Ingorgo mammario: cosa c'è da sapere

L'ingorgo mammario è un problema che può intervenire durante l'allattamento al seno pregiudicandone, talvolta, il buon andamento. Ecco cosa fare e come comportarsi.

Articoli Correlati

Ingorgo mammario: cosa c'è da sapere



L'ingorgo mammario è un disturbo abbastanza frequenti che può colpire la neomamma nelle prime settimane di vita del bambino. La produzione di latte, infatti, funziona in base alla legge della domanda e dell'offerta: più il piccolo viene attaccato al seno (e nel modo corretto), maggiori sono le possibilità che l'allattamento si avvii nel modo giusto e senza grossi problemi.


Finché, quindi, il seno non 'impara' a riconoscere la quantià di latte necessaria per soddisfare le esigenze del bimbo fornendogli tutto il nutrimento di cui ha bisogno, può succedere che i seni non si svuotino correttamente provocando, appunto, un ingorgo. Il dolore provato dalla mamma può essere piuttosto intenso, rendendo difficoltoso l'allattamento stesso. 
Ecco perché è importante intervenire immediatamente e nel modo corretto.

INGORGO MAMMARIO
Come dicevamo sopra, l'ingorgo mammario è causato da uno squilibrio tra la produzione di latte e la quantità che viene poppato dal neonato. Nella maggior parte dei casi, si verifica nei primi giorni dopo il parto e più esattamente quando avviene il passaggio dalla produzione del colostro a quella del latte vero e proprio.
Lo stesso problema, però, si può verificare anche più avanti quando il neonato non viene attaccato a sufficienza o quando la quantità di latte assunta a ogni signola poppata non è sufficiente a svuotare la mammella.

I sintomi:
i sitnomi principali dell'ingorgo mammario sono seno duro, gonfio, dolorante e spesso caldo al tatto. Talvolta il capezzolo appare ritratto verso l'interno, cosa che rende difficoltoso, per il bambino, attaccarsi e succhiare.
A questi sintomi, se ne possono accompagnare altri che intaccano lo stato di salute generale della neomamma: senso di affaticamente, stanchezza, perdita di appetito, febbre...
Un ingorgo mammario non ben trattato potrebbe trasformarsi in mastite.

Cosa fare:
poiché l'ingorgo mammario è causato da un'eccessiva produzione di latte, la cosa migliore, qualora dovesse verificarsi, è attaccare spesso il bambino in modo da facilitarne la fuoriuscita e regolarne la produzione stessa.
Se l'attaccamento dovesse risultare troppo doloroso o se il piccolo non riuscissi a succhiare, il consiglio è quello di svuotare il seno utilizzando un tiralatte o con la spremitura manuale.
Inoltre, sempre al fine di rendere l'allattamento meno doloroso e prevenire, in seguito, altri problemi, si consiglia di:

  • Effettuare spugnature con acqua calda nei 10/15 minuti che precedono l'allattamento per ammorbidire il seno e rendere meno doloroso l'attaccamento del piccolo
  • Sempre al fine di alleviare il dolore, è possibile massaggiare la mammella con delicati movimenti concentrici in direzione del capezzolo.
  • Dopo ogni poppata, procedere allo svuotamento manuale del seno in modo da evitare ristagni di latte nella mammella.
  • Sempre al termine della poppata, per alleviare il dolore, può giovare un impacco freddo in regione ascellare.
  • Durante l'allattamento, utilizzare sempre reggisenti comodi.



 

Commenta questo articolo
  • Commento inserito da Miriam il 16 novembre 2018 alle ore 11:23

    Sono tutti consigli che sono stati dati anche al corso pre-parto

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
primo-mese-di-vita

Il primo mese di vita del neonato

Cosa succede nel primo mese di vita del neonato? Quali sono le prime difficoltà che mamma e papà devono affrontare nei primi giorni a casa con il bambino? 

continua »
SIN_SEPSI

Sepsi neonatale

Per la Societa'  Italiana di Neonatologia (SIN) e' necessario tenere alta l'attenzione su questa problematica che e'¨ tra le principali cause di morte neonatale

continua »
Estate_home

Come vincere il caldo

Temperature elevate per più giorni consecutivi e alti valori di umidità mettono a dura prova la salute, soprattutto dei più deboli. I consigli del Ministero della Salute per difendersi dal caldo.

continua »
Percentili-cosa-sono

A cosa serve il calcolo dei percentili

I percentili altro non sono che l'unità di misura inserita all'interno della curva di crescita che permette di stabilire se il neonato (e il bambino) cresce in modo regolare per la sua età. Ecco come si calcolano. 

continua »
Cerca altre strutture