione: assente (0 punti), debole o irregolare (1 punto), vigorosa con pianto (2 punti).
  • Tono muscolare: assente (0 punti), flessione accennata (1 punto), movimenti attivi (2 punti).
  • Riflessi (risposta al catetere nasofaringeo): assente (0 punti), scarsa (1 punto), starnuto, pianto vivace, tosse (2 punti).
  • Colore della pelle: cianotico e pallido (0 punti), estremità cianotiche (1 punto), normale (2 punti).


Un neonato con un punteggio inferiore a 4 è considerato gravemente depresso e bisognoso di cure, da 4 a 6 moderatamente a rischio, tra 7 e 10 normale.

COME PUO' CAPIRE LA MAMMA CHE IL SUO BAMBINO E' SANO?
Per quanto confusa, dolorante e immensamente felice, la neomamma (e il neopapà se presente in sala parta) può rendersi conto anche da sola dello stato di salute del suo bambino da alcuni semplici segnali: se il bimbo piange subito dopo la nascita, è probabile che stia bene. Sicuramente non ha grossi problemi respiratori. Attenzione, però, che a volte il pianto tarda qualche istante ad arrivare e questo non significa che il bebè abbia problemi.
Se gli si porge il dito, il piccolo tende ad afferrarlo con le manine. Se la mamma gli parla e la luce della sala parto non lo infastidisce, il bambino apre gli occhi e rivolge lo sguardo alla madre, attratto dal suo volto.
Appoggiato sul seno, lentamente ma con determinazione, il neonato cerca il capezzolo e quando lo trova vi si aggrappa in cerca di latte, con un istinto assolutamente naturale.

 

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
NumeroBambiniItalia

Italia: un Paese di vecchi

Secondo l'ultimo rapporto ISTAT, diminuiscono ancora il numero di nascite in Italia che è, ormai, ai minimi storici. L'età media è 45 anni.

continua »
Corso-tagersmutter

A Milano corso per diventare Tagersmutter

Viene presentato oggi 30 gennaio il Corso di formazione Professionale Tagersmutter 2018. Alle ore 18.00 presso la sede di Baby 360.

continua »
Saporiforti

Sapori forti durante l'allattamento? Perché no?

Esposizione precoce agli antigeni durante l'allattamento o approccio restrittivo? Il dibattito è aperto, ma l'OMS favorisce l'introduzione di cibi forti nell'alimentazione della mamma.

continua »
laika_zelia_home

Super compatto senza limiti o essenziale in città?

Laika o Zelia? Ecco gli ultimi due passeggini entrati a far parte della famiglia Bébé Confort.

continua »
Cerca altre strutture







Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network